73 persone sono morte in Pakistan

  
0

A seguito di un incendio in un treno passeggeri nella provincia pakistana del Punjab, 73 persone sono state uccise e dozzine sono rimaste ferite, secondo quanto riferito da Geo TV. Il treno seguì la rotta Karachi-Rawalpindi quando vi fu un’esplosione di una bombola di gas trasportata da uno dei passeggeri. Secondo il canale, l’incendio ha distrutto tre vagoni ferroviari, inclusi due vagoni di classe economica e un vagone di classe business. Secondo il ministro delle ferrovie Sheikh Rashid, la maggior parte delle persone sono morte quando hanno cercato di saltare da un treno in fiamme in movimento.

Dopo l’incontro del consiglio di sicurezza del Paese, il Presidente della Colombia invierà altri 2.5 mila soldati al Dipartimento di Cauca, dove precedentemente membri del gruppo ribelle hanno sparato alla pattuglia indiana e al governatore. Secondo il presidente, i gruppi responsabili del traffico di stupefacenti, così come i residenti locali che vogliono mantenere il business della droga, sono responsabili degli attacchi agli indiani. «Nei prossimi 40 giorni, la quarta brigata di forze di reazione rapida sarà dispiegata nel dipartimento (Cauca), che includerà altri 2.500 soldati per svolgere tre compiti: controllare il territorio, bloccare le rotte dei trafficanti di droga e liquidare le loro organizzazioni», ha dichiarato Ivan Duque a RIA Novosti.

Sull’isola di Okinawa, il castello dei monarchi Ryukyusha di Shuri, che è incluso nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO, è andato a fuoco. L’incendio ha distrutto completamente il castello. Sette edifici in legno del complesso del palazzo sono stati bruciati per una superficie totale di 4800 metri quadrati. La causa dell’incendio è ancora sconosciuta. Secondo Kyodo News, l’incendio si è spento dopo 11 ore, non ci sono ancora dati sulle vittime. Il governo giapponese ha già espresso la sua intenzione di ripristinare il castello. «Questo evento fa molto male. Il governo farà ogni sforzo per ripristinare il castello», ha citato Yoshihide Suga, segretario generale del governo giapponese.

Il presidente dell’Ucraina Vladimir Zelensky ha annunciato la data di inizio della separazione delle forze nell’area dell’insediamento di Petrovskoye nel Donbass, a condizione che il regime del silenzio venga mantenuto lì per una settimana. «Se tutto è al sicuro a Petrovsky per una settimana, sai che ci deve essere silenzio per sette giorni, quindi il 4 novembre dovremmo iniziare l’allevamento a Petrovsky», ha detto Zelensky a RIA Novosti. La dichiarazione è stata resa durante un briefing congiunto con il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg a Kiev.

Giovedì, il governo indiano è entrato formalmente in vigore sulla formazione dei territori sindacali di Jammu, Kashmir e Ladakh nel nord del paese. La decisione di abrogare l’articolo 370 della costituzione e di abolire lo stato di Jammu e Kashmir, nonché di creare due territori sindacali in questa regione di Jammu, Kashmir e Ladakh, è stata presa a Nuova Delhi il 5 agosto. «Oggi, Jammu, Kashmir e Ladakh stanno facendo un passo verso un nuovo futuro», ha affermato il Primo Ministro Narendra Modi. Le sue parole sono citate dal canale NDTV. Il Pakistan ha condannato fermamente questa decisione. In seguito, la situazione in questa regione contesa già travagliata è diventata ancora più aggravata.

La Corea del Nord ha lanciato un nuovo lancio di due missili in direzione del Mar del Giappone, ha affermato il ministero della Difesa sudcoreano. Più tardi, il Ministero della Difesa del Giappone ha confermato le informazioni sui nuovi test missilistici, aggiungendo che i missili balistici sono stati testati. Il ministero ha detto che i missili hanno volato 350-400 chilometri, l’altitudine di volo era di 100 chilometri. Secondo la guardia costiera giapponese, così come il ministero della difesa del paese, i missili RPDC non hanno raggiunto i territori del Giappone o la sua zona economica esclusiva nel Mar del Giappone. In connessione con i nuovi lanci, il Giappone ha inviato una protesta alla Corea del Nord. Il primo ministro giapponese Shinzo Abe ha dichiarato di «condannare fermamente» il lancio di missili nella Repubblica democratica popolare di Corea, e ha affidato al governo il compito di garantire la sicurezza.

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется


Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Читайте также:

Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: