Colloqui USA e talebani in Qatar

  
0

La RPDC ha nuovamente lanciato diversi missili, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Yonhap in riferimento al comando militare sudcoreano. Secondo i militari, la Corea del Nord ha lanciato due missili balistici a corto raggio nel Mar del Giappone, simili ai missili balistici testati dalla RPDC il 25 luglio. I missili sono stati lanciati alle 5:24 e alle 5:36 dal distretto sud-occidentale nordcoreano di Quil nella provincia meridionale di Hwanhe, entrambi volando per circa 450 km a un’altitudine di circa 37 km, hanno riferito i Chief of Staff della Corea del Sud. Ricordiamo, questa è la quarta serie di test missilistici condotti dalla RPDC in meno di due settimane.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha firmato un decreto che blocca la proprietà del governo venezuelano situato negli Stati Uniti, riferisce Interfax citando una dichiarazione del servizio stampa della Casa Bianca. «Tutti i beni e gli interessi di proprietà del governo venezuelano, situati negli Stati Uniti o successivamente caduti negli Stati Uniti o sotto il controllo di qualsiasi persona americana, sono bloccati e non possono essere trasferiti, pagati, esportati, sequestrati o altrimenti trattati», afferma il decreto. Il termine «governo venezuelano» indica uno stato e un governo del Venezuela, nonché qualsiasi unità politica, dipartimento o le loro strutture, tra cui la Banca centrale del Venezuela e la più grande compagnia petrolifera e di gas statale del Venezuela Petróleos de Venezuela. Il decreto è entrato in vigore il 5 agosto.

Londra si è unita alla coalizione guidata dagli Stati Uniti contro il Golfo Persico, ha affermato il segretario alla Difesa britannico Ben Wallace. Il ministero della Difesa britannico ha affermato che «la Royal Navy coopererà con la US Navy per garantire la sicurezza delle navi mercantili nello Stretto di Hormuz», riferisce RIA Novosti. Londra ha affermato che la situazione nel Golfo Persico testimonia la «crescente minaccia per il trasporto commerciale» e ha espresso la sua disponibilità a proteggerlo da «invasioni illegali» unendosi a «la nuova missione di monitoraggio della sicurezza marittima» nella regione. Inoltre, la parte britannica vuole formare una missione paneuropea per proteggere le navi commerciali. Ricordiamo che Francia e Germania si rifiutarono di inviare navi nel Golfo Persico su chiamata degli Stati Uniti.

Qualsiasi operazione turca nella Siria settentrionale è estremamente «inaccettabile», ha dichiarato Mark Esper, nuovo segretario alla Difesa degli Stati Uniti. Secondo lui, gli Stati Uniti sono pronti a prevenire qualsiasi invasione unilaterale turca della Siria. Tuttavia, Esper spera che Washington raggiunga un unico accordo con Ankara su questo tema, riferisce Reuters. Ricordiamo, in precedenza, il presidente turco Recep Erdogan aveva annunciato i piani di Ankara di lanciare una nuova operazione militare in un’area controllata dai curdi a est dell’Eufrate, nel nord della Siria. Quindi ha detto che sia la Russia che gli Stati Uniti sono stati informati dell’operazione pianificata, ma non hanno specificato quando sarebbe iniziata. Se l’operazione inizia, sarà la terza invasione turca della Siria dallo scoppio del conflitto armato nel paese.

L’incendio al deposito di artiglieria nel distretto di Achinsky nel territorio di Krasnoyarsk è stato completamente eliminato, secondo il Ministero della Difesa russo. Secondo l’agenzia, non ci sono centri di combustione aperti nel magazzino, inoltre, anche la detonazione delle munizioni si è fermata. Il dipartimento ha detto che gli aerei IL-76 di aviazione da trasporto militare e gli elicotteri dell’esercito Mi-8 hanno iniziato a rovesciare il magazzino.

I rappresentanti degli Stati Uniti e del movimento radicale talebano (illecito nella Federazione Russa) durante i negoziati in Qatar hanno risolto tutti i disaccordi sulla questione della riconciliazione in Afghanistan, il ritiro delle truppe americane da questo paese e il rifiuto dei talebani di contattare altri gruppi estremisti. Un portavoce talebano senza nome ha detto all’Associated Press. Il rappresentante speciale degli Stati Uniti, Zalmay Khalilzad, che ha partecipato ai negoziati, ha twittato che «sono state fatte diverse discussioni eccellenti a seguito di diversi giorni di discussioni in Qatar», riferisce Interfax. Secondo l’agenzia, il governo afghano non ha partecipato ai negoziati in Qatar, dal momento che i talebani si rifiutano di contattare direttamente «con le marionette statunitensi». Al momento, quasi la metà dell’Afghanistan rimane sotto il controllo del movimento e i suoi militanti effettuano attacchi terroristici quasi quotidianamente, nonostante i negoziati in corso.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

главное за суткиитоги дняновости
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Главное на вечер 13 августа 2020 года Влад Николаев В среду вечером в спальных районах Минска возобновились акции протеста. Отмечается что людей было значительно меньше, чем в предыдущие три дня. В некоторых районах города силовики применяли спецсредства против манифестантов, […] Новости на 16:00 13 августа 2020 года Влад Николаев Задержанных во время акций протеста в Белоруссии начали выпускать из изоляторов временного содержания. Об этом свидетельствуют списки, которые опубликовал правозащитный центр «Весна» в Telegram-канале. Сообщается, […] Новости на 12:00 13 августа 2020 года Влад Николаев В Минске рядом со станциями метро проходят акции солидарности с задержанными в ходе протестов против признания результатов президентских выборов в Белоруссии. Некоторые из участников держат в руках цветы, проезжающие мимо […] Главное на утро 13 августа 2020 года Влад Николаев В среду вечером в спальных районах Минска возобновились акции протеста. Отмечается, что людей было значительно меньше, чем в предыдущие три дня. В некоторых районах города силовики применяли спецсредства против манифестантов, […] Belarús. Las protestas siguen realizándose Александра Донцова 1.Belarús. En Belarús siguen realizándose las protestas. El martes por la noche el centro de Minsk fue bloqueado por la policía antidisturbios, las tropas internas y otras estructuras de poder. Las acciones de protesta contra […] Belarus — the protests are continuing Александра Донцова The protests continue in Belarus. On Tuesday evening, Minsk city center was blocked by swat teams and other security forces. The protest actions against the results of the presidential elections in Belarus have moved from the […]
Наверх Наверх