Sparatoria in Francia

  
0

1. Siria

Gli Stati Uniti hanno ampliato l’elenco delle sanzioni contro la Siria. Lo ha riferito in una dichiarazione del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti. L’elenco delle sanzioni include quattro persone con cittadinanza britannica e cittadinanza siriana. Inoltre, sono state imposte sanzioni contro nove strutture commerciali e la Banca centrale della Siria. In una dichiarazione scritta rilasciata martedì dal Segretario di Stato Michael Pompeo, è stato riferito che il Dipartimento di Stato americano sta imponendo sanzioni alla moglie del presidente siriano Asma Assad e ad alcuni dei suoi parenti stretti. Inoltre, sono state introdotte restrizioni contro il capo dell’intelligence militare siriana, il generale Kefah Mulham.

2. Francia

Il telecanale BFM ha riferito che tre gendarmi sono stati uccisi in una sparatoria da un uomo di 48 anni nel dipartimento francese del Puy-de-Dôme. Si segnala che un altro agente delle forze dell’ordine è rimasto ferito. Secondo il canale televisivo, i gendarmi sono arrivati ​​alla chiamata, avendo ricevuto un segnale di possibile violenza domestica. Quando hanno cercato di avvicinarsi alla casa, l’uomo di 48 anni ha aperto il fuoco. La donna, che le forze dell’ordine hanno cercato di aiutare, è riuscita a fuggire. Fonti del canale televisivo della gendarmeria hanno riferito che l’aggressore è riuscito a fuggire dalla scena del crimine. La polizia sta lavorando sulla scena. Si nota che l’aggressore ha dato fuoco alla sua casa, che è completamente bruciata. Successivamente, il ministro dell’Interno francese ha annunciato sulla sua pagina Twitter che il colpevole è stato trovato morto.

3. Turchia — Libia

A seguito di una votazione, il parlamento turco ha esteso il mandato alla presenza delle forze armate della repubblica in Libia. Secondo il decreto del presidente turco Tayyip Erdogan, i militari potranno prestare servizio in Libia per i prossimi 18 mesi. Il decreto rileva che «il cessate il fuoco in Libia non è pienamente rispettato». «È molto importante prevenire la ripresa delle ostilità e aderire alla lettera degli accordi sotto gli auspici dell’ONU. Altrimenti, ci sarà una minaccia agli interessi della Turchia», dice il decreto.

4.Somalia — USA

Il portale di notizie somale Goobjoog News ha riferito che gli Stati Uniti hanno avviato un’operazione per ritirare le truppe americane dalla Somalia. Si segnala che le prime unità delle Forze armate statunitensi sono arrivate a bordo della nave da sbarco Makin Island della Marina di USA situata al largo delle coste della Somalia. Si segnala che il trasferimento del personale militare dalla terraferma avviene con il supporto delle unità marittime in arrivo sulle navi. Il numero del contingente statunitense in Somalia da evacuare è di circa 700 soldati. Il Somali Guardian riferisce che la maggior parte delle forze ritirate dalla Somalia saranno schierate alla base di spedizione navale di Camp Lemonnier a Gibuti, la più grande base americana in Africa. Inoltre, parte delle forze armate statunitensi verrà consegnata in Kenya, dove esistono anche strutture statunitensi.

5. Armenia – Federazione Russa

Il leader del partito Armenia Illuminata e il capo dell’omonima fazione parlamentare Edmon Marukyan ha dichiarato sulla sua pagina Facebook che l’Armenia dovrebbe firmare un nuovo accordo di sicurezza con la Federazione Russa, inclusa una clausola sulla creazione di una seconda base militare. La nuova base sarà schierata nella regione di Syunik al confine con l’Azerbaigian, nel sud del paese. «La sicurezza della regione di Syunik dovrebbe occupare un posto speciale nel nuovo accordo. A questo proposito, riteniamo fondamentale avviare negoziati urgenti sul dispiegamento di una nuova base militare russa nella regione di Syunik. La base militare, da un lato, sosterrà le attività efficaci e dinamiche delle forze di mantenimento della pace russe in Karabakh», dall’altra, il garante della pace e della sicurezza a lungo termine nella regione», ha scritto Marukyan. Ha osservato che «l’esperienza della 102a base militare russa a Gyumri è una garanzia dell’efficacia di questo meccanismo di sicurezza. Per decenni, questa base ha assicurato l’inviolabilità del confine armeno-turco». Secondo il politico, «un tale documento può essere una dimostrazione dell’amicizia secolare dei nostri popoli, la protezione dei valori comuni, la lotta alle minacce esistenti (la diffusione del terrorismo, la retorica militante dei paesi della regione, l’espansione del potenziale militare dei paesi vicini, le formazioni politico-militari)».

6. Nagorno-Karabakh

Il ministro di Stato della non riconosciuta Repubblica del Nagorno-Karabakh Grigory Martirosyan ha dichiarato in un’intervista a RIA Novosti che il danno causato all’economia della repubblica durante l’ultimo conflitto armato tra Armenia e Azerbaigian è paragonabile al volume del PIL della repubblica per diversi anni. «Ciò riguarda principalmente ambiti come l’agricoltura, l’energia», ha detto Martirosyan. Ha osservato che dopo il recente conflitto militare nel Nagorno-Karabakh, la popolazione della repubblica non riconosciuta era «sull’orlo di una crisi umanitaria». Si noti che i danni causati dalle ostilità hanno interessato principalmente le strutture infrastrutturali e la proprietà privata dei cittadini.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.


главное за суткиитоги дняновости
Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Turquía acordó controlar el aeropuerto de Kabul || Спецвыпуск 29.08.2021 Александра Донцова 1.Buenos días, en el aire estoy yo, Svetlana Borónina, voy a presentarles noticas especiales de ANNA News. 2.El canal de televisión Al Jazeera informa que Turquía apoyó la propuesta de “Talibán” (el movimiento radical que […] Turkey agreed to control Kabul airport || Спецвыпуск 29.08.2021 Александра Донцова This is a special program from the ’ANNA NEWS’. I am Constantine Reztsov. Turkey agreed on the Taliban’s proposal to take control of the airport in the capital of Afghanistan — the ’Al Jazeera’ TV reported while citing […] Теракт в Кабуле || Итоги недели 28.08.2021 Влад Николаев В результате взрывов у международного аэропорта Кабула погибло уже по меньшей мере 170 человек, сообщили в Минздраве Афганистана. Большинство погибших — афганцы. Известно о гибели 13 американских военнослужащих и как минимум […] El acto terrorista en Kabul Александра Донцова El Ministerio de Salud afgano informó que como resultado de las explosiones que se habían producido en el aeropuerto internacional de Kabul, al menos a 170 personas habían muerto. La mayoría de los muertos son afganos. Se […] A terrorist attack in Kabul Александра Донцова The explosions at the Kabul international airport have already killed at least 170 people — the Afghan Ministry of Health reported. Most of the victims are Afghans. It was reported that 13 US servicemen and at least 28 […] Украинские войска понесли потери в Донбассе Александра Донцова Украинская армия продолжает обстреливать территорию Донецкой Народной Республики. Так, накануне вечером в результате обстрела со стороны украинской армии поселка Старомихайловка, расположенного на западе Донецка, получили […]
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: