La Turchia ha bombardato le posizioni curde nella Siria settentrionale

  
0

1. Turchia-Siria

L’esercito turco ha effettuato il bombardamento delle posizioni dei combattenti della milizia curda e delle forze democratiche siriane nel nord della Siria, riferisce Interfax citando i media ufficiali siriani. Le milizie curde e le forze di opposizione democratiche siriane, la cui principale parte sorprendente sono le unità di autodifesa del popolo curdo, sono diventate il bersaglio di attacchi in una zona della città di Al-Malikiya, provincia di Hasaka. Ricordiamo, sabato scorso, il presidente turco Erdogan ha annunciato la sua intenzione nei prossimi giorni di condurre un’operazione militare nelle regioni frontaliere della Siria. Lunedì gli Stati Uniti si sono ritirati dal confine tra Siria e Turchia, rifiutando di sostenere l’operazione della Turchia nel nord della Siria. Allo stesso tempo, il presidente degli Stati Uniti Trump ha minacciato di «distruggere l’economia turca» se Ankara fa qualcosa di «inaccettabile». La senatrice del Partito Democratico degli Stati Uniti Lindsey Graham ha affermato che se la Turchia avvierà un’operazione militare in Siria, il Congresso prenderà in considerazione un disegno di legge sulle sanzioni contro Ankara e insisterà anche sulla sua sospensione nella NATO.

2. USA

Il primo e il sesto comitato dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite hanno sospeso il lavoro per diverse ore a causa di visti per diplomatici provenienti dalla Russia e da altri paesi. Lo ha annunciato il Vice Rappresentante permanente della Russia presso l’organizzazione internazionale Gennady Kuzmin. Ricordiamo che in precedenza circa sette rappresentanti della delegazione russa non avevano ottenuto i visti degli Stati Uniti per partecipare ai lavori dell’Assemblea generale. A questo proposito, la Russia ha proposto di mettere in pausa procedurale i lavori del Primo Comitato e passare a consultazioni informali fino a quando gli Stati Uniti non rilasciano visti all’intera delegazione russa. In precedenza, il rappresentante della delegazione iraniana, Ali Anasimfar, ha affermato che anche quasi 60 persone della delegazione iraniana non hanno ricevuto visti americani, a questo proposito, l’Iran non ha ancora accettato di approvare il piano di lavoro del comitato dell’Assemblea generale su questioni legali. Russia, Siria, Corea del Nord, Venezuela, Cuba e Nicaragua hanno appoggiato questa decisione.

3. Venezuela

Il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha dichiarato che le forze armate venezuelane saranno schierate al confine con la Colombia, nonostante il completamento di esercitazioni militari. «Ho deciso di estendere la seconda fase del regime di livello» arancione «di minaccia e il dispiegamento delle nostre forze armate», ha detto Maduro. Ha sottolineato che «nessun gruppo armato può essere liberamente in Venezuela» e ha aggiunto che «non c’è spazio per la violenza colombiana in Venezuela». A settembre, Maduro ha convocato il Consiglio di sicurezza nazionale, «che deciderà sulle violente minacce del governo colombiano al Venezuela».

4. Bielorussia

Il presidente della Bielorussia Alexander Lukashenko ha dichiarato che Minsk è pronta a sviluppare il testo di una dichiarazione delle parti responsabili in merito al mancato dispiegamento di missili a medio e corto raggio in Europa. Il leader bielorusso ha riconosciuto che tale dichiarazione non sarebbe un sostituto equivalente del Trattato sull’eliminazione dei missili a raggio intermedio e a corto raggio (Trattato INF), ma allo stesso tempo «potrebbe aiutare a colmare il vuoto giuridico nella regolamentazione di questo segmento di armamenti». Lukashenko ha espresso la speranza che tale documento riceverà il sostegno di molti Stati e diventerà un contributo pratico all’attuazione dell’iniziativa di Minsk per l’avvio di un dialogo internazionale sulla sicurezza.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Новости на 16:00 7 августа 2020 года Влад Николаев Президент Ливана Мишель Аун заявил, что следствие в Ливане рассматривает несколько версий по взрыву в порту Бейрута, «включая халатность, несчастный случай, а также внешнее воздействие». Слова президента Ливана […] Главное на утро 7 августа 2020 года Влад Николаев Руководитель Российского центра по примирению враждующих сторон контр-адмирал Александр Щербицкий заявил, что командование группировкой РФ в Сирии оставляет за собой право ответить на атаки боевиков, которые угрожают военным […] Le Liban. Les effets de l’explosion à Beyrouth. Александра Донцова 1 Liban Le nombre de victimes suite à l’explosion à Beyrouth a augmenté à 137, celui de blessés – à 5 mille, des dizaines sont disparus, relate Al Jazeera citant la Santé libanaise. Le chef de l’Intérieur du pays Mohammed […] Libanon. Folgen der Explosion in Beirut Александра Донцова 1. Libanon Die Zahl der Todesopfer bei der Explosion in Beirut sei auf 137 Menschen gestiegen, 5.000 Personen seien verletzt worden. Dutzende Menschen würden als vermisst gemeldet. Dies berichtete der Fernsehsender Al Jazeera […] Libano. Conseguenze dell’esplosione a Beirut Александра Донцова 1.Libano Il bilancio delle vittime dell’esplosione a Beirut è salito a 137 persone, il numero delle vittime è aumentato a 5mila, decine di persone risultano disperse. Lo riporta il canale televisivo Al Jazeera con […] Líbano. Las consecuencias de la explosión en Beirut Александра Донцова 1. Líbano. Al Jazeera con referencia al Ministerio de Salud libanés, informó que como resultado de la explosión en Beirut, 137 personas habían muerto y 5 mil personas fueron heridas. Decenas de personas están desaparecidas. […]
Наверх Наверх