La Turchia ha bombardato le posizioni curde nella Siria settentrionale

  
0

1. Turchia-Siria

L’esercito turco ha effettuato il bombardamento delle posizioni dei combattenti della milizia curda e delle forze democratiche siriane nel nord della Siria, riferisce Interfax citando i media ufficiali siriani. Le milizie curde e le forze di opposizione democratiche siriane, la cui principale parte sorprendente sono le unità di autodifesa del popolo curdo, sono diventate il bersaglio di attacchi in una zona della città di Al-Malikiya, provincia di Hasaka. Ricordiamo, sabato scorso, il presidente turco Erdogan ha annunciato la sua intenzione nei prossimi giorni di condurre un’operazione militare nelle regioni frontaliere della Siria. Lunedì gli Stati Uniti si sono ritirati dal confine tra Siria e Turchia, rifiutando di sostenere l’operazione della Turchia nel nord della Siria. Allo stesso tempo, il presidente degli Stati Uniti Trump ha minacciato di «distruggere l’economia turca» se Ankara fa qualcosa di «inaccettabile». La senatrice del Partito Democratico degli Stati Uniti Lindsey Graham ha affermato che se la Turchia avvierà un’operazione militare in Siria, il Congresso prenderà in considerazione un disegno di legge sulle sanzioni contro Ankara e insisterà anche sulla sua sospensione nella NATO.

2. USA

Il primo e il sesto comitato dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite hanno sospeso il lavoro per diverse ore a causa di visti per diplomatici provenienti dalla Russia e da altri paesi. Lo ha annunciato il Vice Rappresentante permanente della Russia presso l’organizzazione internazionale Gennady Kuzmin. Ricordiamo che in precedenza circa sette rappresentanti della delegazione russa non avevano ottenuto i visti degli Stati Uniti per partecipare ai lavori dell’Assemblea generale. A questo proposito, la Russia ha proposto di mettere in pausa procedurale i lavori del Primo Comitato e passare a consultazioni informali fino a quando gli Stati Uniti non rilasciano visti all’intera delegazione russa. In precedenza, il rappresentante della delegazione iraniana, Ali Anasimfar, ha affermato che anche quasi 60 persone della delegazione iraniana non hanno ricevuto visti americani, a questo proposito, l’Iran non ha ancora accettato di approvare il piano di lavoro del comitato dell’Assemblea generale su questioni legali. Russia, Siria, Corea del Nord, Venezuela, Cuba e Nicaragua hanno appoggiato questa decisione.

3. Venezuela

Il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha dichiarato che le forze armate venezuelane saranno schierate al confine con la Colombia, nonostante il completamento di esercitazioni militari. «Ho deciso di estendere la seconda fase del regime di livello» arancione «di minaccia e il dispiegamento delle nostre forze armate», ha detto Maduro. Ha sottolineato che «nessun gruppo armato può essere liberamente in Venezuela» e ha aggiunto che «non c’è spazio per la violenza colombiana in Venezuela». A settembre, Maduro ha convocato il Consiglio di sicurezza nazionale, «che deciderà sulle violente minacce del governo colombiano al Venezuela».

4. Bielorussia

Il presidente della Bielorussia Alexander Lukashenko ha dichiarato che Minsk è pronta a sviluppare il testo di una dichiarazione delle parti responsabili in merito al mancato dispiegamento di missili a medio e corto raggio in Europa. Il leader bielorusso ha riconosciuto che tale dichiarazione non sarebbe un sostituto equivalente del Trattato sull’eliminazione dei missili a raggio intermedio e a corto raggio (Trattato INF), ma allo stesso tempo «potrebbe aiutare a colmare il vuoto giuridico nella regolamentazione di questo segmento di armamenti». Lukashenko ha espresso la speranza che tale documento riceverà il sostegno di molti Stati e diventerà un contributo pratico all’attuazione dell’iniziativa di Minsk per l’avvio di un dialogo internazionale sulla sicurezza.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Un hélicoptère Mi-28N s’est écrasé Александра Донцова 1 Syrie La Défense russe a rapporté qu’en Syrie, dans la zone voisine du front, à quelques dizaines de kilomètres à l’ouest de la localité de Kamychly, la 15e patrouille conjointe de la police militaire russe et des forces […] Der Hubschrauber Mi-28N stürzte ab. Александра Донцова 1. Syrien Das russische Verteidigungsministerium berichtete, dass die fünfzehnte gemeinsame Patrouille der russischen Militärpolizei und der türkischen Streitkräfte die Arbeiten in einem Grenzgebiet in Syrien abgeschlossen […] L’elicottero Mi-28N si è schiantato Александра Донцова 1. Siria Il ministero della Difesa russo ha riferito che la quindicesima pattuglia congiunta della polizia militare russa e delle forze armate turche ha completato i lavori in Siria in una zona di confine situata diverse […] El helicóptero Mi-28N se estrelló Александра Донцова 1.Siria El Ministerio de Defensa de la Federación de Rusia informó que en Siria, en la región fronteriza situada a varias decenas de kilómetros al oeste del lugar poblado de Kamyshli había concluido su labor la patrulla […] A Mi-28N helicopter crashed Александра Донцова 1 Syria The Russian Ministry of Defense reported that the 15th joint patrol of the Russian military police and the Turkish forces in the Syrian border area, a few tens of kilometers west of the village of Qamishli, has ended. […] Damas va récuperer la souveraineté sur des territoires Александра Донцова 1 Kazakhstan La déclaration finale de la rencontre internationale sur la Syrie à Noursoultan dit que les pays-garants du processus d’Astana – la Russie, la Turquie et l’Iran – ont rejeté des initiatives visant la création […] Damaskus will die Souveränität über die Gebiete wiedererlangen Александра Донцова 1. Kasachstan In der Abschlusserklärung zum internationalen Syrien-Treffen in Nur Sultan hieß es, dass die Schutzmächte des Astana-Prozesses – Russland, die Türkei und der Iran – die Initiative zur Schaffung unter dem […] Damasco intende riconquistare la sovranità sui territori Александра Донцова 1.Kazakistan La dichiarazione finale sull’incontro internazionale sulla Siria a Nur Sultan afferma che i paesi garanti del processo di Astana Russia, Turchia e Iran hanno respinto l’iniziativa di creare un […] Damasco tiene intenciones de recuperar la soberanía sobre los territorios Александра Донцова 1.Kazajstán Después de la reunión internacional sobre Siria celebrada en Nur Sultan, los países garantes del proceso de Astaná, en particular, Rusia, Turquía e Irán rechazaron la iniciativa de crear un gobierno autónomo en […]
Наверх Наверх