Comandante di battaglione ucciso nel Donbass

  
0

1.

Il 6 novembre, tre militari della RPD sono stati uccisi e uno di loro, Andrei Pankin, il comandante del battaglione, che stava cercando di salvare il suo soldato, ferito a seguito di colpi di mortaio delle forze armate ucraine. Il battaglione è stato ucciso da un cecchino ucraino, il che contraddice categoricamente «sia la logica dell’attuale cessate il fuoco incondizionato e indefinito e le norme umanitarie riconosciute a livello internazionale», ha detto il rappresentante plenipotenziario della RPD ai negoziati del gruppo di contatto trilaterale, il ministro degli Esteri della RPD Natalya Nikonorova.

2.

Dall’inizio del 2017 al settembre di quest’anno, 161 civili sono morti, 785 sono feriti nel Donbass su entrambi i lati della linea di contatto a seguito di bombardamenti e ferite associate da mine ed esplosive, il destino di altre 41 persone è oggetto di indagine. 100 bambini sono rimasti feriti. Lo ha annunciato il Vice Rappresentante Permanente della Russia presso l’OSCE Vladimir Zheglov in riferimento al rapporto della Missione speciale di monitoraggio OSCE sulle vittime del conflitto tra la popolazione civile nell’Ucraina orientale.

3.

Il camion “Ural” con le munizioni, appartenuto ai militanti delle forze armate ucraine, è esploso nel Donbass. Lo ha riferito l’8 novembre il servizio stampa del Dipartimento di Polizia Popolare della RPD. L’esercito repubblicano, basandosi sui dati dell’intelligence, ha chiarito che l’esplosione è avvenuta al momento dello scarico delle munizioni nelle postazioni ucraine nella zona occupata della RPD. L’informazione, in particolare, è stata riportata dall’ufficiale del dipartimento militare della repubblica, Oleg Nikitin. Nell’incidente, un soldato di Kiev è stato ucciso, altri due, con ferite di varia gravità, sono stati portati alla clinica di Krasnoarmeysk. La scena dell’incidente è stata Avdeevka occupata da Kiev.

4.

Nonostante la stazione di filtraggio di Donetsk fornisca acqua non solo al territorio della RPD, ma anche agli insediamenti del Donbass controllati da Kiev, le forze di sicurezza ucraine le infliggono incendi con una frequenza invidiabile. Il 6 novembre, le formazioni armate dell’Ucraina hanno aperto il fuoco nell’area di stazione di filtraggio di Donetsk. Il personale è stato costretto a nascondersi.

5.

Il piano d’azione proposto dalla delegazione ucraina in una riunione del gruppo di contatto trilaterale per risolvere il conflitto nel Donbass contraddice gli accordi di Minsk e prevede il graduale sequestro armato dei territori delle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk. Lo ha affermato il rappresentante plenipotenziario della RPD ai negoziati del Gruppo di contatto trilaterale, il ministro degli Esteri della RPD Natalya Nikonorova. All’inizio di novembre, Kiev ha presentato un nuovo programma per risolvere il conflitto nel Donbass, denominato «Piano di passi congiunti». Il documento ipotizza all’inizio del 2021 di porre fine completamente al conflitto e smilitarizzare i territori incontrollati del Donbass, inoltre l’Ucraina dovrebbe prendere il controllo del confine con la Russia prima delle elezioni locali. Secondo il plenipotenziario della Russia Gryzlov, «il progetto di piano presentato è un’altra imitazione del processo negoziale con l’unico obiettivo chiaramente espresso: la convocazione del prossimo vertice nel formato Normandia».

6.

All’inizio di novembre, il governo di Denis Shmygal ha registrato il progetto di legge «Emendamenti ad alcune leggi dell’Ucraina sulla razionalizzazione delle questioni relative ai prigionieri di guerra e agli internati in un periodo speciale». Il disegno di legge è stato pubblicato sul sito web della Verkhovna Rada dell’Ucraina. Il documento sviluppato propone il reinsediamento forzato dei cittadini russi, con il pretesto di una minaccia alla sicurezza nazionale dell’Ucraina. Cioè, per trattenere cittadini della Federazione Russa e inviarli in luoghi di insediamento forzato. In Ucraina, gli esperti valutano ambiguamente lo sviluppo del governo di Shmygal. Molti sono dell’opinione che il progetto sia un anello del processo globale di rifiuto del Donbass. Dopotutto, la prospettiva di trovarsi in un insediamento speciale difficilmente può spingere gli abitanti della regione mineraria almeno a un certo riavvicinamento con l’Ucraina.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется


Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Читайте также:

ANNA NEWS радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Включить радио ANNA-NEWS Выключить радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Радио
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: