Le perdite del Venezuela sono $ 130 miliardi

  
0

Nel corso di una riunione di emergenza del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, convocata su iniziativa della Russia e dedicata alla discussione sulla legge «Assicurare il funzionamento della lingua ucraina come stato» adottata in Ucraina, la maggioranza dei membri del Consiglio di sicurezza non ha appoggiato la proposta della Russia di includere nell’agenda una discussione su questa legge. L’incontro sulla questione della legge ucraina è stato ritenuto necessario da Russia, Cina, Sudafrica, Repubblica Dominicana e Guinea equatoriale. Gli Stati Uniti, la Francia, la Gran Bretagna, la Polonia, il Belgio e la Germania hanno votato contro, quattro paesi si sono astenuti. In precedenza, i rappresentanti di Francia, Germania e gli Stati Uniti hanno dichiarato di voler bloccare l’incontro, ritenendolo inopportuno.

Il presidente dell’Ucraina Vladimir Zelensky in un incontro con i rappresentanti della Casa Bianca e il Congresso degli Stati Uniti ha esortato a continuare a stringere le sanzioni contro la Russia, ha detto il servizio stampa del leader ucraino. «Vorrei esortarvi a dire che gli Stati Uniti continuano a stringere le sanzioni contro la Russia», riferisce TASS. Ha ringraziato Washington per «la leadership nel ripristinare la sovranità e l’integrità territoriale dell’Ucraina», nonché per l’assistenza nello svolgimento delle riforme interne. «Gli Stati Uniti sono un potente e molto serio partner per l’Ucraina, soprattutto per superare l’aggressione della Russia. Non saremo in grado di superare da soli l’aggressione russa nel Donbas e in Crimea. Pertanto, abbiamo bisogno del vostro aiuto «, ha detto Zelensky.

Il rappresentante del leader dell’opposizione venezuelano Juan Guaido negli Stati Uniti, Carlos Vecchio, ha tenuto colloqui con membri del Dipartimento di Stato e del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti. Su questo ha scritto nel suo Twitter. «In conformità con le istruzioni del Guaido, dichiariamo che l’incontro in programma oggi con il Dipartimento di Stato e il Pentagono statunitense è già stato tenuto per discutere tutti gli aspetti della crisi in Venezuela», afferma la dichiarazione di Vecchio RT. Ha anche scritto che i negoziati erano «molto positivi». A sua volta, Guayido ha detto che l’opposizione venezuelana «sta andando avanti nel creare opportunità e cooperazione internazionale che contribuirà a uscire dalla crisi e iniziare a ricostruire» il Venezuela.

e perdite del Venezuela dal blocco economico degli Stati Uniti dal 2015 al 2018 ammontavano a $ 130 miliardi, Carlos Rafael Faria Tortos, ambasciatore venezuelano in Russia, ha detto in una conferenza stampa di martedì. «Come risultato del blocco economico imposto dagli Stati Uniti, le perdite sono stimate a $ 130 miliardi per il periodo dal 2015 al 2018», ha detto il quotidiano TASS. «Con questi fondi, il nostro Paese potrebbe andare avanti per nove anni». «Il governo del nostro presidente, Nicolas Maduro, sta conducendo una guerra molto impari contro il potere economico e militare più potente del mondo — questo sono gli Stati Uniti», ha detto il diplomatico.

Israele e il movimento militante palestinese Hamas, che controlla la Striscia di Gaza, hanno accettato una tregua per sei mesi, riferisce Interfax, citando il quotidiano israeliano The Times of Israel. Da parte loro, i palestinesi hanno promesso di porre fine alle rivolte sulla Striscia di Gaza e Israele e di mantenere una zona cuscinetto a 300 metri lungo il confine. In cambio, Israele espanderà la zona di pesca nella Striscia di Gaza per i pescatori palestinesi e consentirà anche l’importazione di medicinali nell’enclave. All’inizio di maggio è stato riferito che Israele e la Palestina, attraverso la mediazione dell’Egitto, hanno raggiunto un accordo di cessate il fuoco nella Striscia di Gaza.

Circa 400 legislatori di entrambe le case del Congresso degli Stati Uniti hanno chiesto al leader americano Donald Trump di eleggere una nuova strategia sulla Siria, che avrebbe lo scopo di eliminare le minacce alla sicurezza nella regione, riferisce il fatto quotidiano. La lettera corrispondente, firmata dai membri dei partiti repubblicano e democratico, fece circolare la commissione per gli affari esteri della Camera dei rappresentanti. «L’unica scelta è quella di promuovere politiche che possano fermare le crescenti minacce agli interessi di Stati Uniti, Israele, sicurezza regionale e stabilità. Questa strategia richiede la leadership americana «, secondo gli autori, gli» spazi non amministrati «terroristi in Siria minacciano gli Stati Uniti e i loro alleati e chiedono a Trump di fornire un sostegno più efficace a Israele contro le minacce al confine con la Siria, oltre che aumentare la pressione su Iran e Russia in connessione con le loro attività nella regione.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

главное за суткиитоги дняновостисобытия
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Damas va récuperer la souveraineté sur des territoires Александра Донцова 1 Kazakhstan La déclaration finale de la rencontre internationale sur la Syrie à Noursoultan dit que les pays-garants du processus d’Astana – la Russie, la Turquie et l’Iran – ont rejeté des initiatives visant la création […] Damaskus will die Souveränität über die Gebiete wiedererlangen Александра Донцова 1. Kasachstan In der Abschlusserklärung zum internationalen Syrien-Treffen in Nur Sultan hieß es, dass die Schutzmächte des Astana-Prozesses – Russland, die Türkei und der Iran – die Initiative zur Schaffung unter dem […] Damasco intende riconquistare la sovranità sui territori Александра Донцова 1.Kazakistan La dichiarazione finale sull’incontro internazionale sulla Siria a Nur Sultan afferma che i paesi garanti del processo di Astana Russia, Turchia e Iran hanno respinto l’iniziativa di creare un […] Damasco tiene intenciones de recuperar la soberanía sobre los territorios Александра Донцова 1.Kazajstán Después de la reunión internacional sobre Siria celebrada en Nur Sultan, los países garantes del proceso de Astaná, en particular, Rusia, Turquía e Irán rechazaron la iniciativa de crear un gobierno autónomo en […] Damascus intends to regain the sovereignty over the territories Александра Донцова 1 Kazakhstan The final statement on the international meeting on Syria in the city of Nur Sultan states the following: The guarantor countries of the Astana process — Russia, Turkey and Iran — rejected the […] Sommet dans le format Normandie Александра Донцова 1 Suisse Le comité exécutif de l’Agence mondiale antidopage a unanimement adopté la recommendation du comité de l’organisation de priver l’Agence russe antidopage du statut de conformité au Code mondiale antidopage. Notre […] Gipfel des Normandie-Quartetts Александра Донцова 1. Schweiz Das Exekutivkomitee der Welt-Anti-Doping-Agentur (WADA) nahm einstimmig die Empfehlung des Organisationskomitees an, der russischen Anti-Doping-Agentur (RUSADA) die Einhaltung des Welt-Anti-Doping-Kodex zu […] Vertice dei Quattro Normanni Александра Донцова 1.Svizzera Il Comitato esecutivo dell’Agenzia mondiale antidoping (WADA) ha adottato all’unanimità la raccomandazione del comitato dell’organizzazione di privare l’Agenzia russa antidoping (RUSADA) del […] La cumbre del “cuarteto de Normandia” Александра Донцова 1.Suiza El Comité Ejecutivo de la Agencia Mundial Antidopaje (WADA) aceptó por unanimidad la recomendación del comité de la organización en virtud de la cual la Agencia Antidopaje Rusa (RUSADA) no cumplía las normas del […]
Наверх Наверх