Nagorno Karabakh. Dichiarazioni delle parti

  
0

1.Armenia — Azerbaigian

Il ministero della Difesa armeno ha riferito che le forze armate azerbaigiane hanno inferto un colpo alle attrezzature militari nel territorio dell’Armenia. «Il 14 ottobre, le forze armate azere hanno colpito attrezzature militari … sul territorio dell’Armenia … solo supponendo che questa tecnica potesse colpire le aree popolate dell’Azerbaigian. Le forze armate armene si riservano il diritto di colpire qualsiasi struttura militare in Azerbaigian.», — ha detto nella dichiarazione del Ministero della Difesa. In precedenza, il ministero della Difesa azero ha riferito della distruzione di sistemi missilistici tattici-operativi con missili balistici dal lato armeno. Secondo il ministero della Difesa azero, i sistemi missilistici erano diretti «alla popolazione e alle infrastrutture civili di Ganja, Mingachevir e altre città». Il ministero della Difesa ha sottolineato che i complessi sono stati distrutti «da uno sciopero preventivo per garantire la sicurezza della popolazione civile».

2. Nagorno Karabakh

Il Wall Street Journal ha riferito che centinaia di militanti legati alla Turchia dalla Siria sono stati dispiegati nell’area del conflitto in Nagorno Karabakh. Il quotidiano cita due fonti siriane legate al trasferimento di militanti. È stato riferito che «centinaia di membri di gruppi armati siriani in alleanza con la Turchia hanno preso parte alle battaglie tra Azerbaigian e Armenia», «altre centinaia si stanno preparando per essere inviati». Si segnala che decine di militanti hanno lasciato la zona del conflitto nel Nagorno Karabakh, «allarmati dalla ferocia dei combattimenti». La pubblicazione sottolinea anche che la Turchia ha organizzato esercitazioni militari in Azerbaigian per due settimane e «ha fornito alle autorità azere droni d’urto». In precedenza, la Turchia ha negato le accuse di invio di militanti siriani. Le autorità azerbaigiane negano inoltre di utilizzare mercenari stranieri nel conflitto del Nagorno Karabakh.

3. Turchia

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan durante il suo discorso in parlamento ha affermato che il Gruppo OSCE di Minsk dovrebbe portare a termine i negoziati sul Nagorno Karabakh e «restituire i territori» all’Azerbaigian. «L’Azerbaigian chiede solo la restituzione dei territori occupati, ma il Gruppo di Minsk, in particolare gli Stati Uniti, Francia e Russia, sta trascinando il processo. Tutto ciò che il Gruppo di Minsk deve fare è completare immediatamente i negoziati e dare i territori al loro proprietario», ha detto Erdogan. Ha anche sottolineato che la Turchia non ha inviato combattenti dell’opposizione siriana dalla Repubblica araba in Azerbaigian. «I siriani hanno affari nel loro paese d’origine, non ci andrebbero», ha detto il presidente turco.

4. Azerbaigian

Il presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev ha dichiarato in un’intervista al canale televisivo turco Haberturk che l’Azerbaigian interromperà immediatamente le relazioni diplomatiche con qualsiasi Paese che riconosca l’indipendenza del Nagorno Karabakh. Aliyev ha affermato che è necessario preparare i popoli azero e armeno per una vita comune in Nagorno Karabakh dopo la fine del conflitto. Parlando dell’invio di forze di pace in Nagorno Karabakh, il presidente dell’Azerbaigian ha sottolineato che l’invio di forze di pace «dovrebbe essere effettuato sulla base dell’approvazione di due stati: Armenia e Azerbaigian. «Se qualche paese si oppone, allora, ovviamente, questo non accadrà», ha detto Aliyev. Il presidente dell’Azerbaigian ha sottolineato che i mercenari di altri paesi non prendono parte al conflitto del Nagorno Karabakh. Aliyev ha anche smentito le notizie sulla partecipazione di combattenti F-16 turchi alle ostilità dalla parte dell’Azerbaigian.

5.Armenia

Il primo ministro armeno Nikol Pashinyan, durante il suo discorso alla nazione, ha affermato che l’Armenia era a conoscenza dei piani dell’Azerbaigian per iniziare le ostilità nel Nagorno Karabakh. «La domanda era esattamente quando e in quale direzione il nemico avrebbe dovuto avanzare. L’esercito di difesa dell’Artsakh combatte eroicamente il nemico fin dai primi minuti. Le truppe azero-turche in coalizione con i terroristi hanno lanciato l’offensiva più forte contro l’Artsakh», ha detto Pashinyan. Secondo lui, l’Azerbaigian ha chiesto di cedere sette regioni intorno al Nagorno Karabakh, e ha anche rifiutato di considerare la questione dello status del Nagorno Karabakh al di fuori dell’Azerbaigian. «Cioè, le regioni dovevano essere arrese non in cambio di status, ma in cambio di pace. Altrimenti, l’Azerbaigian ha minacciato di risolvere la questione con la guerra», ha detto Pashinyan. Secondo il Primo Ministro dell’Armenia, Azerbaigian e Turchia hanno fallito il blitzkrieg in Karabakh, tuttavia, l’esercito della Repubblica non riconosciuta del Nagorno Karabakh ha perso un gran numero di militari durante i combattimenti.

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Idlib was attacked with MLRS Александра Донцова 1 Syria Terrorists from the south of Idlib shelled the village of Jurin in the province of Hama. The village is under protection of the government troops. The Syrian mass media reported that the terrorists used MRLS. There […] Идлиб обстрелян из РСЗО || Итоги дня 18.06.2021 Влад Николаев Боевики, которые базируются на юге Идлиба, обстреляли посёлок Джурин в провинции Хама. Поселок находится под защитой правительственных войск. Сирийские СМИ сообщают, что огонь велся из реактивных систем залпового огня. […] Military base of Turkey in Azerbaijan Александра Донцова 1 Armenia — Russia The press service of the Armenian Defense Ministry reported that during the recent telephone conversations, the heads of the Armenian and Russian Defense Ministries, Vagharshak Harutyunyan and Sergei […] Idlib fue disparado del sistema múltiple de lanzamisiles Александра Донцова 1.Siria Los medios de comunicación sirios informan que los rebeldes que tienen su base en el sur de Idlib, bombardearon el pueblo de Jurin en la provincia de Hama, que está bajo la protección de las fuerzas gubernamentales, […] La base militar de Turquía en Azerbaiyán Александра Донцова 1.Armenia y Rusia El servicio de prensa del Ministerio de Defensa de Armenia informó que Vagharshak Harutyunyan y Sergei Shoigu, los Ministros de Defensa de Armenia y Rusia, habían examinado el despliegue de guardias […] Военная база Турции в Азербайджане. || Итоги дня 17.06.2021 Влад Николаев Пресс-служба Минобороны Армении сообщила, что главы Минобороны Армении и России Вагаршак Арутюнян и Сергей Шойгу во время телефонных переговоров обсудили дислокацию российских пограничников на границе с Азербайджаном в […]
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: