Colloqui USA e talebani in Qatar

  
0

La RPDC ha nuovamente lanciato diversi missili, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Yonhap in riferimento al comando militare sudcoreano. Secondo i militari, la Corea del Nord ha lanciato due missili balistici a corto raggio nel Mar del Giappone, simili ai missili balistici testati dalla RPDC il 25 luglio. I missili sono stati lanciati alle 5:24 e alle 5:36 dal distretto sud-occidentale nordcoreano di Quil nella provincia meridionale di Hwanhe, entrambi volando per circa 450 km a un’altitudine di circa 37 km, hanno riferito i Chief of Staff della Corea del Sud. Ricordiamo, questa è la quarta serie di test missilistici condotti dalla RPDC in meno di due settimane.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha firmato un decreto che blocca la proprietà del governo venezuelano situato negli Stati Uniti, riferisce Interfax citando una dichiarazione del servizio stampa della Casa Bianca. «Tutti i beni e gli interessi di proprietà del governo venezuelano, situati negli Stati Uniti o successivamente caduti negli Stati Uniti o sotto il controllo di qualsiasi persona americana, sono bloccati e non possono essere trasferiti, pagati, esportati, sequestrati o altrimenti trattati», afferma il decreto. Il termine «governo venezuelano» indica uno stato e un governo del Venezuela, nonché qualsiasi unità politica, dipartimento o le loro strutture, tra cui la Banca centrale del Venezuela e la più grande compagnia petrolifera e di gas statale del Venezuela Petróleos de Venezuela. Il decreto è entrato in vigore il 5 agosto.

Londra si è unita alla coalizione guidata dagli Stati Uniti contro il Golfo Persico, ha affermato il segretario alla Difesa britannico Ben Wallace. Il ministero della Difesa britannico ha affermato che «la Royal Navy coopererà con la US Navy per garantire la sicurezza delle navi mercantili nello Stretto di Hormuz», riferisce RIA Novosti. Londra ha affermato che la situazione nel Golfo Persico testimonia la «crescente minaccia per il trasporto commerciale» e ha espresso la sua disponibilità a proteggerlo da «invasioni illegali» unendosi a «la nuova missione di monitoraggio della sicurezza marittima» nella regione. Inoltre, la parte britannica vuole formare una missione paneuropea per proteggere le navi commerciali. Ricordiamo che Francia e Germania si rifiutarono di inviare navi nel Golfo Persico su chiamata degli Stati Uniti.

Qualsiasi operazione turca nella Siria settentrionale è estremamente «inaccettabile», ha dichiarato Mark Esper, nuovo segretario alla Difesa degli Stati Uniti. Secondo lui, gli Stati Uniti sono pronti a prevenire qualsiasi invasione unilaterale turca della Siria. Tuttavia, Esper spera che Washington raggiunga un unico accordo con Ankara su questo tema, riferisce Reuters. Ricordiamo, in precedenza, il presidente turco Recep Erdogan aveva annunciato i piani di Ankara di lanciare una nuova operazione militare in un’area controllata dai curdi a est dell’Eufrate, nel nord della Siria. Quindi ha detto che sia la Russia che gli Stati Uniti sono stati informati dell’operazione pianificata, ma non hanno specificato quando sarebbe iniziata. Se l’operazione inizia, sarà la terza invasione turca della Siria dallo scoppio del conflitto armato nel paese.

L’incendio al deposito di artiglieria nel distretto di Achinsky nel territorio di Krasnoyarsk è stato completamente eliminato, secondo il Ministero della Difesa russo. Secondo l’agenzia, non ci sono centri di combustione aperti nel magazzino, inoltre, anche la detonazione delle munizioni si è fermata. Il dipartimento ha detto che gli aerei IL-76 di aviazione da trasporto militare e gli elicotteri dell’esercito Mi-8 hanno iniziato a rovesciare il magazzino.

I rappresentanti degli Stati Uniti e del movimento radicale talebano (illecito nella Federazione Russa) durante i negoziati in Qatar hanno risolto tutti i disaccordi sulla questione della riconciliazione in Afghanistan, il ritiro delle truppe americane da questo paese e il rifiuto dei talebani di contattare altri gruppi estremisti. Un portavoce talebano senza nome ha detto all’Associated Press. Il rappresentante speciale degli Stati Uniti, Zalmay Khalilzad, che ha partecipato ai negoziati, ha twittato che «sono state fatte diverse discussioni eccellenti a seguito di diversi giorni di discussioni in Qatar», riferisce Interfax. Secondo l’agenzia, il governo afghano non ha partecipato ai negoziati in Qatar, dal momento che i talebani si rifiutano di contattare direttamente «con le marionette statunitensi». Al momento, quasi la metà dell’Afghanistan rimane sotto il controllo del movimento e i suoi militanti effettuano attacchi terroristici quasi quotidianamente, nonostante i negoziati in corso.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

главное за суткиитоги дняновости
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Damas va récuperer la souveraineté sur des territoires Александра Донцова 1 Kazakhstan La déclaration finale de la rencontre internationale sur la Syrie à Noursoultan dit que les pays-garants du processus d’Astana – la Russie, la Turquie et l’Iran – ont rejeté des initiatives visant la création […] Damaskus will die Souveränität über die Gebiete wiedererlangen Александра Донцова 1. Kasachstan In der Abschlusserklärung zum internationalen Syrien-Treffen in Nur Sultan hieß es, dass die Schutzmächte des Astana-Prozesses – Russland, die Türkei und der Iran – die Initiative zur Schaffung unter dem […] Damasco intende riconquistare la sovranità sui territori Александра Донцова 1.Kazakistan La dichiarazione finale sull’incontro internazionale sulla Siria a Nur Sultan afferma che i paesi garanti del processo di Astana Russia, Turchia e Iran hanno respinto l’iniziativa di creare un […] Damasco tiene intenciones de recuperar la soberanía sobre los territorios Александра Донцова 1.Kazajstán Después de la reunión internacional sobre Siria celebrada en Nur Sultan, los países garantes del proceso de Astaná, en particular, Rusia, Turquía e Irán rechazaron la iniciativa de crear un gobierno autónomo en […] Damascus intends to regain the sovereignty over the territories Александра Донцова 1 Kazakhstan The final statement on the international meeting on Syria in the city of Nur Sultan states the following: The guarantor countries of the Astana process — Russia, Turkey and Iran — rejected the […] Sommet dans le format Normandie Александра Донцова 1 Suisse Le comité exécutif de l’Agence mondiale antidopage a unanimement adopté la recommendation du comité de l’organisation de priver l’Agence russe antidopage du statut de conformité au Code mondiale antidopage. Notre […] Gipfel des Normandie-Quartetts Александра Донцова 1. Schweiz Das Exekutivkomitee der Welt-Anti-Doping-Agentur (WADA) nahm einstimmig die Empfehlung des Organisationskomitees an, der russischen Anti-Doping-Agentur (RUSADA) die Einhaltung des Welt-Anti-Doping-Kodex zu […] Vertice dei Quattro Normanni Александра Донцова 1.Svizzera Il Comitato esecutivo dell’Agenzia mondiale antidoping (WADA) ha adottato all’unanimità la raccomandazione del comitato dell’organizzazione di privare l’Agenzia russa antidoping (RUSADA) del […] La cumbre del “cuarteto de Normandia” Александра Донцова 1.Suiza El Comité Ejecutivo de la Agencia Mundial Antidopaje (WADA) aceptó por unanimidad la recomendación del comité de la organización en virtud de la cual la Agencia Antidopaje Rusa (RUSADA) no cumplía las normas del […]
Наверх Наверх