Rivolte negli Stati Uniti

  
0

1.

Yemen

Reuters ha riferito che una potente esplosione è avvenuta nei pressi della prigione centrale della città di Aden, dove in precedenza erano arrivati ​​i ministri del nuovo governo. Fonti dell’agenzia hanno detto che l’esplosione ha distrutto il muro del penitenziario. I dati sui morti e sui feriti non sono ancora stati riportati. All’inizio della fine di dicembre 2020, l’aeroporto di Aden è stato colpito da colpi di mortaio durante l’arrivo dei ministri del nuovo governo dello Yemen. Il bombardamento ha ucciso 27 persone e ne ha ferite dozzine.

2.

Armenia

Il primo ministro armeno Nikol Pashinyan ha affermato che la priorità dell’Armenia per l’ulteriore attuazione della dichiarazione trilaterale del 9 novembre «è l’attuazione della voce sul pieno scambio di prigionieri, ostaggi e altri detenuti, nonché i corpi dei morti». Pashinyan ne ha scritto sulla sua pagina Facebook. Pashinyan ha definito un’altra priorità «sbloccare tutte le comunicazioni economiche e di trasporto regionali». Come ha sottolineato il Primo Ministro, ciò significa l’attuazione del trasporto merci e la creazione di collegamenti di trasporto tra l’Armenia attraverso il territorio dell’Azerbaigian con la Russia e l’Iran e i collegamenti di trasporto tra l’Azerbaigian e la Repubblica Autonoma di Nakhichevan attraverso il territorio armeno.

3.

Iran

Il Corpo della Guardia Rivoluzionaria Islamica ha dimostrato una base missilistica sotterranea sulla costa del Golfo Persico. Lo riporta il portale Sepah News associato alle Guardie rivoluzionarie islamiche. Secondo quanto riferito, alla cerimonia hanno partecipato il comandante in capo dell’IRGC, Hossein Salami, e il comandante delle forze navali dell’IRGC, Alireza Tangsiri. Come diceva Salami, il complesso contiene missili ad alta precisione con «grande potere distruttivo» e con una gittata di «centinaia di chilometri» in grado di superare la protezione elettronica. L’annuncio arriva tra i resoconti dei media secondo cui l’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump potrebbe colpire l’Iran prima della scadenza del suo mandato il 20 gennaio.

4.

Iran

Il leader supremo dell’Iran Ali Khamenei ha detto che all’Iran non importa se gli Stati Uniti tornano al piano d’azione globale congiunto. «La nostra richiesta è la revoca delle sanzioni. Questo è un diritto ricevuto dal popolo iraniano», ha detto Khamenei durante un discorso televisivo. Ha aggiunto che un ritorno degli Stati Uniti all’accordo nucleare avrebbe senso solo se le sanzioni fossero revocate. Khamenei ha affermato che non ha senso che l’Iran adempia ai propri obblighi ai sensi dell’accordo se le parti non rispettano le disposizioni dell’accordo nucleare. Khamenei ha sottolineato che l’Iran tornerà all’esecuzione dell’accordo nucleare quando altri paesi partecipanti all’accordo torneranno alla sua attuazione.

5.

Gli Stati Uniti

Un poliziotto del Campidoglio è morto per le ferite riportate durante i disordini nel palazzo del Congresso degli Stati Uniti. Questo è stato segnalato sul sito web dell’agenzia. Si sottolinea che sarà avviata un’indagine su questo fatto. Inoltre, Reuters, citando una fonte dell’amministrazione statunitense, ha riferito che dopo le rivolte avvenute mercoledì a Washington, il direttore senior degli affari africani Erin Walsh, il direttore senior delle politiche di difesa Mark Wandroff, direttore senior delle armi di massa Anthony Rugierro e Rob Greenaway, direttore senior per il Medio Oriente e gli affari africani sono stati dimessi. In precedenza è stato riferito che Ryan Tully, direttore senior per Russia e affari europei, ha lasciato il suo incarico dopo i disordini. Il segretario ai trasporti degli Stati Uniti Elaine Chao e il capo del Dipartimento dell’Istruzione degli Stati Uniti Betsy Devos, nonché l’inviato speciale degli Stati Uniti per l’Irlanda del Nord Mick Mulvaney, si sono dimessi giovedì a causa dei disordini.

6.

L’Unione Europea

Il portavoce del presidente del Consiglio europeo, Barend Leits, ha dichiarato su Twitter che i capi di Stato e di governo dell’UE terranno un vertice di emergenza il 21 gennaio per combattere la nuova pandemia di coronavirus. Il vertice si svolgerà sotto forma di videoconferenza. All’inizio del 5 gennaio, il capo del Consiglio europeo Charles Michel ha annunciato in una conferenza stampa che alla fine di gennaio si terrà una videoconferenza di emergenza dei leader dell’UE. È stato sottolineato che prenderà in considerazione l’organizzazione della vaccinazione e la situazione con l’approvvigionamento di vaccini per l’Unione Europea.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.


главное за суткиитоги дняновости
Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Обстановка на линии фронта за сутки: версии сторон Александра Донцова Донецкая Народная Республика За прошедшие сутки со стороны украинских силовиков зафиксировано одно нарушение второго пункта Комплекса дополнительных мер по контролю за соблюдением режима прекращения огня. Об этом сообщили в […] Turquía acordó controlar el aeropuerto de Kabul || Спецвыпуск 29.08.2021 Александра Донцова 1.Buenos días, en el aire estoy yo, Svetlana Borónina, voy a presentarles noticas especiales de ANNA News. 2.El canal de televisión Al Jazeera informa que Turquía apoyó la propuesta de “Talibán” (el movimiento radical que […] Turkey agreed to control Kabul airport || Спецвыпуск 29.08.2021 Александра Донцова This is a special program from the ’ANNA NEWS’. I am Constantine Reztsov. Turkey agreed on the Taliban’s proposal to take control of the airport in the capital of Afghanistan — the ’Al Jazeera’ TV reported while citing […] Теракт в Кабуле || Итоги недели 28.08.2021 Влад Николаев В результате взрывов у международного аэропорта Кабула погибло уже по меньшей мере 170 человек, сообщили в Минздраве Афганистана. Большинство погибших — афганцы. Известно о гибели 13 американских военнослужащих и как минимум […] El acto terrorista en Kabul Александра Донцова El Ministerio de Salud afgano informó que como resultado de las explosiones que se habían producido en el aeropuerto internacional de Kabul, al menos a 170 personas habían muerto. La mayoría de los muertos son afganos. Se […] A terrorist attack in Kabul Александра Донцова The explosions at the Kabul international airport have already killed at least 170 people — the Afghan Ministry of Health reported. Most of the victims are Afghans. It was reported that 13 US servicemen and at least 28 […]
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: