Ritiro delle truppe straniere dall’Afghanistan

  
0

1.12: 00

Afghanistan

Sher Mohammad Abbas Stanikzai, portavoce dell’ufficio politico talebano del Qatar, ha detto che i talebani prevedono di ritirare le truppe straniere dall’Afghanistan entro la fine di aprile. «Mancano solo tre mesi alla scadenza del termine per il ritiro delle truppe americane e di altre truppe straniere dall’Afghanistan. La maggior parte è stata ritirata, solo poche migliaia rimangono. Speriamo che entro la fine di aprile lasceranno l’Afghanistan», ha detto. Un portavoce dell’ufficio politico talebano del Qatar ha anche espresso la speranza che «gli Stati Uniti continueranno a rispettare questo accordo firmato a Doha». Altrimenti, ha detto Stanikzai, i talebani combatteranno «come hanno fatto prima con altre forze di occupazione».

2. 12:00

Nagorno-Karabakh

Il servizio stampa del ministero russo per le emergenze ha riferito che durante il loro lavoro in Nagorno-Karabakh, i genieri russi hanno esaminato un’area di oltre 120 ettari e più di 15mila oggetti esplosivi sono stati neutralizzati. È stato riferito che il gruppo pirotecnico del centro «Leader» sta lavorando nel quartiere Martuni. Continua anche lo sminamento vicino all’insediamento di Afatli nella regione di Aghdam. Si noti che i genieri russi stanno sgombrando il territorio insieme ai loro colleghi azeri in modalità manuale e con l’aiuto di due veicoli di sminamento MV-4 consegnati da Mosca.

3. 8:00

USA-Siria-Iraq

La nuova amministrazione statunitense non ha specificato se le truppe statunitensi continueranno a controllare parte dei giacimenti petroliferi siriani. Il sottosegretario alla Difesa degli Stati Uniti per gli affari pubblici John Kirby ha affermato che lo scopo della presenza delle truppe statunitensi in Iraq e Siria è quello di continuare a far fronte alla minaccia del gruppo terroristico dello Stato islamico (bandito in Russia). Così ha risposto alla domanda quale ruolo avrà il controllo su parte dei giacimenti petroliferi di questo paese nella strategia dell’attuale governo statunitense nei confronti della Siria. In precedenza, l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha sottolineato che Washington ha preso il controllo di alcuni giacimenti petroliferi in aree della Siria che non sono sotto il controllo di Damasco.

4. 8:00

Gli Stati Uniti

Il segretario generale dell’ONU Antonio Guterres ha detto che l’ONU è pronta a organizzare un incontro sugli insediamenti israelo-palestinesi. Guterres ha sottolineato che le Nazioni Unite «hanno cercato a lungo di organizzare una riunione del Quartetto del Medio Oriente, che include Russia, Stati Uniti, UE e Nazioni Unite. Tuttavia, come ha osservato il Segretario generale delle Nazioni Unite, non c’è stato accordo di tutti i membri del Quartetto. «Secondo Guterres, con il cambio di amministrazione negli Stati Uniti, le condizioni sono mature per un incontro su un accordo israelo-palestinese». Penso che ora sia diventato possibile, e puoi star certo che faremo del nostro meglio per organizzare la ripresa di un vero processo di pace, che dovrebbe essere basato su una soluzione a due Stati e su tutti gli accordi internazionali esistenti «, ha affermato Guterres.

5. 16:00

Turchia-Iran

Il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu in una conferenza stampa con il suo collega iraniano Mohammad Javad Zarif ha affermato che le autorità turche intendono espandere la cooperazione sulla soluzione del conflitto del Karabakh al formato «3 + 3». Questo formato includerà la Federazione Russa, l’Azerbaigian, l’Armenia, l’Iran, la Georgia e la Turchia. La conferenza stampa è stata trasmessa dal canale NTV. Cavusoglu ha sottolineato che «è necessario raggiungere un cessate il fuoco permanente ampliando la cooperazione». «La pace e la stabilità in questa regione sono nell’interesse di tutti. Nella massima misura sarà vantaggioso per l’Armenia e il suo popolo. Pertanto, ci aspettiamo passi costruttivi dall’Armenia in questa direzione», ha aggiunto il ministro degli Esteri turco. In precedenza, i leader di Azerbaigian e Turchia, Ilham Aliyev e Recep Tayyip Erdogan, hanno proposto un’iniziativa su un formato di cooperazione a sei sul Karabakh. L’Iran ha accolto con favore questa idea, promettendo la sua disponibilità ad assistere le misure per consolidare la pace nella regione.

6. 16:00

Russia

Il servizio estero dell’UE ha dichiarato in una dichiarazione che il capo della diplomazia dell’UE, Josep Borrell, visiterà Mosca dal 4 al 6 febbraio. Durante la visita, Borrell intende discutere con il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov le relazioni bilaterali, la lotta contro la pandemia, l’accordo nucleare iraniano, il conflitto in Ucraina, nonché l’arresto di Alexei Navalny. Si noti che questa sarà la prima visita in Russia dell’Alto rappresentante dal 2017. La dichiarazione sottolinea inoltre che «la visita fornirà l’opportunità di tenere ampie discussioni con il ministro degli Esteri Sergei Lavrov e altri interlocutori russi prima della prevista discussione strategica del Consiglio europeo sulle relazioni tra UE e Russia».

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.


Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется


Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Читайте также:

Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: