La Turchia non esclude gli scontri con l’esercito siriano

  
0

1. Turchia-Siria

L’esercito turco respingerà le forze armate siriane in caso di scontro al confine tra i due paesi, ha affermato il consigliere del presidente turco Yasin Aktay. Secondo il consigliere Erdogan, l’esercito siriano «non ha forza» per combattere nel nord-est della Siria, e deve pensare prima di entrare in questa regione e «complicare la situazione», riferisce RIA Novosti. «Se l’esercito siriano, che finora non è stato in grado di sconfiggere l’organizzazione terroristica (in Turchia) YPG, che cerca di dividere la Siria e creare uno stato separatista, si sta preparando a combattere l’esercito turco ed è in grado di farlo, allora per favore», ha detto Aktay. Allo stesso tempo, il consigliere di Erdogan non ha escluso gli scontri tra i due eserciti nella Siria nord-orientale. Commentando l’accordo dei curdi con Damasco ufficiale, Aktay ha osservato che questo è un segno di «ostilità nei confronti della Turchia». Secondo lui, la Turchia non accetta la presenza delle forze curde nel nord-est della Siria.

2. Europa

Il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas non ha escluso l’introduzione di misure aggiuntive, oltre a bloccare le esportazioni di armi, contro la Turchia a causa dell’operazione militare di Ankara in Siria. In precedenza aveva affermato che in relazione all’aggressione turca contro la Siria, il governo tedesco non avrebbe rilasciato permessi per nuove consegne di armi in Turchia. Anche la decisione di sospendere la fornitura di armi ad Ankara è stata appoggiata dalla Francia. Inoltre, Parigi ha annunciato l’intenzione di utilizzare possibili leve diplomatiche per porre fine all’offensiva turca nel nord della Siria, nonché per garantire la sicurezza dei suoi specialisti nella regione. «La Francia concentrerà gli sforzi diplomatici in stretta collaborazione con i partner della coalizione internazionale antiterrorismo all’interno dell’Unione europea, della NATO e del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per ottenere l’immediata cessazione dell’offensiva lanciata dalla Turchia», ha dichiarato il comunicato del Palazzo dei campi Elisi.

3. Ecuador

Almeno sette persone sono state uccise e 1340 ferite durante le proteste antigovernative in Ecuador, accompagnate da scontri tra manifestanti e forze dell’ordine, ha riferito TASS. Il 1 ottobre, il presidente dell’Ecuador Lenin Moreno ha firmato un decreto che abolisce i sussidi per il gasolio e la benzina il 3 ottobre, dopo di che i loro prezzi sono aumentati di oltre il 120%. Il paese è stato travolto dalle proteste, che in alcune città sono diventate rivolte. In questa situazione, Moreno dichiarò uno stato di emergenza. Più tardi, le autorità ecuadoriane hanno deciso di annullare il decreto che ha causato una protesta nazionale. In risposta, gli oppositori dell’azione del governo hanno deciso di fermare la loro disobbedienza.

4. Siria

Le forze governative siriane sono entrate nella città di Ain Isa nella provincia di Raqqa nella parte settentrionale della Repubblica Araba. Una popolazione pacifica incontra i militari all’ingresso della città, riferisce l’agenzia siriana SANA. In precedenza, l’esercito siriano occupava la città di Tabka vicino alla centrale idroelettrica dell’Eufrate, nonché un aeroporto militare situato lì. Entrambe le posizioni erano precedentemente controllate dalle forze democratiche siriane curde (SDF). Ricordiamo, i rappresentanti dei curdi hanno annunciato l’accordo con Damasco riguardo allo spiegamento dell’esercito del governo siriano lungo il confine con la Turchia. Lo stesso giorno, le autorità siriane hanno deciso di inviare truppe nel nord del paese per opporsi alla Turchia, la sera l’esercito siriano è entrato nella città di Manbij, che è controllata dai curdi.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Un hélicoptère Mi-28N s’est écrasé Александра Донцова 1 Syrie La Défense russe a rapporté qu’en Syrie, dans la zone voisine du front, à quelques dizaines de kilomètres à l’ouest de la localité de Kamychly, la 15e patrouille conjointe de la police militaire russe et des forces […] Der Hubschrauber Mi-28N stürzte ab. Александра Донцова 1. Syrien Das russische Verteidigungsministerium berichtete, dass die fünfzehnte gemeinsame Patrouille der russischen Militärpolizei und der türkischen Streitkräfte die Arbeiten in einem Grenzgebiet in Syrien abgeschlossen […] L’elicottero Mi-28N si è schiantato Александра Донцова 1. Siria Il ministero della Difesa russo ha riferito che la quindicesima pattuglia congiunta della polizia militare russa e delle forze armate turche ha completato i lavori in Siria in una zona di confine situata diverse […] El helicóptero Mi-28N se estrelló Александра Донцова 1.Siria El Ministerio de Defensa de la Federación de Rusia informó que en Siria, en la región fronteriza situada a varias decenas de kilómetros al oeste del lugar poblado de Kamyshli había concluido su labor la patrulla […] A Mi-28N helicopter crashed Александра Донцова 1 Syria The Russian Ministry of Defense reported that the 15th joint patrol of the Russian military police and the Turkish forces in the Syrian border area, a few tens of kilometers west of the village of Qamishli, has ended. […] Damas va récuperer la souveraineté sur des territoires Александра Донцова 1 Kazakhstan La déclaration finale de la rencontre internationale sur la Syrie à Noursoultan dit que les pays-garants du processus d’Astana – la Russie, la Turquie et l’Iran – ont rejeté des initiatives visant la création […] Damaskus will die Souveränität über die Gebiete wiedererlangen Александра Донцова 1. Kasachstan In der Abschlusserklärung zum internationalen Syrien-Treffen in Nur Sultan hieß es, dass die Schutzmächte des Astana-Prozesses – Russland, die Türkei und der Iran – die Initiative zur Schaffung unter dem […] Damasco intende riconquistare la sovranità sui territori Александра Донцова 1.Kazakistan La dichiarazione finale sull’incontro internazionale sulla Siria a Nur Sultan afferma che i paesi garanti del processo di Astana Russia, Turchia e Iran hanno respinto l’iniziativa di creare un […] Damasco tiene intenciones de recuperar la soberanía sobre los territorios Александра Донцова 1.Kazajstán Después de la reunión internacional sobre Siria celebrada en Nur Sultan, los países garantes del proceso de Astaná, en particular, Rusia, Turquía e Irán rechazaron la iniciativa de crear un gobierno autónomo en […]
Наверх Наверх