Violazioni della tregua in Siria

  
0

1. Siria

Il ministero della Difesa russo ha riferito che la Russia ha registrato tre violazioni del cessate il fuoco in Siria al giorno. «La parte russa dell’ufficio di rappresentanza della commissione congiunta russo-turca per esaminare le questioni relative alle violazioni della cessazione delle ostilità, ha registrato tre fatti relativi all’apertura del fuoco nella provincia di Idlib. La parte turca dell’ufficio di rappresentanza ha registrato un fatto dell’apertura del fuoco nella provincia di Latakia», afferma la nota.

2. Libia

I ministri degli Esteri di Italia, Germania e Francia, così come il ministro degli esteri dell’UE Josep Borrell hanno invitato tutte le parti in conflitto in Libia e gli attori internazionali che vi operano a fermare le operazioni militari e a partecipare in modo costruttivo ai negoziati sotto forma di un comitato militare congiunto («5 + 5»). «Questi sforzi dovrebbero incoraggiare tutte le parti a concordare in un formato 5 + 5 in base a un accordo di cessate il fuoco, compreso il ritiro di tutte le forze e mercenari stranieri, nonché tutte le attrezzature militari consegnate in violazione dell’embargo delle Nazioni Unite da tutte le parti della Libia», ha affermato la nota. «Tutte le parti devono dare un contributo costruttivo ai negoziati intra-libici sotto gli auspici delle Nazioni Unite al fine di spianare la strada a un accordo politico globale in conformità con i parametri concordati a Berlino», afferma la nota.

3. Libia

Il portale di notizie Afrigate News riporta che uomini armati hanno attaccato il complesso libico di petrolio e gas Melita, situato sulla costa del Mediterraneo. A seguito dell’attacco, la fornitura di gas attraverso il gasdotto verso l’Italia è stata interrotta. I dettagli dell’incidente non vengono forniti. Il canale televisivo Al Arabiya riferisce che l’attacco è stato commesso da gruppi che agiscono dalla parte del governo dell’Accordo Nazionale della Libia, il cui quartier generale è a Tripoli. Non ci sono stati commenti ufficiali da parte del PNS al riguardo.

4. USA

Il procuratore generale degli Stati Uniti William Barr ha dichiarato a Fox News in un’intervista che le autorità statunitensi intendono arrestare un numero di persone accusate di aver organizzato disordini durante le proteste negli Stati Uniti nelle ultime settimane. «Non posso fissare una linea temporale per queste indagini. Tuttavia, penso che siamo totalmente impegnati a frenare questi gruppi», ha detto. Lunedì prima, Barr ha annunciato che le autorità statunitensi stanno indagando su alcuni manifestanti nel paese legati al movimento antifascista statunitense. Ha precisato che queste persone sono state arrestate durante le proteste con l’accusa di un certo numero di crimini.

5. Giappone

Il primo ministro giapponese Shinzo Abe ha dichiarato che il Giappone intende prendere l’iniziativa di sviluppare una dichiarazione congiunta del gruppo dei sette sulla situazione relativa al disegno di legge sulla sicurezza nazionale a Hong Kong. «Il Giappone intende assumere la guida del G7, basandosi sulla necessità di pubblicare una singola dichiarazione basata sul principio di» un paese — due sistemi «, ha detto Abe. Lunedì scorso, il quotidiano Yomiuri, citando fonti del Ministero degli Esteri giapponese, ha affermato che le agenzie per gli affari esteri di G7 concorda sul testo di una possibile dichiarazione congiunta, che dovrebbe richiedere a Pechino di riconsiderare la decisione di preparare un disegno di legge sulla sicurezza nazionale a Hong Kong. Il portavoce del ministero degli Esteri Hua Chunying ha affermato che la Cina ha espresso seria preoccupazione per le dichiarazioni del primo ministro giapponese Shinzo Abe a Hong Kong. Pechino ricorda che nessun paese ha il diritto di interferire negli affari interni della Cina, ha detto Chunying.

6. Cina

L’ambasciatore cinese in Russia Zhang Hanhui in un briefing online ha affermato che la Cina ha sostenuto un’indagine indipendente sulle cause della pandemia di coronavirus sotto gli auspici dell’Organizzazione mondiale della sanità, ma si è opposta alla politicizzazione di questo problema. «Riteniamo che identificare la fonte sia un problema scientifico, non politico», ha sottolineato il diplomatico. La Cina è pronta a cooperare con altri paesi, compresi gli Stati Uniti, ha affermato l’ambasciatore, sottolineando che gli attacchi statunitensi alla Cina sono completamente politicizzati e irragionevoli. L’ambasciatore cinese in Russia ha anche criticato la decisione degli Stati Uniti di interrompere il finanziamento dell’OMS, affermando che gli Stati Uniti stanno «sputando nel pozzo comune» con le sue azioni in relazione all’Organizzazione mondiale della sanità.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

главное за суткиитоги дняновости
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Terroristische Provokationen in Idlib Александра Донцова Konteradmiral Alexander Grinkewitsch, stellvertretender Leiter des russischen Zentrums für die Versöhnung der Kriegsparteien in Syrien, gab bekannt, dass Kämpfer der in der Russischen Föderation verbotenen Terroristengruppe […] Provocazioni militanti a Idlib Александра Донцова Il contrammiraglio Alexander Grinkevich, vice capo del Centro russo per la riconciliazione delle parti in conflitto in Siria, ha annunciato che i militanti del gruppo terroristico Hayat Tahrir al-Sham, bandito nella […] Las provocaciones de los rebeldes en Idlib Александра Донцова Alexander Grinkevich, el subjefe del Centro de Reconciliación de las partes en conflicto en Siria ruso, informó que los rebeldes de “Hayat Tahrir al-Sham” (la organización terrorista que que está prohibida en la Federación de […] Terrorist provocations in Idlib Александра Донцова The deputy head of the Russian Center for the Reconciliation of the Warring Parties in Syria, Rear-Admiral Alexander Grinkevich, reported about a preparation of provocations, with the use of poisonous substances, in the south […] Итоги недели 26 сентября 2020 года Влад Николаев Заместитель руководителя российского Центра по примирению враждующих сторон в Сирии контр-адмирал Александр Гринкевич сообщил о подготовке боевиками запрещенной в РФ террористической группировки «Хайат Тахрир […] Crash d’avion dans le nord de l’Iran Александра Донцова 1.Etats-Unis S’exprimant lors du débat politique général de la 75e session de l’Assemblée générale des Nations Unies, le chef du gouvernement d’accord national libyen Fayez el-Sarraj a déclaré que les parties au […]
Наверх Наверх