Proteste in Germania

  
0

Uno dopo l’altro, i paesi europei vengono messi in quarantena in connessione con la seconda ondata della pandemia di coronavirus. Il ritorno a rigide restrizioni sta provocando un profondo risentimento tra la popolazione per ragioni economiche e sociali. Decine di migliaia di europei stanno protestando per le strade delle città. La Germania non è sfuggita alla stessa sorte.

Il governo tedesco ha introdotto a novembre nuove misure di quarantena senza precedenti, ancora più rigorose di quelle in vigore in primavera. Le violazioni dei regolamenti sono soggette a multe e sanzioni severe paragonabili a quelle per atti criminali.

I critici delle nuove misure sostengono che sono sproporzionate e illegali. La quarantena viola le libertà civili, porta a una cessazione quasi completa della vita sociale e pubblica e, di conseguenza, al collasso economico.

La situazione è stata ulteriormente aggravata dalla «Legge sulla protezione dalle infezioni» del Bundestag, che amplia i poteri delle autorità e rende più facile per il governo di Angela Merkel introdurre rapidamente misure di isolamento nella lotta alla crisi del coronavirus.

I manifestanti ritengono che con questa legge Berlino abbia superato il limite di poteri consentito.

Martedì mattina nella capitale tedesca, i disamorati hanno violato il divieto di raduni e hanno iniziato ad arrivare nel centro della città tra la Porta di Brandeburgo e il Reichstag, dove si trova il parlamento. In un primo momento, la polizia non è intervenuta per disperdere la folla, nonostante l’incoerenza dell’azione e l’aumento dei requisiti di sicurezza nell’area delle strutture governative. Ma il numero dei manifestanti è salito a 10.000 e la polizia ha richiamato forze aggiuntive, inclusi cani e cannoni ad acqua. C’erano anche provocatori tra la folla. Alla fine, la situazione è sfociata in rivolte e scontri con la polizia. Bottiglie e pietre sono state lanciate alla polizia.

I manifestanti più aggressivi sono entrati nel Bundestag, la sala dove si svolgevano i dibattiti. Il loro obiettivo era fermare la nuova legge sulla protezione dalle infezioni. Successivamente, la polizia ha allontanato la folla dal Bundestag, ha disperso la manifestazione con cannoni ad acqua e ha arrestato circa 200 persone. Le autorità di Berlino hanno affermato che i manifestanti hanno ignorato le richieste di indossare maschere.

Dopo l ‘»invasione degli attivisti», i parlamentari tedeschi si sono affrettati a parlare di un attacco alla legislatura.

Il deputato socialdemocratico Helge Lind inizialmente ha convenuto che le persone «dovrebbero avere l’opportunità di tenere riunioni e criticare», ma ha aggiunto:

«Ma la tolleranza non può arrivare a concordare che la legge sulla protezione contro le infezioni equivale all’inizio della dittatura nazista».

Il fatto è che alcuni manifestanti, così come il partito di estrema destra Alternativa per Germania (AfD), hanno ripetutamente tracciato un’analogia della legge in discussione con Atto di Emergenza del 1933, che ha conferito al governo poteri dittatoriali.

Proteste in Germania contro le misure di quarantena La legge sulla protezione dalle infezioni trasferisce parte del potere legislativo dal parlamento all’esecutivo al governo. Finora, le autorità tedesche hanno fatto molto affidamento sugli editti per affrontare la crisi del coronavirus, una pratica criticata dai parlamentari di tutti i partiti e considerata incostituzionale da molti. La legge sulla protezione dalle infezioni creerà ora un quadro giuridico che consente al governo di limitare alcuni dei diritti civili fondamentali sanciti dalla costituzione tedesca.

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

итоги дняновостисобытия за сутки
Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Новости на 12:00 25 января 2021 года Влад Николаев Постоянный представитель России при ООН Василий Небензя заявил, что Россия выступит против попыток вернуться к закрытым обсуждениям в Совете Безопасности ООН темы ликвидации сирийского химоружия. Об этом Небензя заявил в […] Главное на утро 25 января 2021 года Влад Николаев Телестанция Al Ekhbariya сообщила, что артиллерия турецкой армии подвергла в субботу обстрелу город Телль-Рифаат, который расположен на севере Сирии в 40 км от Алеппо. В результате погибли три человека, в том числе двое […] Détérioration de la situation dans le Donbass Александра Донцова Rouslan Yakubov, porte-parole la République populaire autoproclamée de Donetsk au Centre commun de contrôle et de coordination du régime de cessez-le-feu, a fait part de l’aggravation de la situation sur la ligne de contact […] Verschärfung der Situation in Donbass Александра Донцова Ruslan Jakubow, Leiter der Repräsentanz der Volksrepublik Donezk im Gemeinsamen Zentrum für Kontrolle und Koordinierung des Waffenstillstands, sagte über die Verschärfung der Situation auf der Kontaktlinie in Donbass. „Nach […] Aggravamento della situazione nel Donbass Александра Донцова Ruslan Yakubov, capo dell’ufficio di rappresentanza della Repubblica popolare di Donetsk presso il Centro comune per il controllo e il coordinamento del regime di cessate il fuoco, ha detto dell’aggravamento della situazione […] El agravamiento de la situación en Donbass Александра Донцова Ruslan Yakubov, el jefe de la oficina de la representación de la República Popular de Donetsk en el Centro Conjunto de Supervisión y Coordinación del régimen del cese del fuego, anunció el agravamiento de la situación en la […]
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: