Provocazione di armi chimiche a Serakib

  
0

1. Siria

Igor Konashenkov, portavoce del Ministero della Difesa russo, ha affermato che i posti di osservazione delle forze armate turche nella zona di de-escalation di Idlib in Siria erano situati in aree fortificate di gruppi terroristici. «Le aree fortificate dei terroristi si sono fuse con gli osservatori turchi schierati di comune accordo», ha dichiarato Konashenkov. Ha anche sottolineato che la Turchia, in violazione del diritto internazionale, ha trasferito le sue unità a Idlib e le minacce pubbliche per distruggere tutte le unità delle forze governative siriane e riportare l’autostrada M5 al controllo terroristico negli Stati Uniti e in Europa sono chiamate «diritto di difesa legale di Ankara».

2. Siria

Il Centro russo per la riconciliazione delle parti in guerra in Siria ha affermato che i terroristi stavano cercando di far esplodere contenitori di sostanze tossiche nella città siriana di Serakib. Tuttavia, a causa della mancanza di esperienza e abilità nella gestione di sostanze tossiche, i militanti hanno violato la tenuta di uno dei carri armati, consentendo una perdita accanto a loro. «A seguito dell’incidente, i terroristi hanno subito gravi avvelenamenti chimici, non essendo riusciti a mettere a repentaglio le munizioni e ad attuare una provocazione», ha detto il Centro. È stato anche riferito che «prove inconfutabili della fallita provocazione usando armi chimiche» sono state ottenute il 3 marzo durante la risposta dell’esercito siriano contro i terroristi «Hayat Tahrir al-Sham» (illecito nella Federazione Russa) ad est della zona di de-escalation di Idlib. Questi dati saranno rilasciati a breve. In precedenza, il Centro ha riferito che unità della polizia militare russa furono introdotte a Serakib, che il 3 marzo condusse la prima pattuglia.

3. Turchia

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha dichiarato che la Turchia conta su un cessate il fuoco nella provincia siriana di Idlib poco dopo i colloqui tra i presidenti turchi e russi Tayyip Erdogan e Vladimir Putin. Inoltre, Erdogan ha confermato di aver inviato una richiesta al presidente degli Stati Uniti Donald Trump per fornire ad Ankara munizioni per operazioni nella provincia siriana di Idlib. Il fatto che Washington sia pronta a fornire munizioni ad Ankara è stato annunciato dal rappresentante speciale degli Stati Uniti per la Siria James Jeffrey.

4. Siria

Il ministero della Difesa nazionale turco ha dichiarato mercoledì che due soldati turchi sono stati uccisi e altri sei feriti nella provincia siriana di Idlib. «A seguito del bombardamento delle posizioni dei nostri militari da parte del regime nell’area dell’operazione Sсudo Primaverile, due dei nostri militari sono stati uccisi e altri sei sono rimasti feriti», ha detto un comunicato diffuso dal Ministero della Difesa.

5. Afghanistan

1TV ha riferito che 24 funzionari di sicurezza afgani sono stati uccisi in battaglie con i talebani (illeciti nella Federazione Russa). Sei soldati sono morti e sette sono rimasti feriti la scorsa notte durante i combattimenti con i talebani nella città di Tarinkot, nel centro amministrativo della provincia di Uruzgan, nell’Afghanistan centrale. 18 funzionari della sicurezza sono morti di notte nella provincia di Kunduz a seguito di attacchi ai posti di blocco. È stato riferito che mercoledì mattina sono stati rapiti dieci soldati nel distretto di Imam Sahib, nel nord della provincia, vicino al confine con il Tagikistan. Lunedì, un portavoce talebano ha riferito a France-Presse che il periodo per «ridurre il livello di violenza» e la ripresa delle ostilità contro le forze governative afghane era terminato.

6. Afghanistan

Il rappresentante delle forze americane in Afghanistan, il colonnello Sonny Leggett ha dichiarato che le forze armate statunitensi hanno lanciato oggi un attacco aereo con i combattenti del movimento radicale talebano (illecito nella Federazione Russa) nella provincia afgana di Helmand. Questo successo è stato il primo in 11 giorni. È stato riferito che l’attacco aereo è stato lanciato a fini difensivi contro i talebani che hanno attaccato il checkpoint delle forze armate afghane. «L’attacco è stato effettuato a scopo difensivo al fine di fermare l’attacco», ha scritto il colonnello sulla sua pagina Twitter.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Главное на вечер 10 июля 2020 года Влад Николаев Агентство SANA сообщило, что военнослужащие сирийской армии преградили путь патрулю американских военнослужащих на севере провинции Хасеке. Военные США приблизились на бронемашинах к населенному пункту Мунсиф-Тахтани, где […] Новости на 16:00 10 июля 2020 года Влад Николаев Агентство SANA сообщило, что военнослужащие сирийской армии преградили путь патрулю американских военнослужащих на севере провинции Хасеке. Военные США приблизились на бронемашинах к населенному пункту Мунсиф-Тахтани, где […] Новости на 12:00 10 июля 2020 года Влад Николаев Председатель Комитета начальников штабов Вооруженных сил США генерал Марк Милли заявил, что Россия якобы «вовлечена в ситуацию в Афганистане» и действует в этой стране через контакты с экстремистской группировкой […] Provocations de radicaux en Syrie Александра Донцова 1. Syrie Le chef du Centre russe pour la réconciliation des parties belligérantes en Syrie, contre-amiral Alexander Schtscherbizki, a déclaré que les terroristes avaient préparé au moins 15 engins explosifs contenant des […] Provokationen von Terroristen in Syrien Александра Донцова 1. Syrien Konteradmiral Alexander Shcherbizki, Leiter des russischen Zentrums für die Versöhnung der Kriegsparteien in Syrien, sagte, die Terroristen hätten mindestens 15 Sprengsätze mit unbekannten giftigen Substanzen […] Provocazioni di militanti in Siria Александра Донцова 1. Siria Il contrammiraglio Alexander Shcherbitsky, capo del Centro russo per la riconciliazione delle parti in guerra in Siria, ha affermato che i militanti avevano preparato almeno 15 ordigni esplosivi con sconosciute […] Las provocaciones de los rebeldes en Siria Александра Донцова 1.Siria. Alexander Shcherbitsky, el jefe del Centro de Reconciliación de las partes en conflicto en Siria ruso, informó que los rebeldes de «Hayat Tahrir al-Sham» (la agrupación terrorista que está prohibida en la […] Provocations of the terrorists in Syria Александра Донцова 1 Syria The head of the Russian Center for the Reconciliation of the warring parties in Syria, Rear-Admiral Alexander Shcherbitsky, announced that the terrorists had prepared at least 15 explosive devices with unknown […] «Envahisseurs turcs» en Libye Александра Донцова 1.Libye Le maréchal Khalifa Haftar, commandant de l’armée nationale libyenne, a déclaré qu’ils ne reculeraient pas jusqu’à ce que tous les «envahisseurs turcs» et leurs mercenaires n’auraient pas été […]
Наверх Наверх