La Libia è pronta a combattere la Turchia

  
0

1. Libia

Il rappresentante dell’Alto Consiglio degli sceicchi e delle tribù della Libia Saleh al-Fundi ha affermato che le tribù libiche sono pronte a fornire circa 1 milione di persone pronte a combattere le forze turche in Libia. Le parole di Sheikh sono riportate dal quotidiano «Al-Sharq al-Awsat». Secondo al-Fundi, la risposta più impressionante alle azioni della Turchia in Libia «sarà il ruolo d’avanguardia delle unità delle tribù libiche nel far avanzare l’esercito egiziano se le truppe turche decidessero di entrare nel territorio libico».

2. Francia — Libia

Il presidente francese Emmanuel Macron ha chiesto l’introduzione di sanzioni contro i poteri coinvolti nel conflitto in Libia. Secondo il presidente francese, tali misure aiuteranno a raggiungere una soluzione della situazione. «Non possiamo permettere a nessun potere straniero di violare l’embargo sulle armi. L’operazione IRINI dell’UE è una delle risposte dell’UE, ma deve essere ulteriormente rafforzata per ottenere una maggiore affidabilità. Un altro passo dovrebbe essere l’imposizione di sanzioni. Questa è una condizione necessaria per raggiungere un cessate il fuoco e dare un vero slancio verso una soluzione politica al conflitto libico «, ha detto Macron. Il leader francese ha sottolineato che il suo paese farà sforzi per risolvere ulteriormente il conflitto in Libia. Ha inoltre sottolineato che l’Europa dovrebbe «considerare attentamente il tema della sicurezza nel Mediterraneo».

3. Siria -Russia

Il Ministero della Difesa della Federazione Russa ha riferito che la Russia nella commissione sui fatti delle violazioni della cessazione delle ostilità in Siria ha registrato sei violazioni al giorno. È stato riferito che 4 violazioni del regime di cessate il fuoco sono state registrate nella provincia di Idlib, per questa violazione, nelle province di Latakia e Aleppo. Si noti che durante il giorno, il Centro di riconciliazione ha effettuato due azioni umanitarie nelle province di Hasake e Hama.

4. Armenia

Il primo ministro dell’Armenia Nikol Pashinyan ha dichiarato in una riunione del governo che «l’Azerbaigian dovrebbe rinunciare pubblicamente all’uso della violenza e adottare misure affidabili per porre fine alla retorica anti-armena». Il Primo Ministro dell’Armenia ha sottolineato che il Nagorno Karabakh dovrebbe diventare una parte a pieno titolo dei negoziati sulla risoluzione del conflitto e ha parlato a favore del rafforzamento del sistema di sicurezza comune tra Armenia e Karabakh. Pashinyan ha anche sottolineato la necessità di introdurre un monitoraggio internazionale permanente ed efficace dell’osservanza del regime del cessate il fuoco con funzioni di controllo, che consentirà di stabilire chi e quando violato il cessate il fuoco.

5.USA — Cina

Il canale televisivo NBC, citando fonti, ha affermato che i servizi di intelligence americani ritengono che il consolato generale della RPC nella città di Houston abbia aiutato i servizi di intelligence cinesi nei tentativi di rubare dati sugli sviluppi medici negli Stati Uniti. In precedenza, il console generale cinese a Houston Tsai Wei ha dichiarato in un’intervista alla NBC che le autorità statunitensi non hanno fornito prove del fatto che i dipendenti del consolato generale della RPC a Houston abbiano commesso violazioni. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha dichiarato in una conferenza stampa alla Casa Bianca che l’amministrazione statunitense non esclude la chiusura di altre missioni diplomatiche cinesi negli Stati Uniti. Inoltre, l’Associated Press, citando un portavoce dell’amministrazione presidenziale americana, Donald Trump, ha riferito che le autorità statunitensi avevano deciso di non riaprire il consolato americano a Wuhan.

6.China — USA

Hu Xijin, caporedattore del quotidiano cinese Global Times, ha affermato che le autorità cinesi potrebbero richiedere a Washington di ridurre il numero di diplomatici e specialisti tecnici presso i consolati americani a Hong Kong e Macao in risposta alla richiesta degli Stati Uniti di chiudere il consolato della RPC a Houston. Ha anche osservato che la Cina ha cinque consolati generali negli Stati Uniti, tra cui a Houston, e gli Stati Uniti in Cina — sei, tra cui Hong Kong «, mentre il consolato generale di Hong Kong ha almeno un migliaio di dipendenti.» Perché abbiamo bisogno di così tante persone? Ovviamente, questo è un centro di intelligence «, ha dichiarato l’editore del Global Times.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

главное за суткиитоги дняновости
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Новости на 16:00 7 августа 2020 года Влад Николаев Президент Ливана Мишель Аун заявил, что следствие в Ливане рассматривает несколько версий по взрыву в порту Бейрута, «включая халатность, несчастный случай, а также внешнее воздействие». Слова президента Ливана […] Главное на утро 7 августа 2020 года Влад Николаев Руководитель Российского центра по примирению враждующих сторон контр-адмирал Александр Щербицкий заявил, что командование группировкой РФ в Сирии оставляет за собой право ответить на атаки боевиков, которые угрожают военным […] Le Liban. Les effets de l’explosion à Beyrouth. Александра Донцова 1 Liban Le nombre de victimes suite à l’explosion à Beyrouth a augmenté à 137, celui de blessés – à 5 mille, des dizaines sont disparus, relate Al Jazeera citant la Santé libanaise. Le chef de l’Intérieur du pays Mohammed […] Libanon. Folgen der Explosion in Beirut Александра Донцова 1. Libanon Die Zahl der Todesopfer bei der Explosion in Beirut sei auf 137 Menschen gestiegen, 5.000 Personen seien verletzt worden. Dutzende Menschen würden als vermisst gemeldet. Dies berichtete der Fernsehsender Al Jazeera […] Libano. Conseguenze dell’esplosione a Beirut Александра Донцова 1.Libano Il bilancio delle vittime dell’esplosione a Beirut è salito a 137 persone, il numero delle vittime è aumentato a 5mila, decine di persone risultano disperse. Lo riporta il canale televisivo Al Jazeera con […] Líbano. Las consecuencias de la explosión en Beirut Александра Донцова 1. Líbano. Al Jazeera con referencia al Ministerio de Salud libanés, informó que como resultado de la explosión en Beirut, 137 personas habían muerto y 5 mil personas fueron heridas. Decenas de personas están desaparecidas. […]
Наверх Наверх