Proteste contro le sanzioni statunitensi

  
0

SANA ha riferito che mercoledì i residenti delle province meridionali della Siria hanno protestato contro le sanzioni statunitensi, che sono usate per fare pressione su Damasco. Una manifestazione di massa si è tenuta su Sultan Atrash nella città di Essaouida, nell’omonima provincia e nella vicina provincia di El Quneitra. I manifestanti hanno espresso il loro sostegno al governo siriano e al presidente Bashar al-Assad. SANA, in un commento dell’8 giugno, ha incolpato gli Stati Uniti per il deterioramento della situazione economica e finanziaria della Siria. Secondo l’agenzia, l’inviato speciale degli Stati Uniti per la Siria James Jeffrey ha ammesso apertamente il 7 giugno in una riunione con l’opposizione che il crollo della sterlina siriana e un aumento senza precedenti dei prezzi delle materie prime sono stati il ​​risultato della pressione americana su Damasco. «Gli Stati Uniti stanno privando i siriani di un pezzo di pane con le loro sanzioni disumane», ha sottolineato l’agenzia. In precedenza, il 3 giugno, il ministero degli Esteri siriano ha condannato fermamente il nuovo pacchetto di sanzioni contro Damasco, che entrerà in vigore il 17 giugno. La dichiarazione affermava che il documento «si basa su prove false fabbricate da parti ostili al popolo siriano».

SANA ha riferito che il convoglio americano si trova nella provincia settentrionale di Hasek. Un convoglio di 40 camion attraversò l’incrocio di Al-Waleed, accompagnato da veicoli blindati di tipo Hummer, e si diresse verso la base americana vicino al campo di aviazione di Kharab Al-Jir. L’agenzia sottolinea che gli Stati Uniti continuano a rafforzare le proprie basi militari illegali nella regione siriana di Al Jazeera.

Il portavoce dell’LNA, il maggiore generale Ahmed al-Mismari, ha dichiarato lunedì in una conferenza stampa a Bengasi che l’esercito nazionale libico sta cambiando la sua strategia di combattimento e utilizzerà attivamente l’aviazione. Ha anche parlato dei crimini commessi da forze fedeli al governo di accordo nazionale nella città di Tarhuna, che è stato preso dal PNS il 5 giugno. «Hanno derubato, sequestrato la proprietà di un altro, umiliato la dignità dei cittadini», ha detto al-Mismari. Secondo lui, oltre 20 mila persone hanno lasciato la città. Al-Mismari ha invitato i paesi a «rispondere agli attacchi della Turchia». Il canale televisivo Al-Hadath, citando una dichiarazione del comando LNA, ha affermato che la difesa aerea dell’esercito nazionale libico ha abbattuto un veicolo aereo senza pilota turco a ovest della città strategicamente significativa di Sirte. Il drone ha cercato di attaccare la posizione dell’esercito nazionale libico.

I ministri degli esteri di Italia, Germania e Francia, nonché il capo del servizio estero dell’UE, Josep Borrell, hanno invitato tutte le parti in conflitto in Libia e gli attori internazionali che vi operano a fermare le operazioni militari e prendere una parte costruttiva nei negoziati sotto forma di un comitato militare congiunto. «Questi sforzi dovrebbero incoraggiare tutte le parti a concordare in un formato 5 + 5 in base a un accordo di cessate il fuoco, compreso il ritiro di tutte le forze e mercenari stranieri, nonché tutte le attrezzature militari consegnate in violazione dell’embargo delle Nazioni Unite da tutte le parti della Libia», ha affermato la nota. «Tutte le parti devono dare un contributo costruttivo ai negoziati intra-libici sotto gli auspici delle Nazioni Unite al fine di spianare la strada a un accordo politico globale in conformità con i parametri concordati a Berlino», afferma la nota.

La televisione TOLOnews, citando il ministero degli Affari interni afgano, ha affermato che il dispositivo esplosivo improvvisato è esploso nella moschea Sher Shah Suri nella parte occidentale di Kabul. L’esplosione ha ucciso quattro persone, incluso l’imam. Reuters riporta un gran numero di vittime.

Il quotidiano Yomiuri, citando fonti del ministero degli Esteri giapponese, riferisce che i ministri degli esteri dei Sette stanno sviluppando una dichiarazione congiunta, che suggerisce che Pechino dovrebbe riconsiderare la decisione di preparare un disegno di legge sulla sicurezza nazionale a Hong Kong. Il documento dovrebbe inoltre invitare la leadership cinese a rispettare il principio di «un paese — due sistemi» in vigore in relazione a questa regione amministrativa speciale della RPC. L’iniziatore della dichiarazione congiunta è il Giappone.
Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

главное за суткиитоги дняновости
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

L’UE ne reconnaît pas la légitimité de Loukachenko Александра Донцова 1 Libye Le chef du groupe terroriste de Daech (interdit en Russie) en Afrique du Nord, Abu Abdullah al-Iraqi, a été éliminé par l’Armée nationale libyenne lors d’une opération spéciale le 15 septembre, a relate […] Die EU erkennt Lukaschenkas Legitimität nicht an Александра Донцова 1. Libyen Die Nachrichtenagentur TASS berichtete unter Berufung auf eine Quelle der libyschen Nationalarmee, Feldmarschall Chalifa Haftar, dass der Führer der Terroristengruppe Islamischer Staat (IS, in Russland verboten) in […] L’UE non riconosce la legittimità di Lukashenko Александра Донцова 1 Libia L’agenzia di stampa TASS, citando una fonte dell’esercito nazionale libico, il feldmaresciallo Khalifa Haftar, ha riferito che il leader del gruppo terroristico dello Stato islamico (ISIS, bandito in […] La UE no reconoce la legitimidad de Lukashenko. Александра Донцова 1 Libia TASS con referencia a la fuente en el Ejército Nacional de Libia encabezado por Khalifa Haftar, informó que Abu Abdullah al-Iraqui, el líder del “Estado Islámico” (la agrupación terrorista que está prohibida en la […] The EU does not recognize Lukashenko’s legitimacy Александра Донцова 1 Libya The TASS reported while citing a source in the Libyan National Army, headed by Field Marshal Khalifa Haftar, that according to a local investigation — the head of the ISIS in North Africa, Abu Abdullah al-Iraqi, […] Новости на 16:00 24 сентября 2020 года Влад Николаев Пресс-секретарь МВД Белоруссии Ольга Чемоданова сообщила, что в Белоруссии в среду было зафиксировано 59 протестных акций в которых участвовали около 5 тыс. человек. Сообщается, что сотрудники правоохранительных органов […]
Наверх Наверх