Le perdite del Venezuela sono $ 130 miliardi

  
0

Nel corso di una riunione di emergenza del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, convocata su iniziativa della Russia e dedicata alla discussione sulla legge «Assicurare il funzionamento della lingua ucraina come stato» adottata in Ucraina, la maggioranza dei membri del Consiglio di sicurezza non ha appoggiato la proposta della Russia di includere nell’agenda una discussione su questa legge. L’incontro sulla questione della legge ucraina è stato ritenuto necessario da Russia, Cina, Sudafrica, Repubblica Dominicana e Guinea equatoriale. Gli Stati Uniti, la Francia, la Gran Bretagna, la Polonia, il Belgio e la Germania hanno votato contro, quattro paesi si sono astenuti. In precedenza, i rappresentanti di Francia, Germania e gli Stati Uniti hanno dichiarato di voler bloccare l’incontro, ritenendolo inopportuno.

Il presidente dell’Ucraina Vladimir Zelensky in un incontro con i rappresentanti della Casa Bianca e il Congresso degli Stati Uniti ha esortato a continuare a stringere le sanzioni contro la Russia, ha detto il servizio stampa del leader ucraino. «Vorrei esortarvi a dire che gli Stati Uniti continuano a stringere le sanzioni contro la Russia», riferisce TASS. Ha ringraziato Washington per «la leadership nel ripristinare la sovranità e l’integrità territoriale dell’Ucraina», nonché per l’assistenza nello svolgimento delle riforme interne. «Gli Stati Uniti sono un potente e molto serio partner per l’Ucraina, soprattutto per superare l’aggressione della Russia. Non saremo in grado di superare da soli l’aggressione russa nel Donbas e in Crimea. Pertanto, abbiamo bisogno del vostro aiuto «, ha detto Zelensky.

Il rappresentante del leader dell’opposizione venezuelano Juan Guaido negli Stati Uniti, Carlos Vecchio, ha tenuto colloqui con membri del Dipartimento di Stato e del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti. Su questo ha scritto nel suo Twitter. «In conformità con le istruzioni del Guaido, dichiariamo che l’incontro in programma oggi con il Dipartimento di Stato e il Pentagono statunitense è già stato tenuto per discutere tutti gli aspetti della crisi in Venezuela», afferma la dichiarazione di Vecchio RT. Ha anche scritto che i negoziati erano «molto positivi». A sua volta, Guayido ha detto che l’opposizione venezuelana «sta andando avanti nel creare opportunità e cooperazione internazionale che contribuirà a uscire dalla crisi e iniziare a ricostruire» il Venezuela.

e perdite del Venezuela dal blocco economico degli Stati Uniti dal 2015 al 2018 ammontavano a $ 130 miliardi, Carlos Rafael Faria Tortos, ambasciatore venezuelano in Russia, ha detto in una conferenza stampa di martedì. «Come risultato del blocco economico imposto dagli Stati Uniti, le perdite sono stimate a $ 130 miliardi per il periodo dal 2015 al 2018», ha detto il quotidiano TASS. «Con questi fondi, il nostro Paese potrebbe andare avanti per nove anni». «Il governo del nostro presidente, Nicolas Maduro, sta conducendo una guerra molto impari contro il potere economico e militare più potente del mondo — questo sono gli Stati Uniti», ha detto il diplomatico.

Israele e il movimento militante palestinese Hamas, che controlla la Striscia di Gaza, hanno accettato una tregua per sei mesi, riferisce Interfax, citando il quotidiano israeliano The Times of Israel. Da parte loro, i palestinesi hanno promesso di porre fine alle rivolte sulla Striscia di Gaza e Israele e di mantenere una zona cuscinetto a 300 metri lungo il confine. In cambio, Israele espanderà la zona di pesca nella Striscia di Gaza per i pescatori palestinesi e consentirà anche l’importazione di medicinali nell’enclave. All’inizio di maggio è stato riferito che Israele e la Palestina, attraverso la mediazione dell’Egitto, hanno raggiunto un accordo di cessate il fuoco nella Striscia di Gaza.

Circa 400 legislatori di entrambe le case del Congresso degli Stati Uniti hanno chiesto al leader americano Donald Trump di eleggere una nuova strategia sulla Siria, che avrebbe lo scopo di eliminare le minacce alla sicurezza nella regione, riferisce il fatto quotidiano. La lettera corrispondente, firmata dai membri dei partiti repubblicano e democratico, fece circolare la commissione per gli affari esteri della Camera dei rappresentanti. «L’unica scelta è quella di promuovere politiche che possano fermare le crescenti minacce agli interessi di Stati Uniti, Israele, sicurezza regionale e stabilità. Questa strategia richiede la leadership americana «, secondo gli autori, gli» spazi non amministrati «terroristi in Siria minacciano gli Stati Uniti e i loro alleati e chiedono a Trump di fornire un sostegno più efficace a Israele contro le minacce al confine con la Siria, oltre che aumentare la pressione su Iran e Russia in connessione con le loro attività nella regione.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

главное за суткиитоги дняновостисобытия
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

La explosión de la columna turca en Idlib Александра Донцова 1.Siria. Oleg Zhuravlev, el Jefe del Centro de Reconciliación de las partes en conflicto en Siria ruso, informó que los rebeldes de “Al-Islamad-Turquestani” (la agrupación que está prohibida en la Federación de Rusia) habían […] L’explosion d’un dispositif contre un convoi à Idlib. Александра Донцова 1.Syrie Le contre-amiral Oleg Zhuravlev, chef du Centre russe pour la réconciliation des parties belligérantes en Syrie, a déclaré que des radicaux du groupe Al-Islamad-Turkestani (interdit en Russie) ont effectué le 27 mai […] Die Explosion der türkischen Kolonne in Idlib Александра Донцова 1. Syrien Konteradmiral Oleg Shurawljow, Leiter des russischen Zentrums für die Versöhnung der Kriegsparteien in Syrien, sagte, dass die Explosion einer unkonventionellen Sprengvorrichtung in Idlib von Kämpfern der […] L’esplosione della colonna turca a Idlib Александра Донцова 1. Siria Il contrammiraglio Oleg Zhuravlev, capo del Centro russo per la riconciliazione dei partiti in guerra in Siria, ha affermato che i militanti del gruppo Al-Islamad-Turkestani (bandito nella Federazione Russa) hanno […] An attack on a Turkish convoy in Idlib Александра Донцова 1 Syria The head of the Russian Center for the Reconciliation of the warring parties in Syria, Rear Admiral Oleg Zhuravlev, announced that the terrorist group ‘Al-Islamad-Turkestani’ made an explosion with an […] Syrie. Une attaque contre les militaires américains Александра Донцова 1 Syrie L’agence syrienne d’Etat SANA citant des sources locales informe que les Etats-Unis ont envoyé le matériel militaire additionnel au nord-est du gouvernorat d’Hassaké. Le matériel sera utilisé pour renforcer les bases […] Syrien. Angriff auf US-Militär Александра Донцова 1. Syrien Die staatliche syrische Nachrichtenagentur SANA berichtete unter Berufung auf lokale Quellen, dass die Vereinigten Staaten zusätzliche militärische Ausrüstung in den Nordosten der Provinz Hasek geschickt hätten. […] Siria. Attacco a militari di USA Александра Донцова 1. Siria L’agenzia governativa siriana SANA, citando fonti locali, ha riferito che gli Stati Uniti hanno inviato ulteriori attrezzature militari nel nord-est della provincia di Hasek. Questa tecnica verrà utilizzata per […] Syria. An attack on the US forces Александра Донцова 1 Syria The Syrian state-run news agency ‘SANA’ reports, while citing the local sources, that the USA sent additional military equipment to the north-east of the province of Hasakah. The military equipment will be […]
Наверх Наверх