Attacchi missilistici contro Israele da striscia di Gaza

  
0

A seguito dell’esplosione di un autobus turistico in Egitto, secondo dati aggiornati, due cittadini vietnamiti, una guida egiziana e un autista, sono stati uccisi, altre 12 persone sono rimaste ferite, riferisce il fatto quotidiano, citando una dichiarazione del Ministero degli affari interni dell’Egitto. Secondo il ministero, «alle 18:15 ora locale al momento di passare l’autobus in cui c’erano 14 turisti vietnamiti, un ordigno esplosivo improvvisato alla recinzione vicino alla strada ha fatto scoppiare via El Maryutia, non lontano dalle piramidi di Giza, nel sud della capitale».

Il Santo Sinodo della Chiesa ortodossa russa ha risposto alle azioni del Patriarcato di Costantinopoli in Ucraina con la decisione di formare exarcati patriarcali nell’Europa occidentale e nel sud-est asiatico, secondo quanto riportato da Interfax. «Il Sinodo ha deciso di formare l’Esarcato patriarcale nell’Europa occidentale con il suo centro a Parigi, compresi i seguenti paesi nell’ambito della responsabilità pastorale di questo esarcato: Andorra, Belgio, Gran Bretagna e Irlanda del Nord, Irlanda, Italia, Liechtenstein, Lussemburgo, Monaco, Paesi Bassi, Francia, Svizzera «, ha detto ai giornalisti venerdì a Mosca, il segretario stampa del patriarca Kirill, il sacerdote Alexander Volkov, dopo l’incontro. Secondo lui, quindi, la Chiesa Ortodossa Russa sta rispondendo alle azioni di Costantinopoli in Ucraina.

Il capo del servizio stampa del Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca, Garrett Marki, ha confutato le informazioni sulla riduzione del contingente militare americano in Afghanistan, riferisce TASS. Secondo lui, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump non ha preso una tale decisione e non ha dato l’ordine appropriato al Pentagono. «Il presidente non ha preso una decisione per ridurre la presenza militare degli Stati Uniti in Afghanistan e non ha dato istruzioni al Dipartimento della Difesa statunitense di iniziare a ritirare personale dall’Afghanistan», ha detto a Bloomberg. Ricordiamo, la scorsa settimana, il Wall Street Journal ha riferito che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha ordinato al Pentagono di preparare un piano per il ritiro di circa 7.000 soldati americani dall’Afghanistan, cioè circa la metà del contingente militare statunitense nel paese.

Dopo che gli Stati Uniti hanno annunciato il ritiro delle truppe dalla Siria ad Al-Tanf controllate dalla zona militare americana, i militanti stanno diventando più attivi — gli estremisti stanno cercando di sfondare i territori controllati dalle forze governative e in Giordania, riferisce il fatto quotidiano, citando una fonte militare diplomatica. Secondo lui, «nella zona di Al-Tanf, che è occupata illegalmente dagli americani, dove si trova il campo profughi longevo di Al-Rukban,» una situazione difficile è ora. «Dopo l’annuncio dell’imminente ritiro delle forze armate statunitensi, è stato messo in moto l’intero alveare fuggito dagli americani: quasi ogni giorno ci sono tentativi di sfondare i militanti da lì non solo verso il territorio controllato da Damasco in Siria, ma anche in Giordania», ha detto la fonte.

Le forze armate dell’Ucraina continuano ad aumentare il raggruppamento nel Donbass dopo l’abolizione della legge marziale. Sembra che Kiev abbia annullato formalmente la sua decisione sulla legge marziale, e abbia persino acconsentito a una formale «tregua di Capodanno», ma non ha intenzione di deviare dai piani sanguinari. Tale conclusione è fatta al comando del dipartimento militare del RPD sulla base di informazioni di intelligence. Come notato dal vice capo della Milizia popolare del RPD, Eduard Basurin, gli occupanti ucraini continuano a trascinare pesanti attrezzature, proiettili e manodopera nel Donbass. Circa quattro dozzine di carri armati e artiglieria furono trasferiti nel Donbass. L’intelligenza dell’esercito repubblicano riuscì a scoprire che i treni con le armi e le attrezzature della 93a brigata delle Forze armate dell’Ucraina arrivavano alle stazioni ferroviarie Krasnoarmeysk e Konstantinovka.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

главноеитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

L’intervention de l’armée américaine à Idlib Александра Донцова 1 Irak-Syrie Une colonne de 50 véhicules militaires de l’armée américaine est parti d’Irak pour la Syrie, en dépit des déclarations du conseiller du président des Etats-Unis à la sécurité nationale Robert O’Brien que les […] Intervention der US-Armee in Idlib Александра Донцова 1. Irak – Syrien Ein Konvoi von US-Militärausrüstung, bestehend aus 50 Einheiten, fuhr vom Irak nach Syrien, obwohl der stellvertretende US-Präsident für nationale Sicherheit, Robert O’Brien, erklärte, die Vereinigten […] Intervento dell’esercito americano a Idlib Александра Донцова 1. Iraq-Siria Un convoglio di equipaggiamento militare americano, composto da 50 unità di equipaggiamento militare, è andato dall’Iraq alla Siria nonostante le dichiarazioni del vicepresidente della sicurezza nazionale […] La injerencia del ejército americano en Idlib Александра Донцова 1. Iraq y Siria El canal de televisión Sky News Arabia informa que Robert O’Brien, el asistente del presidente americano sobre asuntos de seguridad nacional, declaró que America no tenía intenciones de intervenir en la […] An Intervention of the US Army in Idlib Александра Донцова 1 Iraq — Syria An American army convoy of 50 armored vehicles headed from Iraq to Syria, despite the statements of the Assistant to the US President on the National Security, Robert O’Brien, according to which […] Donbass está aplicando los acuerdos de Minsk Александра Донцова 1. La oficina de representación de la República Popular de Lugansk en el Centro Conjunto de Supervisión y Coordinación del régimen del cese del fuego informa que el 12 de febrero, las fuerzas de seguridad de Kiev dispararon […] Le Donbass respecte les accords de Minsk Александра Донцова 1. Le 12 février les forces de Kiev ont pilonné le village Donetskii en causant des dégâts à une ligne électrique, informe la représentance de la RPL au Centre conjoint de contrôle et de coordination du cessez-le-feu. « Huit […] Donbass hält sich an die Minsker Vereinbarungen Александра Донцова 1. Am 12. Februar feuerten Kiewer Sicherheitskräfte auf eine Siedlung städtischen Typs Donezkij, es wurde eine Stromleitung beschädigt. Dies wurde von Vertretern der Volksrepublik Lugansk im Gemeinsamen Zentrum für die […] Donbass aderisce agli accordi di Minsk Александра Донцова 1. Il 12 febbraio, le forze di sicurezza di Kiev hanno sparato su un insediamento di tipo urbano di Donetsk e una linea elettrica (linea elettrica) è stata danneggiata. Lo ha riferito nell’ufficio di rappresentanza […]
Наверх Наверх