La Siria si è opposta all’accordo USA-Turchia

  
0

La Turchia non ha mai riconosciuto e non riconoscerà l’inclusione della Crimea nella Russia, ha dichiarato il leader turco Recep Tayyip Erdogan a seguito di colloqui con il suo omologo ucraino Vladimir Zelensky. “Oggi ho nuovamente confermato che la Turchia sosterrà sempre l’indipendenza dell’Ucraina. La Turchia non ha riconosciuto e non riconosce l’annessione della Crimea. I tatari di Crimea sono un elemento importante delle relazioni tra i nostri paesi. Continueremo a considerare la nostra priorità la protezione dei diritti dei tatari di Crimea, la conservazione della loro identità nazionale «, hanno detto le parole di Erdogan a RIA Novosti. Ha anche espresso la speranza di una fine anticipata del conflitto nel Donbass. Secondo lui, Ankara sostiene il processo di Minsk e la missione dell’OSCE nel Donbass, in cui, tra le altre cose, ci sono diplomatici turchi.

La delegazione di Caracas ha rifiutato di partecipare ai negoziati con l’opposizione del Venezuela, che si sarebbero tenuti alle Barbados, ha affermato il Ministro delle Comunicazioni della Repubblica Bolivariana di Jorge Rodriguez. La decisione di abbandonare i negoziati previsti per l’8-9 agosto è stata presa dal capo dello stato, Nicolas Maduro. Caracas ha fatto un simile passo a causa del blocco economico degli Stati Uniti, che è stato accolto favorevolmente dall’opposizione venezuelana, riferisce TASS. Allo stesso tempo, le autorità della Repubblica Bolivariana sono pronte a discutere il meccanismo dei negoziati con l’opposizione, affinché diventi efficace.

Gli Stati Uniti e la Turchia intendono organizzare un centro operativo congiunto per creare una zona cuscinetto nel nord della Siria, secondo quanto riferito da TASS citando una dichiarazione del portavoce del Dipartimento della Difesa statunitense Sean Robertson. «I negoziati tra i rappresentanti dei dipartimenti militari dei due paesi di Ankara questa settimana hanno portato a progressi nella creazione di un meccanismo di sicurezza sostenibile nel nord della Siria in grado di soddisfare le legittime richieste del nostro alleato NATO, la Turchia», ha affermato. «Abbiamo intenzione di creare un centro per operazioni congiunte tra gli Stati Uniti e la Turchia in Turchia per continuare la pianificazione e l’attuazione pratica», ha aggiunto il rappresentante del Pentagono. I negoziati sulla creazione di una zona cuscinetto, che includerebbe una zona di non volo, sono iniziati nel 2013. Si sono svolti diversi cicli di negoziati, tra cui Ankara e Washington, ma ogni volta per una serie di ragioni le parti non sono riuscite a raggiungere un accordo.

Il parlamento del Kirghizistan si riunirà l’8 agosto per una sessione straordinaria in relazione all’aggravarsi della situazione nel paese dopo un tentativo di detenzione dell’ex presidente Almazbek Atambayev, ha detto il servizio stampa del parlamento. La sera del 7 agosto, i servizi speciali del Kirghizistan hanno iniziato un’operazione per detenere Atambayev nella sua residenza nel villaggio di Koy-Tash. A seguito di scontri e scaramucce dei sostenitori di Atambaev con le forze dell’ordine, 52 persone sono rimaste ferite, un commando è stato ucciso. A seguito di due tentativi di assalto, non è stato possibile arrestare l’ex presidente. Atambayev e i suoi sostenitori in seguito hanno dichiarato di voler organizzare una manifestazione a Bishkek per chiedere le dimissioni del capo di stato Sooronbay Jeenbekov. A sua volta, Jeenbekov ha affermato che Atambaev ha violato bruscamente la costituzione e le leggi della Repubblica del Kirghizistan, opponendosi fortemente alla condotta delle misure investigative ai sensi della legge. Atambaev ha guidato il paese dal 2011 al 2017. A giugno, è stato privato dell’immunità e dello status dell’ex presidente. È sospettato di aver commesso un certo numero di reati, inclusa l’usurpazione del potere.

Le autorità siriane si sono categoricamente opposte all’accordo tra Stati Uniti e Turchia sulla creazione della cosiddetta zona sicura nel nord-est del paese. «La Siria ha categoricamente respinto l’accordo annunciato dagli Stati Uniti e dalla Turchia di istituire la cosiddetta zona sicura, sottolineando che costituisce una grave violazione della sovranità e dell’integrità territoriale della Siria, nonché i principi del diritto internazionale e della Carta delle Nazioni Unite», hanno affermato le autorità siriane citando SANA. Alla vigilia si è saputo che la Turchia e gli Stati Uniti hanno concordato di stabilire un punto focale per le operazioni congiunte e la prevista zona di sicurezza nel nord della Siria.

итоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Damas va récuperer la souveraineté sur des territoires Александра Донцова 1 Kazakhstan La déclaration finale de la rencontre internationale sur la Syrie à Noursoultan dit que les pays-garants du processus d’Astana – la Russie, la Turquie et l’Iran – ont rejeté des initiatives visant la création […] Damaskus will die Souveränität über die Gebiete wiedererlangen Александра Донцова 1. Kasachstan In der Abschlusserklärung zum internationalen Syrien-Treffen in Nur Sultan hieß es, dass die Schutzmächte des Astana-Prozesses – Russland, die Türkei und der Iran – die Initiative zur Schaffung unter dem […] Damasco intende riconquistare la sovranità sui territori Александра Донцова 1.Kazakistan La dichiarazione finale sull’incontro internazionale sulla Siria a Nur Sultan afferma che i paesi garanti del processo di Astana Russia, Turchia e Iran hanno respinto l’iniziativa di creare un […] Damasco tiene intenciones de recuperar la soberanía sobre los territorios Александра Донцова 1.Kazajstán Después de la reunión internacional sobre Siria celebrada en Nur Sultan, los países garantes del proceso de Astaná, en particular, Rusia, Turquía e Irán rechazaron la iniciativa de crear un gobierno autónomo en […] Damascus intends to regain the sovereignty over the territories Александра Донцова 1 Kazakhstan The final statement on the international meeting on Syria in the city of Nur Sultan states the following: The guarantor countries of the Astana process — Russia, Turkey and Iran — rejected the […] Sommet dans le format Normandie Александра Донцова 1 Suisse Le comité exécutif de l’Agence mondiale antidopage a unanimement adopté la recommendation du comité de l’organisation de priver l’Agence russe antidopage du statut de conformité au Code mondiale antidopage. Notre […] Gipfel des Normandie-Quartetts Александра Донцова 1. Schweiz Das Exekutivkomitee der Welt-Anti-Doping-Agentur (WADA) nahm einstimmig die Empfehlung des Organisationskomitees an, der russischen Anti-Doping-Agentur (RUSADA) die Einhaltung des Welt-Anti-Doping-Kodex zu […] Vertice dei Quattro Normanni Александра Донцова 1.Svizzera Il Comitato esecutivo dell’Agenzia mondiale antidoping (WADA) ha adottato all’unanimità la raccomandazione del comitato dell’organizzazione di privare l’Agenzia russa antidoping (RUSADA) del […] La cumbre del “cuarteto de Normandia” Александра Донцова 1.Suiza El Comité Ejecutivo de la Agencia Mundial Antidopaje (WADA) aceptó por unanimidad la recomendación del comité de la organización en virtud de la cual la Agencia Antidopaje Rusa (RUSADA) no cumplía las normas del […]
Наверх Наверх