L’UE rischia di rimanere senza il supporto americano

  
0

Gli Stati Uniti hanno chiesto che l’Unione europea fornisca l’accesso ai suoi ordini militari, altrimenti Bruxelles rischia di rimanere senza il supporto militare americano «sotto la minaccia russa», riferisce RIA Novosti con riferimento al quotidiano spagnolo El Pais. Secondo il giornale, l’ultimatum è stato lanciato il 22 maggio a Washington nel corso di una riunione alla quale hanno preso parte rappresentanti dell’UE e di Michael Murphy, responsabile della Casa Bianca per le relazioni con Bruxelles. L’insoddisfazione americana è connessa agli standard del futuro Fondo europeo di difesa (FED) e ai progetti di cooperazione strutturata permanente in materia di sicurezza e difesa dei paesi dell’UE (PESCO). Secondo gli Stati Uniti, le nuove norme europee in materia di proprietà intellettuale, trasferimento di tecnologia e controllo delle esportazioni impediranno alle imprese americane di partecipare ai contratti di difesa dell’UE.

Il ministro degli Esteri canadese Christina Freeland ha dichiarato che Ottawa ha sospeso temporaneamente il lavoro della sua ambasciata in Venezuela a causa del fatto che i visti dei diplomatici canadesi scadono alla fine di giugno. Secondo lei, i diplomatici canadesi «non possono estendere i visti sotto il regime» del presidente venezuelano Nicolas Maduro. Freeland ha anche osservato che «il regime ha adottato misure per limitare la capacità delle ambasciate straniere di operare in Venezuela, in particolare in quei paesi che sono a favore del ripristino della democrazia». Ricordiamo che all’inizio di maggio, il governo del Canada ha invitato Maduro a dimettersi.

L’esercito siriano ha cacciato i terroristi dal villaggio di Kafr Nbud. Secondo i nostri ufficiali militari, la città è sotto il controllo delle forze governative. Kafr Nbuda è importante, lungo l’autostrada Hama-Aleppo. È stato riferito che i resti delle bande sono costretti a ritirarsi, continuano a perseguire l’aviazione militare e dell’esercito siriano.

Almeno cinque persone sono morte nella capitale sudanese Khartoum dopo che le forze di sicurezza sudanesi hanno cercato di disperdere una folla di molte migliaia, riunite nel centro della città di fronte al Ministero della Difesa e al quartier generale dell’esercito, con richieste per i militari che hanno commesso il colpo di stato in aprile, per trasferire il potere al governo civile , Riferisce Interfax, citando la Associated Press. Ha anche riportato un gran numero di vittime, ma quante persone sono rimaste ferite è ancora sconosciuto. Alla scena sono state udite esplosioni e sparatorie con mitragliatrici. Al Jazeera osserva che l’azione è stata presa dopo che i militari al potere nel paese hanno definito i manifestanti «una minaccia alla sicurezza nazionale».

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump è arrivato con una visita ufficiale di tre giorni nel Regno Unito, riferisce TASS con riferimento all’AFP. Martedì Trump terrà colloqui bilaterali con il primo ministro Theresa May e incontrerà anche rappresentanti degli ambienti economici dei due paesi. In un incontro con maggio, il leader americano intende toccare l’accordo di libero scambio che i due paesi possono concludere entro pochi mesi dopo la Brexit per aiutare Londra a compensare le perdite subite a seguito di cambiamenti nelle relazioni commerciali con l’UE. Si prevede che i temi di discussione saranno anche la situazione attorno alla società cinese Huawei, che Londra avrebbe coinvolto nell’invio di reti di comunicazione di quinta generazione, nonché nella sicurezza internazionale — comprese le minacce che presumibilmente provengono dalla Russia.

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется


Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Читайте также:

Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: