Attacco missilistico su Israele

  
0

1.

Israele — Striscia di Gaza

Le forze di difesa israeliane hanno riferito su Twitter che altri sette razzi sono stati lanciati dalla Striscia di Gaza in Israele venerdì notte. Sei dei sette sono stati intercettati dal sistema di difesa aerea Iron Dome. In risposta all’attacco missilistico, le forze di difesa israeliane hanno lanciato «un attacco contro obiettivi militari di Hamas a Gaza, comprese le infrastrutture sotterranee», ha detto l’IDF in una dichiarazione. In precedenza, l’esercito israeliano ha attaccato le installazioni militari di Hamas nella Striscia di Gaza in risposta al lancio di palloncini con esplosivi in ​​Israele. E anche il servizio stampa dell’esercito ha riferito sull’intercettazione da parte dei militari israeliani di tre missili lanciati dai radicali palestinesi. L’aviazione israeliana ha risposto colpendo una struttura di Hamas nella Striscia di Gaza.

2.

Libia

Il canale televisivo Sky News Arabia ha riferito che il governo di accordo nazionale della Libia ha annunciato venerdì un cessate il fuoco e la sospensione di tutte le operazioni militari in Libia. La dichiarazione afferma che «un cessate il fuoco globale fermerà le interferenze militari straniere» negli affari interni della Libia e «metterà fine alla presenza di mercenari» nel Paese. Si noti che per l’attuazione del regime di cessate il fuoco, è necessario creare una zona smilitarizzata nelle città libiche strategicamente importanti di Sirte e Al-Jufra. Inoltre, il governo di accordo nazionale della Libia ha chiesto elezioni presidenziali e parlamentari nel paese il prossimo marzo.

3.

Repubblica del Mali

Il Journal du Mali ha riferito che il Comitato nazionale per la salvezza del popolo, creato dopo il colpo di stato militare in Mali, ha ridotto il coprifuoco imposto nel Paese il 19 agosto. Opererà dalle 00:00 alle 05:00. È stato anche riferito che i confini aerei e terrestri del paese verranno aperti il ​​21 agosto. Il portale di notizie Malivox ha riferito che i militari hanno e arrestato Kamiss Kamar, il capo dell’amministrazione del presidente estromesso Ibrahim Boubacar Keita. Si trova in uno dei siti protetti nella capitale del paese, Bamako.

4.

USA-Siria

In una diffusa dichiarazione del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, è stato riferito che Washington ha imposto sanzioni a sei cittadini siriani. Le sanzioni del ministero delle Finanze e del dipartimento di Stato riguardano i rappresentanti del capo dell’ufficio dello stato, la leadership del partito al governo del risveglio socialista arabo e il comando militare. La lista nera comprendeva i consiglieri del presidente siriano Yasser Hussein Ibrahim e Luna al-Shibl, che, secondo il ministero delle Finanze, è responsabile dei rapporti tra l’ufficio del capo dello Stato e i media. Secondo il ministero, le sanzioni sarebbero state imposte per «fare pressione» e «costringere il regime di Bashar al-Assad a fermare gli attacchi al popolo siriano».

5.

USA-Iran

Il Dipartimento di Stato americano ha dichiarato in una dichiarazione che giovedì il Segretario di Stato americano Michael Pompeo ha presentato al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite documenti sull’intenzione degli Stati Uniti di iniziare a ricostruire le sanzioni delle Nazioni Unite contro l’Iran. In una conferenza stampa presso la sede delle Nazioni Unite, Pompeo ha affermato che gli Stati Uniti sono pronti a prendere tutte le misure possibili contro altri paesi per garantire il rispetto delle sanzioni delle Nazioni Unite contro l’Iran. Il rappresentante permanente dell’Iran alle Nazioni Unite, Majid Takht-Ravanchi, ha detto che Teheran è fiducioso che la proposta degli Stati Uniti «sarà respinta, poiché contraddice la Carta delle Nazioni Unite e la risoluzione del Consiglio di sicurezza». «Questa non è altro che una persecuzione politica da parte degli Stati Uniti. Inoltre, non stiamo parlando solo del JCPOA, ma anche di altri accordi internazionali», ha sottolineato il rappresentante iraniano. Il comunicato dei ministri degli esteri di Francia, Germania e Regno Unito afferma che i paesi non supportano la decisione degli Stati Uniti di ripristinare le sanzioni contro l’Iran. Il primo vice rappresentante permanente della Russia presso le Nazioni Unite Dmitry Polyansky ha affermato che la Russia ha chiesto una riunione di emergenza del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite il 21 agosto a causa dell’appello degli Stati Uniti a restituire le sanzioni anti-iraniane. Gli Stati Uniti, a loro volta, si sono opposti alla convocazione di una riunione di emergenza del Consiglio di sicurezza dell’ONU.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Terroristische Provokationen in Idlib Александра Донцова Konteradmiral Alexander Grinkewitsch, stellvertretender Leiter des russischen Zentrums für die Versöhnung der Kriegsparteien in Syrien, gab bekannt, dass Kämpfer der in der Russischen Föderation verbotenen Terroristengruppe […] Provocazioni militanti a Idlib Александра Донцова Il contrammiraglio Alexander Grinkevich, vice capo del Centro russo per la riconciliazione delle parti in conflitto in Siria, ha annunciato che i militanti del gruppo terroristico Hayat Tahrir al-Sham, bandito nella […] Las provocaciones de los rebeldes en Idlib Александра Донцова Alexander Grinkevich, el subjefe del Centro de Reconciliación de las partes en conflicto en Siria ruso, informó que los rebeldes de “Hayat Tahrir al-Sham” (la organización terrorista que que está prohibida en la Federación de […] Terrorist provocations in Idlib Александра Донцова The deputy head of the Russian Center for the Reconciliation of the Warring Parties in Syria, Rear-Admiral Alexander Grinkevich, reported about a preparation of provocations, with the use of poisonous substances, in the south […] Crash d’avion dans le nord de l’Iran Александра Донцова 1.Etats-Unis S’exprimant lors du débat politique général de la 75e session de l’Assemblée générale des Nations Unies, le chef du gouvernement d’accord national libyen Fayez el-Sarraj a déclaré que les parties au […] Flugzeugabsturz im Nordiran Александра Донцова 1. Libyen Der Chef der libyschen Regierung der Nationalen Übereinkunft, Fayiz as-Sarradsch, sagte auf der allgemeinen politischen Debatte der 75. Sitzung der UN-Generalversammlung, dass die Konfliktparteien in Libyen ohne den […]
Наверх Наверх