La coalizione araba lanciò un’offensiva sulla posizione degli ussiti

  
0

La coalizione, guidata dall’Arabia Saudita, ha annunciato l’inizio di un’offensiva sulla posizione degli ussiti a nord della città portuale di Hodeida, nello Yemen orientale, secondo quanto riferito da TASS citando Reuters. Secondo queste informazioni, verranno effettuati attacchi aerei su «obiettivi militari». I rappresentanti della coalizione esortano i civili a evitare di stare vicino a oggetti designati. Ricordiamo che nella notte del 14 settembre, due delle più grandi imprese della compagnia petrolifera saudita saudita Aramco ad Abkaik e Khurais furono attaccate. I sostenitori del movimento Ansar Allah hanno rivendicato la responsabilità degli attacchi che hanno gravemente colpito la produzione di petrolio nel regno.

Russia, Turchia e Iran hanno concordato di adottare misure concrete per proteggere i civili e il personale militare dei paesi garanti nella regione della zona di de-escalation di Idlib in Siria. Lo afferma una dichiarazione congiunta a seguito dei risultati del vertice di Ankara sull’insediamento del conflitto siriano. I leader dei tre paesi hanno espresso seria preoccupazione per la crescente presenza dell’organizzazione terroristica Kheyat Tahrir al-Sham (bandita nella Federazione Russa) nella zona di de-escalation e hanno ribadito la loro determinazione a continuare la cooperazione nell’interesse dell’eliminazione finale dei gruppi terroristici ISIS, Jabhat al-Nusra (vietato in Russia) e tutti gli altri associati ad Al-Qaida (bandito nella Federazione Russa). In una dichiarazione congiunta, i leader dei tre paesi hanno anche affermato che la Russia, la Turchia e l’Iran sono impegnati nella «sovranità, indipendenza, unità e integrità territoriale» della Siria e hanno chiamato «attacchi militari israeliani in Siria che violano la sovranità e l’integrità territoriale» della SAR.

Secondo il Wall Street Journal, il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, dopo i recenti attacchi contro una raffineria saudita, sta valutando la possibilità di distribuire missili e sistemi di difesa antiaerea aggiuntivi, nonché attrezzature da combattimento e da ricognizione. Secondo fonti, il comando centrale delle forze armate statunitensi propone di distribuire ulteriori sistemi missilistici antiaerei Patriot, sistemi di difesa missilistica THAAD e squadroni da combattimento in Medio Oriente. Gli armamenti dovrebbero essere schierati alla base aerea del principe sultano, situata ad est di Riyadh.

Almeno 24 persone sono rimaste uccise e 31 sono rimaste ferite in un’esplosione che ha colpito martedì nella provincia afgana di Parwan, vicino alla sede della manifestazione del presidente Ashraf Ghani, secondo quanto riferito da 1TV. Al momento, i rappresentanti delle forze dell’ordine afghane confermano che uno dei dispositivi era una bomba improvvisata piazzata sotto un’auto di sicurezza. Finora nessuno dei gruppi estremisti ha rivendicato la responsabilità dell’attacco. L’esplosione tuonò nel momento in cui Ghani avrebbe dovuto iniziare il suo discorso. Il presidente non è stato ferito. Il suo quartier generale ha deciso di continuare la manifestazione.

La Corea del Nord si sta preparando a lanciare un nuovo sottomarino, che dovrebbe portare a bordo missili balistici. Lo ha riferito il canale televisivo giapponese NHK con riferimento ai risultati del Middlebury Institute for International Studies, basato sullo studio delle immagini satellitari del porto di Shinpo, dove si trova il cantiere navale. A luglio, la Central Telegraph Agency della Corea (CTAC) ha riferito che il leader della RPDC Kim Jong-un ha ispezionato il nuovo sottomarino, «ha fatto conoscenza con i dati operativi-tattici e il sistema di armi da combattimento», ma non sono stati forniti dettagli sul sottomarino stesso o sulle sue attrezzature. Il ministero della Difesa sudcoreano ritiene che il nuovo sottomarino della RPDC possa trasportare almeno tre missili balistici.

Il maggiore generale Andrei Bakin, capo del Centro russo per la riconciliazione delle parti in guerra in Siria, ha dichiarato che entro 30 giorni tutti i rifugiati rimanenti sarebbero stati rimossi dal campo di Rukban in Siria. «Il piano operativo delle Nazioni Unite e della Mezzaluna rossa araba siriana prevede il ritiro dei rimanenti residenti del campo in gruppi di 3-3,5 mila persone entro 30 giorni dall’inizio dell’operazione», ha detto. Ricordiamo che il campo di Rukban si trova al valico di Et-Tanf al confine siriano con la Giordania nella zona di 55 chilometri attorno alla base militare americana controllata dai militari statunitensi e dai militanti dell’opposizione siriana da esso controllati. che la situazione nel campo è vicina a un disastro umanitario.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Новости на 16:00 7 августа 2020 года Влад Николаев Президент Ливана Мишель Аун заявил, что следствие в Ливане рассматривает несколько версий по взрыву в порту Бейрута, «включая халатность, несчастный случай, а также внешнее воздействие». Слова президента Ливана […] Главное на утро 7 августа 2020 года Влад Николаев Руководитель Российского центра по примирению враждующих сторон контр-адмирал Александр Щербицкий заявил, что командование группировкой РФ в Сирии оставляет за собой право ответить на атаки боевиков, которые угрожают военным […] Le Liban. Les effets de l’explosion à Beyrouth. Александра Донцова 1 Liban Le nombre de victimes suite à l’explosion à Beyrouth a augmenté à 137, celui de blessés – à 5 mille, des dizaines sont disparus, relate Al Jazeera citant la Santé libanaise. Le chef de l’Intérieur du pays Mohammed […] Libanon. Folgen der Explosion in Beirut Александра Донцова 1. Libanon Die Zahl der Todesopfer bei der Explosion in Beirut sei auf 137 Menschen gestiegen, 5.000 Personen seien verletzt worden. Dutzende Menschen würden als vermisst gemeldet. Dies berichtete der Fernsehsender Al Jazeera […] Libano. Conseguenze dell’esplosione a Beirut Александра Донцова 1.Libano Il bilancio delle vittime dell’esplosione a Beirut è salito a 137 persone, il numero delle vittime è aumentato a 5mila, decine di persone risultano disperse. Lo riporta il canale televisivo Al Jazeera con […] Líbano. Las consecuencias de la explosión en Beirut Александра Донцова 1. Líbano. Al Jazeera con referencia al Ministerio de Salud libanés, informó que como resultado de la explosión en Beirut, 137 personas habían muerto y 5 mil personas fueron heridas. Decenas de personas están desaparecidas. […]
Наверх Наверх