Operazione militare turca in Libia

  
0

1. Siria

Il contrammiraglio Alexander Shcherbitsky, capo del Centro russo per la riconciliazione delle parti in guerra in Siria, ha dichiarato durante un briefing che i sistemi di difesa aerea russi presso la base aerea di Khmeimim in Siria la sera dell’11 luglio hanno intercettato due attacchi di droni. Nessuna lesione o danno materiale, la base aerea funziona come previsto. Il vice ministro degli Esteri Sergei Vershinin ha dichiarato che l’attacco di droni alla base di Khmeimim è valutato da Mosca come un attacco di terroristi. Ha sottolineato che la priorità della Federazione Russa è la sicurezza della nostra gente che si trova nella RAS in accordo con Damasco. È stato anche riferito che i militanti del gruppo terroristico Jebhat al-Nusra, bandito nella Federazione Russa, hanno sparato contro il villaggio di Ed-Dan nella provincia di Idlib. In precedenza, i bombardamenti venivano registrati nelle province di Aleppo e Latakia. Le unità delle forze armate della SAR hanno respinto un attacco da parte di militanti. Otto militanti sono stati neutralizzati. Il contrammiraglio ha ricordato che, in conformità con gli accordi russo-turchi, dal 6 marzo 2020, è stato in vigore un cessate il fuoco sul territorio della zona di de-escalation di Idlib.

2. Siria

SANA ha riferito che gli Stati Uniti hanno introdotto un nuovo convoglio composto da 22 camion con rinforzi militari e logistici dall’Iraq al territorio siriano. Le forze statunitensi entrarono nella base americana, che si trova a ovest della città di Hasake lungo la strada che collega la città di Hasake e Tel Beidar. È stato riferito che il convoglio era accompagnato da 8 veicoli militari americani. L’agenzia osserva che la presenza delle forze statunitensi in Siria è illegale.

3. Siria

Il ministero della Difesa russo ha dichiarato che la Russia nella commissione sui fatti relativi alle violazioni della cessazione delle ostilità in Siria ha registrato due fatti al giorno sull’apertura del fuoco nelle province di Idlib e Aleppo. «La parte turca dell’ufficio di rappresentanza non ha registrato l’apertura del fuoco», afferma la nota. Durante il giorno, il Centro per la riconciliazione ha condotto tre azioni umanitarie nelle province di Hasek, Deir ez-Zor e Al-Quneitra.

4. Russia — Siria

Il Vice Ministro degli Esteri Mikhail Bogdanov, rappresentante speciale del Presidente della Federazione Russa per il Medio Oriente e i Paesi africani, in un’intervista con TASS, ha dichiarato che la Russia prevede che si terrà la riunione del Comitato costituzionale siriano prevista per agosto e intende sostenere attivamente la promozione di tale lavoro. In precedenza, il 16 giugno, l’inviato speciale del Segretario generale delle Nazioni Unite per la Siria, Geir Pedersen, parlando con un rapporto al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite tramite collegamento video, ha affermato che la terza riunione del Comitato costituzionale siriano avrebbe potuto tenersi a Ginevra a fine agosto se le restrizioni sui voli imposte dalla pandemia fossero state revocate.

5. Turchia — Libia

Il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu ha affermato che le unità dell’esercito nazionale libico guidate da Khalifa Haftar dovrebbero ritirarsi da Sirte e Jufra, altrimenti verrà lanciata un’operazione militare contro di loro. «Haftar deve allontanarsi da Sirte e Jufra. Lo abbiamo trasmesso alla parte russa. Ora sono in corso i preparativi militari per un’operazione a Sirte, anche se stiamo ancora aspettando un accordo al tavolo dei negoziati», ha riferito a Cavusoglu il canale televisivo TRT. «Sebbene una tregua sia attualmente sostenuta, non funziona per il governo libico. Perché ha preoccupazioni che Haftar non sia sincero. Pensiamo che stia cercando di guadagnare tempo e si sta preparando ad attaccare di nuovo. Il governo libico crede che tu debba vedere prima la tabella di marcia, e se vi sono condizioni adeguate, acconsentirà a una tregua ”, ha aggiunto il ministro turco.

главное за суткиитоги дняновости
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Новости на 16:00 7 августа 2020 года Влад Николаев Президент Ливана Мишель Аун заявил, что следствие в Ливане рассматривает несколько версий по взрыву в порту Бейрута, «включая халатность, несчастный случай, а также внешнее воздействие». Слова президента Ливана […] Главное на утро 7 августа 2020 года Влад Николаев Руководитель Российского центра по примирению враждующих сторон контр-адмирал Александр Щербицкий заявил, что командование группировкой РФ в Сирии оставляет за собой право ответить на атаки боевиков, которые угрожают военным […] Le Liban. Les effets de l’explosion à Beyrouth. Александра Донцова 1 Liban Le nombre de victimes suite à l’explosion à Beyrouth a augmenté à 137, celui de blessés – à 5 mille, des dizaines sont disparus, relate Al Jazeera citant la Santé libanaise. Le chef de l’Intérieur du pays Mohammed […] Libanon. Folgen der Explosion in Beirut Александра Донцова 1. Libanon Die Zahl der Todesopfer bei der Explosion in Beirut sei auf 137 Menschen gestiegen, 5.000 Personen seien verletzt worden. Dutzende Menschen würden als vermisst gemeldet. Dies berichtete der Fernsehsender Al Jazeera […] Libano. Conseguenze dell’esplosione a Beirut Александра Донцова 1.Libano Il bilancio delle vittime dell’esplosione a Beirut è salito a 137 persone, il numero delle vittime è aumentato a 5mila, decine di persone risultano disperse. Lo riporta il canale televisivo Al Jazeera con […] Líbano. Las consecuencias de la explosión en Beirut Александра Донцова 1. Líbano. Al Jazeera con referencia al Ministerio de Salud libanés, informó que como resultado de la explosión en Beirut, 137 personas habían muerto y 5 mil personas fueron heridas. Decenas de personas están desaparecidas. […]
Наверх Наверх