Sciopero dell’aviazione contro i militanti di Homs

  
0

I nostri ufficiali militari, che si trovano in formazioni da combattimento dell’esercito siriano, riferiscono che le «Forze tigre» hanno ripreso l’assalto al vertice strategico vicino al villaggio di Tel-Mallah, nella provincia di Homs. L’aviazione colpisce le posizioni dei militanti. I militanti «Tahrir ash-Sham» in risposta ai raid aerei, hanno sparato diversi proiettili e razzi di artiglieria nella direzione delle roccaforti governative in Mhard e Scalbii. Come è noto, i militanti del gruppo Jabhat al-Watania lil Tahrir (noto anche come Fronte di Liberazione Nazionale), hanno sparato contro le posizioni del CAA nell’area del villaggio di Al-Jabriya.

Una persona è morta e sette sono rimasti feriti a seguito di un attacco dei ribelli yemeniti all’aeroporto di Saudi Abha, secondo Interfax, citando l’Associated Press. Un rappresentante di una coalizione guidata dall’Arabia Saudita che combatte in Yemen contro i ribelli hussiti, Turki al-Maliki, ha detto che l’aeroporto nel sud del regno di Abha è stato licenziato domenica sera. Non ha specificato quali armi hanno usato gli aggressori. L’attacco è avvenuto meno di due settimane dopo che l’aeroporto di Abha è stato attaccato da un missile da crociera hussita. Poi 26 persone sono rimaste ferite.

Il presidente iracheno Barham Saleh ha detto che Baghdad non permetterà in nessun caso agli Stati Uniti di utilizzare basi americane in Iraq per un attacco militare contro l’Iran, riferisce TASS. «Non vogliamo che il nostro territorio diventi una testa di ponte intermedia per eventuali azioni ostili contro i nostri vicini, compreso l’Iran», ha detto Saleh. «Questo non è assolutamente parte integrante dell’accordo tra il governo iracheno e gli Stati Uniti», ha aggiunto, ricordando che le truppe statunitensi e la coalizione anti-terrorismo sono presenti in Iraq su invito delle autorità di questo paese per svolgere «l’unico compito di contrastare» il gruppo terrorista dello Stato islamico.

Il viceministro degli esteri russo Sergei Ryabkov ha dichiarato che un gruppo di specialisti russi è arrivato in Venezuela per continuare a lavorare sulla manutenzione delle attrezzature militari. «Questa è una continuazione del lavoro di manutenzione su attrezzature precedentemente spedite in Venezuela con contratti di cooperazione tecnico-militare», ha risposto Ryabkov alla domanda sull’arrivo di un aereo militare russo in Venezuela, riferisce TASS. «Da tutti i punti di vista, questa cooperazione è trasparente e trasparente, non ha alcun elemento di destabilizzazione della situazione regionale o di qualsiasi situazione», ha aggiunto, aggiungendo che «i tentativi di riscaldare speculativamente questo argomento sono ingiusti».

Un civile è stato ucciso e altri 19 sono rimasti feriti a seguito di due esplosioni che hanno colpito giovedì nella città irachena di Kirkuk, riferisce TASS, citando l’agenzia di stampa Xinhua. La prima bomba fu attaccata alla macchina che trasportava passeggeri nella parte centrale della città. Come risultato della sua esplosione, una donna morì, un altro passeggero fu ferito. La detonazione di un secondo ordigno esplosivo, collegato a un piccolo autobus nel parcheggio, ha provocato la ferita di 18 persone. Nessuno dei gruppi ha rivendicato la responsabilità per l’incidente.

Le armi di difesa aerea hanno distrutto i droni, con i quali i militanti hanno attaccato la base aerea di Khmeimim, il capo del Centro per la riconciliazione delle parti in guerra in Siria, ha detto il generale Alexei Bakin. I miliziani di droni non hanno inflitto danno materiale, non ci sono feriti, riferisce RIA Novosti. Secondo Bakin, c’è ancora la possibilità che i militanti proveranno a inscenare un attacco chimico nella zona idlib di de-escalation. Ha anche detto che i militanti hanno sparato su 11 insediamenti nelle province siriane di Aleppo, Hama e Lattakia.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Ukraine intensifies their armed provocations Александра Донцова 1 Syria The Syrian President Bashar al-Assad held a meeting in Damascus with the Russian Deputy Prime Minister, Yuri Borisov. Yuri Borisov congratulated Bashar al-Assad on his victory in the presidential elections, and added […] Ucrania intensifica las provocaciones armadas Александра Донцова 1.Siria El 22 de junio, Bashar al-Assad, el presidente sirio, se reunió en Damasco con Yuri Borisov, el viceprimer ministro ruso. Borisov felicitó a Assad por su victoria en las elecciones presidenciales. Borisov destacó que […] Украина усиливает вооруженные провокации || Итоги дня 22.06.2021 Влад Николаев Сегодня президент Сирии Башар Асад в Дамаске провел встречу с вице-премьером РФ Юрием Борисовым. Борисов поздравил Асада с победой на президентских выборах. Борисов отметил, что Москва рассчитывает, что новое правительство […] The humanitarian situation in Syria Александра Донцова 1 Syria The Russian Foreign Minister Sergei Lavrov stated that Russia is ready to discuss with the Western countries the humanitarian situation in Syria, if they recognize the real problems there, and the responsibility they […] La situación humanitaria en Siria Александра Донцова 1.Siria. Sergei Lavrov, el Ministro de Asuntos Exteriores ruso, declaró que Rusia estaba dispuesta a examinar la situación humanitaria en Siria con los países occidentales en caso de que ellos reconocieran los problemas […] Гуманитарная ситуация в Сирии || Итоги дня 21.06.2021 Влад Николаев Министр иностранных дел РФ Сергей Лавров заявил, что Россия готова обсуждать с западными странами гуманитарную ситуацию в Сирии, если они признают реально существующие там проблемы и ответственность, которую они за них несут. […]
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: