L’Ucraina è contraria allo status speciale del Donbass

  
0

1.

Il vice primo ministro dell’Ucraina e il vice capo della delegazione di Kiev a Minsk, Alexey Reznikov, hanno annunciato lo sviluppo di un pacchetto di progetti di legge sul periodo di transizione per il Donbass. Allo stesso tempo, Reznikov ha espresso l’opinione che la reintegrazione della regione durerà almeno una generazione, cioè circa 25 anni. Il vice primo ministro ha anche sottolineato che l’Ucraina non prescriverà lo status speciale del Donbass nella Costituzione. «Questo è fuori discussione. Il presidente ha ripetutamente affermato che gli accordi di Minsk richiedono modifiche. Questa è la posizione che difendiamo nel gruppo di contatto trilaterale», ha osservato Reznikov.

2.

Gli osservatori della Missione speciale di monitoraggio dell’OSCE hanno confermato nel loro rapporto ufficiale l’estrazione della strada vicino a Sсiastie da parte del personale militare delle forze armate dell’Ucraina. Lo ha annunciato in un briefing Ivan Filiponenko, un ufficiale del servizio stampa del Dipartimento di Polizia Popolare della RPL. “Con la scusa di una tregua, il nemico continua a minare il territorio. Sono state identificate 38 mine anticarro, piantate lungo una strada locale nella regione della Sciastie, nell’area di responsabilità della 25a brigata. Questi fatti sono confermati dal rapporto ufficiale dell’OSCE del 17 settembre 2020 ”, ha affermato.

3.

Il funzionario di Kiev ha bloccato il lavoro del meccanismo di coordinamento per rispondere alle violazioni con la partecipazione del Centro comune per il controllo all’attuale composizione. Durante le riunioni del gruppo di lavoro sulle questioni di sicurezza e del gruppo di contatto che si sono svolte il 15 e 16 settembre, la parte ucraina ha evitato di discutere una nuova data per un’ispezione congiunta delle violazioni di posizione delle forze armate ucraine nell’area dell’insediamento di Shumy, ha detto l’ufficio della RPD nel Centro comune per il controllo. Tuttavia, nonostante il fatto che i rappresentanti del RPD abbiano espresso la loro disponibilità a condurre ispezioni congiunte sul nostro territorio, in quei luoghi in cui l’SMM dell’OSCE ha registrato violazioni di posizione, e hanno anche insistito per tornare alla discussione dell’ispezione congiunta contrastata da Kiev nella regione di Shumy, che le parti hanno concordato in una riunione straordinaria del Gruppo di contatto Il 9 settembre, la parte ucraina ha annunciato di non vedere più la necessità di tali eventi. Pertanto, l’Ucraina di fatto ha rifiutato di adottare misure aggiuntive, svalutando il ruolo del meccanismo di coordinamento, che, di fatto, è fondamentale per la verifica e la pronta risposta a tutte le violazioni.

4.

«Al fine di impedire il rilevamento di apparecchiature situate in insediamenti sul territorio di abitazioni private, nonché in violazione delle linee di ritiro, il comandante dell’operazione delle forze congiunte Kravchenko in una riunione del 14 settembre ha incaricato i comandanti delle formazioni di contrastare i veicoli aerei senza pilota della missione di osservatori internazionali», Alexander Mazeikin, addetto stampa del dipartimento della milizia popolare della RPL. Ha affermato che le forze e i mezzi di difesa aerea della 14a brigata hanno condotto un addestramento al controllo del fuoco con lo sviluppo di problemi di rilevamento, tracciamento e distruzione di obiettivi aerei.

5.

Lo scambio di prigionieri tra le parti interessate sarà discusso la prossima settimana. Lo ha affermato il capo dell’Ufficio del Presidente dell’Ucraina Andrey Yermak. “Ci aspettiamo che già nei prossimi incontri, che si terranno nella prossima settimana, si discuta la questione e le date specifiche del prossimo scambio di prigionieri. Ad oggi, ci sono circa 100 persone nelle liste da ogni parte «, ha detto Yermak. Ha osservato che una missione della Croce Rossa andrà nel territorio del Donbass non controllato dall’Ucraina, specificando che questa sarà la prima fase di preparazione per lo scambio di prigionieri.

6.

Il Ministero degli affari interni della RPL ha riferito che i dipendenti delle divisioni strutturali del Ministero sequestrati dai nascondigli scoperti nell’area dei villaggi di Nagorny e Dubovsky, una carabina SKS, due lanciagranate, quattro granate, una miccia, 689 colpi di vari calibri, una mina di segnalazione, un razzo di segnalazione e tre conservare nella macchina.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется


Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!
ANNA NEWS радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Включить радио ANNA-NEWS Выключить радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Радио
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: