150 missili saranno consegnati in Ucraina dagli Stati Uniti

  
0

1. USA-Ucraina

Il Dipartimento di Stato americano ha approvato la vendita in Ucraina di sistemi missilistici anticarro di Javelin e le loro munizioni per un totale di quasi $ 40 milioni, riferisce RIA Novosti citando una dichiarazione dell`Agenzia di Cooperazione di Difesa nel Pentagono. Il documento rileva che il sistema Javelin aiuterà Kiev a rafforzare il suo potenziale di difesa per preservare l’integrità territoriale del paese e contribuirà alla politica estera e alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti rafforzando la sicurezza dell’Ucraina. In precedenza, il Congresso degli Stati Uniti ha approvato la vendita di complessi di giavellotto in Ucraina. È stato riferito che 150 missili e due lanciarazzi verranno consegnati in Ucraina.

2. Siria

Le forze governative siriane, supportate dalle forze di difesa nazionali, hanno respinto gli attacchi dei militanti del gruppo terroristico dello Stato islamico (illecito nella Federazione Russa) a nord-est della città di Palmyra, secondo quanto riferito da TASS citando la pubblicazione Al Watan. Secondo la pubblicazione, bande di terroristi hanno attaccato le posizioni dell’esercito siriano lungo l’autostrada Es-Sukhna-Deir-ez-Zor, cercando di catturarli, ma i combattenti delle forze governative siriane hanno respinto il nemico, mentre soffriva di perdite di personale e attrezzature. Il supporto per le truppe governative è stato fornito dall’aeronautica militare siriana, che ha attaccato le basi posteriori dei terroristi nell’oasi di Shul nelle profondità del deserto siriano.

3. Russia

Interfax riferisce che il vice ambasciatore russo presso le Nazioni Unite Dmitry Polyansky ha sollevato la questione di rinviare la prossima sessione della prima commissione dell’Assemblea generale nel 2020 fuori dagli Stati Uniti, a Vienna o Ginevra. Ha sottolineato che la causa è una violazione sistematica da parte degli Stati Uniti dei suoi obblighi di host. Stiamo parlando della mancata emissione di visti per una parte della delegazione russa di partecipare all’Assemblea generale delle Nazioni Unite, che, secondo lui, rende impossibile condurre un dialogo sostanziale sulle questioni più importanti del disarmo e della sicurezza. In precedenza, Polyansky aveva annunciato una proposta da parte della Federazione Russa di fare una pausa procedurale nei lavori del Primo Comitato dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite e passare a consultazioni informali fino a quando gli Stati Uniti non rilasciano visti all’intera delegazione russa. Il primo comitato dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite si occupa delle questioni del disarmo e delle relative questioni di sicurezza internazionale che riguardano la comunità internazionale e cerca soluzioni ai problemi globali nel contesto del regime di sicurezza internazionale.

4. Danimarca

La Danimarca non ha più problemi politici riguardo alla posa del gasdotto Nord Stream 2 nella sua zona economica esclusiva, tuttavia, l’approvazione della costruzione è in ritardo a livello amministrativo, secondo il quotidiano Izvestia citando fonti. Gli esperti considerano le considerazioni ambientali e la sospensione della produzione nel più grande campo della Danimarca come ulteriore argomento a favore dell’approvazione di Nord Stream 2. Quest’ultimo fa pensare al paese di sostituire il suo gas con carburante norvegese o russo, osserva il giornale. Ricordiamo che la Danimarca rimane l’unico paese che non ha consentito la posa di un gasdotto nella sua zona economica esclusiva.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

«La guerre de visas» Александра Донцова 1.Syrie. La centrale hydroélectrique d’Al-Ba’ath, située dans le gouvernorat syrien de Raqqa, est en cours de restauration, a déclaré un officier du Centre russe pour la réconciliation des parties belligérantes en […] „Visakrieg“ Александра Донцова 1. Syrien In Nordsyrien, in der Provinz Raqqa, wird das strategisch wichtige Wasserkraftwerk Al- Baath restauriert. Dies wurde von einem Offizier des Zentrums für die Aussöhnung der Kriegsparteien der Russischen Föderation […] «La guerra dei visti» Александра Донцова 1. Siria Nel nord della Siria, nella provincia di Raqqa, viene ripristinata la centrale idroelettrica di importanza strategica di Al-Ba’ath. Lo ha affermato un ufficiale del Centro per la riconciliazione delle parti in […] Una “guerra de visados” Александра Донцова 1.Siria Vladimir Varnavsky, el oficial del Centro de reconciliación de las partes en conflicto de la Federación de Rusia, declaró que en el norte de Siria, en la provincia de Raqqa se estaba restableciendo una central […] »Visa war» Александра Донцова 1 Syria “The repair of the strategically important »Al-Ba’ath» hydroelectric power station, located in north of Syria, in the province of Raqqah, has begun” — Vladimir Barnavsky, an officer of the […] Fake dans un article de The New York Times Александра Донцова 1 Russie Lundi, le porte-parole de la Défense russe, général-major Igor Konachenkov a déclaré que l’information sur le bombardement d’un camp de réfugiés en Syrie par l’aviation russe en août 2019, publiée par The New York […] Fälschung im Artikel von The New York Times Александра Донцова 1. Russland Der Sprecher des russischen Verteidigungsministeriums, Generalmajor Igor Konaschenkow, sagte am Montag, dass die Informationen über die Bombardierung des syrischen Flüchtlingslagers durch die Luft- und […] Articolo falso sul New York Times Александра Донцова 1.Russia Il portavoce del generale di difesa russo Igor Konashenkov ha dichiarato lunedì che le informazioni sui bombardamenti del campo profughi siriano in Siria nell’agosto 2019, che sono state pubblicate sul New York […] Un engaño en el artículo de The New York Times Александра Донцова 1.Rusia El lunes Igor Konashenkov, el representante oficial del Ministerio de Defensa de la Federación de Rusia, General de División, declaró que la información sobre el bombardeo del campo de refugiados en Siria de la Fuerza […]
Наверх Наверх