Vertice della Siria

  
0

1.Russia-Turchia-Iran

In una dichiarazione congiunta dei presidenti di Russia, Turchia e Iran a seguito di un vertice tripartito tenuto in videoconferenza mercoledì, è stato riferito che le parti hanno notato un forte impegno per la sovranità, l’indipendenza, l’unità e l’integrità territoriale della Siria. Questi principi sono soggetti all’osservanza universale e nessuna azione, indipendentemente da chi adottano, non dovrebbe minarli. Putin, Rouhani ed Erdogan hanno condannato il sequestro illegale di giacimenti petroliferi e l’appropriazione delle entrate petrolifere, che dovrebbero appartenere alla Siria. Le parti hanno respinto tutti i tentativi di creare nuove realtà «sulla terra» in Siria con il pretesto di combattere il terrorismo e hanno anche sottolineato che gli attacchi militari israeliani in Siria violano la sovranità della RAS e portano ad un aumento delle tensioni nella regione.

2. USA — Iran

Il rappresentante speciale degli Stati Uniti per l’Iran Brian Hook in un’intervista con il canale 13 della televisione israeliana ha dichiarato che Washington sta valutando la possibilità di usare la forza militare se è necessario per impedire all’Iran di ricevere armi nucleari. Ha inoltre osservato che il ritiro degli Stati Uniti dal piano d’azione globale congiunto è stata la decisione giusta.

3. Iran.

A seguito dell’esplosione, avvenuta in una clinica medica nel nord di Teheran martedì sera, 19 persone sono state uccise e altre 24 ferite. «A seguito dell’incidente, 24 persone sono rimaste ferite, di cui nove sono state ricoverate in ospedale», ha citato ISNA Majtaba Khaledi, portavoce dell’Organizzazione di emergenza iraniana. Una possibile causa dell’incidente, le autorità iraniane hanno chiamato una perdita di gas e un incendio, che ha provocato un’esplosione di bombole di ossigeno.

4. India.

NDTV ha riferito che durante un attacco terroristico a una pattuglia di polizia nel territorio sindacale di Jammu e Kashmir nell’India settentrionale, un combattente della polizia paramilitare indiana e un civile sono stati uccisi, altri tre poliziotti sono rimasti feriti. L’incidente è avvenuto nell’area della città di Sopor, nel distretto di Baramulla. I militanti hanno aperto il fuoco sugli agenti di pattuglia e sono fuggiti. Le forze dell’ordine hanno avviato un’operazione per pettinare il terreno e cercare militanti.

5. Cina.

Il servizio stampa delle forze dell’ordine di Hong Kong ha affermato che la polizia della città ha continuato a reprimere le proteste antigovernative. Sono detenuti più di 300 persone. «Tra loro ci sono cinque uomini e quattro donne sospettate di violare la nuova legge sulla sicurezza nazionale di Hong Kong», ha affermato la nota. Migliaia di manifestanti si sono radunati nelle aree di Causuei-bay e Wanchai, per protestare contro l’adozione da parte del Parlamento cinese della legge sulla sicurezza nazionale di Hong Kong. I manifestanti si sono sparpagliati e hanno dato fuoco ai detriti sulla strada, hanno cercato di bloccare il traffico. Il vandalismo è stato registrato. La polizia ha usato gas lacrimogeni, proiettili di gomma e cannoni ad acqua per disperdersi. Uno dei poliziotti è stato ferito con un oggetto tagliente.

6. Etiopia.

Reuters ha riferito che almeno 50 persone sono state uccise nello stato etiope di Oromia durante le rivolte scoppiate dopo l’omicidio del musicista e attivista politico Haakaalu Hundessa. È stato riferito che tra i morti ci sono sia manifestanti che personale di sicurezza. Le proteste sono iniziate la mattina del 30 giugno, accompagnate da scontri con la polizia. I manifestanti hanno bruciato pneumatici e hanno cantato slogan antigovernativi. È stato anche riferito che nella capitale etiope Addis Abeba, tre esplosioni hanno tuonato.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

главное за суткиитоги дняновости
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Новости на 16:00 22 сентября 2020 года Влад Николаев Глава дипломатии Евросоюза Жозеп Боррель сообщил в своем блоге во вторник о готовности ехать в Минск, чтобы способствовать прогрессу в урегулировании кризиса в Белоруссии. Однако президент Белоруссии Александр Лукашенко […] Новости на 12:00 22 сентября 2020 года Влад Николаев Министр иностранных дел РФ Сергей Лавров в видеообращении на мероприятии высокого уровня Генеральной Ассамблеи ООН по случаю 75-летия Всемирной организации от лица государств — членов ОДКБ заявил, что «необходимо […] Главное на утро 22 сентября 2020 года Влад Николаев Министр иностранных дел России Сергей Лавров в интервью телеканалу Al Arabiya заявил, что российские и сирийские военные не проводят в Идлибе операций, которые могут нанести ущерб мирным жителям и гражданской инфраструктуре. […] Exercices Caucase-2020 Александра Донцова 1.Russie Les manœuvres militaires Caucase-2020 ont débuté ce 21 septembre en Russie et se dérouleront jusqu’au 26 septembre dans la mer Noire et la mer Caspienne sous la direction du chef d’état-major général des […] Übung „Kaukasus-2020“ Александра Донцова 1. Russland Die strategische Kommandostabsübung „Kaukasus-2020“ hat heute in Russland begonnen. Dies ist die letzte Phase der geplanten Maßnahmen für die operative Ausbildung der Streitkräfte in diesem Jahr. Die Übung findet […] Esercizi «Caucaso-2020» Александра Донцова 1.Russia Il comando strategico Сaucaso-2020 e l’esercizio del personale sono iniziati oggi in Russia. Questa è la fase finale delle misure previste per la formazione operativa delle Forze Armate quest’anno. Le […]
Наверх Наверх