La decisione di Trump sul Golan ha causato proteste nell’UE || Riassunto delle notizie, il 27 marzo

  
0

La rappresentanza siriana all’ONU ha avviato lo svolgimento di un urgente blocco del Consiglio di sicurezza in connessione con il riconoscimento da parte degli Stati Uniti della sovranità israeliana sulle alture del Golan, secondo quanto riportato da Interfax. Ricordiamo, lunedì, il presidente degli Stati Uniti Trump ha riconosciuto ufficialmente la sovranità israeliana sulle alture del Golan. La cerimonia della firma della dichiarazione presidenziale si è tenuta alla Casa Bianca a Washington. Ha partecipato il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, che era in visita negli Stati Uniti. Questa mossa degli Stati Uniti ha provocato proteste e condanne nella maggior parte dei paesi del mondo, anche tra gli alleati di Washington, tra cui l’UE e il Canada.

Il ministro degli Esteri olandese, Stef Blok, ha annunciato il completamento del primo incontro trilaterale di Russia, Paesi Bassi e Australia sulla situazione attorno allo schianto del Boeing MH17 nel Donbas. Allo stesso tempo, ha rifiutato di rivelare i dettagli dei negoziati, affermando che in questo numero «la riservatezza è vitale», i rapporti di RIA Novosti si riferiscono a Bloomberg. Allo stesso tempo, Blok ha assicurato: «Restiamo impegnati nel raggiungimento della verità, della giustizia e della responsabilità». Ricordiamo che a settembre il ministero della Difesa russo ha presentato nuovi dati che indicano il coinvolgimento dell’Ucraina nella distruzione dell’aeromobile malese.

I combattenti israeliani martedì sera hanno di nuovo attaccato gli obiettivi militari di Hamas nella parte meridionale della Striscia di Gaza in risposta al lancio del razzo al Consiglio regionale di Eshkol e ai disordini alle frontiere. Su questo riferisce TASS con riferimento alla dichiarazione del servizio stampa delle Forze di Difesa israeliane. In precedenza, l’esercito israeliano ha riferito di aver lanciato il primo razzo dalla Striscia di Gaza attraverso il territorio dello stato ebraico, dopo una pausa relativamente lunga, martedì sera, che ha innescato le sirene del consiglio regionale di Eshkol.

Il primo ministro indiano Narendra Modi ha annunciato il successo dei test sugli ultimi missili anti-satellite, riferisce Interfax. Secondo lui, durante un test di mercoledì, i militari indiani hanno distrutto un satellite spaziale che si trovava in un’orbita vicino alla terra a un’altitudine di 300 km. «L’India ha condotto un test missilistico anti-satellite di successo, congratulandosi con tutti per la riuscita attuazione della missione Shakti», ha affermato. Allo stesso tempo, il Primo Ministro ha sottolineato che il test non era diretto contro nessun paese. Secondo lui, ora il paese è entrato nello spazio «Super League». L’India è diventata il quarto paese dopo che Stati Uniti, Russia e Cina hanno testato le armi anti-satellite.

L’aviazione turca ha colpito la leadership del Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK), riconosciuto da Ankara come terrorista, nel nord dell’Iraq, i rapporti del TASS con riferimento all’agenzia Anadolu. Secondo l’agenzia, un numero di persone appartenenti alla cerchia ristretta del leader dell’organizzazione, Cemil Bayik, è stato eliminato. L’operazione è stata preparata congiuntamente dal comando nazionale di intelligence e esercito. I dati operativi sono stati ottenuti sulla posizione della cima del PKK in un villaggio vicino al confine iracheno-iraniano. Il colpo è stato colpito dai combattenti dell’F-16 il 21 marzo, ma l’agenzia ha distribuito solo informazioni sull’operazione oggi.

Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Суд Казахстана вынес приговор защитнику Донбасса Мария Коледа   Уроженец Алма-Аты был осуждён судом Казахстана на три года заключения за участие в войне Донбасса против украинской агрессии на стороне защитников Луганской и Донецкой Народных Республик. Информация об этом стала […] Terroristische Provokationen in Idlib Александра Донцова Konteradmiral Alexander Grinkewitsch, stellvertretender Leiter des russischen Zentrums für die Versöhnung der Kriegsparteien in Syrien, gab bekannt, dass Kämpfer der in der Russischen Föderation verbotenen Terroristengruppe […] Provocazioni militanti a Idlib Александра Донцова Il contrammiraglio Alexander Grinkevich, vice capo del Centro russo per la riconciliazione delle parti in conflitto in Siria, ha annunciato che i militanti del gruppo terroristico Hayat Tahrir al-Sham, bandito nella […] Las provocaciones de los rebeldes en Idlib Александра Донцова Alexander Grinkevich, el subjefe del Centro de Reconciliación de las partes en conflicto en Siria ruso, informó que los rebeldes de “Hayat Tahrir al-Sham” (la organización terrorista que que está prohibida en la Federación de […] Terrorist provocations in Idlib Александра Донцова The deputy head of the Russian Center for the Reconciliation of the Warring Parties in Syria, Rear-Admiral Alexander Grinkevich, reported about a preparation of provocations, with the use of poisonous substances, in the south […] Украина и ЕС отложили саммит на несколько дней Мария Коледа   Президент Украины Владимир Зеленский и глава Европейского Совета Шарль Мишель при телефонном разговоре достигли договорённости о переносе саммита Украина-ЕС с 1 на 6 октября текущего года. Состоится встреча в Брюсселе. […]
Наверх Наверх