Distruzione di pattuglia russa in Siria

  
0

Il Centro russo per la riconciliazione delle parti in guerra in Siria ha riferito che i terroristi hanno fatto esplodere una bomba fatta in casa sulla rotta di una pattuglia congiunta russo-turca sull’autostrada M4. L’esplosione è avvenuta nell’area dell’insediamento di Erich nella parte meridionale della zona di de-escalation di Idlib. Il centro ha chiarito che le forze armate russe hanno subito lievi ferite, non vi era alcuna minaccia alla loro vita. Tutte le vittime furono rapidamente portate fuori dalla scena. I russi feriti furono portati alla base aerea di Khmeimim. Anche i membri dell’equipaggio turco furono feriti. «Il comando del gruppo di forze russe nella Repubblica araba siriana, in collaborazione con l’esercito turco, così come le agenzie di sicurezza siriane, sta stabilendo il coinvolgimento dei militanti che operano nella zona di de-escalation di Idlib nell’attacco al convoglio», dice la nota.

L’agenzia statale siriana SANA ha riferito che giovedì sera i sistemi di difesa aerea della Repubblica araba siriana hanno respinto gli attacchi di droni nell’area di Salamiya nella provincia di Hama. «I suoni che sono stati ascoltati la sera sono il risultato del lavoro di difesa aerea nella città di Salamia mentre si respinge l’attacco dei droni», ha detto l’agenzia. Ora si sta scoprendo chi possedeva i droni e da dove venivano inviati.

Il ministero della Difesa dell’Armenia ha riferito che lunedì mattina le forze armate dell’Azerbaigian hanno ripreso a bombardare le posizioni armene al confine con lo Stato in direzione della regione di Tavush nella repubblica. «Le unità delle forze armate armene hanno dato una risposta adeguata», ha detto il servizio stampa del ministero della Difesa armeno su Facebook. Il ministero degli Esteri armeno ha riferito che il ministro degli Esteri Zohrab Mnatsakanyan è in costante contatto con i copresidenti del Gruppo Minsk dell’OSCE sull’insediamento del conflitto del Karabakh in relazione alla situazione di tensione al confine tra Armenia e Azerbaigian. Lunedì il Ministro degli Esteri armeno ha anche discusso la situazione al confine con l’Azerbaigian con il Segretario Generale dell’Organizzazione del Trattato sulla sicurezza collettiva Stanislav Zas. Il primo ministro armeno Nikol Pashinyan ha accusato la leadership politico-militare dell’Azerbaigian di destabilizzare la situazione nella regione, definendo provocatorie le azioni delle forze armate azere.

Il ministero della Difesa azero ha annunciato giovedì la ripresa dei combattimenti nella direzione di Tovuz al confine tra l’Azerbaigian e l’Armenia. «A partire dalla mattina del 16 luglio, unità delle forze armate armene hanno nuovamente tentato di attaccare le posizioni dell’esercito azero nella sezione del confine azero-armeno nella regione di Tovuz», ha dichiarato il ministero della Difesa azero. Il ministero della Difesa armeno ha confermato la ripresa dei combattimenti, affermando che le unità azere hanno tentato di commettere sabotaggi, dopo di che hanno iniziato a bombardare i villaggi di confine di Aygepar e Movses. “Le forze armate armene hanno impedito il tentativo di sabotaggio del nemico. Dopo i combattimenti, il nemico, dopo aver subito delle perdite, è stato respinto «, ha detto il segretario stampa del ministero della difesa della repubblica Shushan Stepanyan.

La portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha affermato che gli Stati Uniti stanno fornendo armi agli estremisti nelle aree della Siria occupate dalle forze americane, e sta anche addestrando i militanti. «Nelle aree della presenza americana, i terroristi non solo non sono finiti, ma, al contrario, sono incoraggiati ad ulteriori attività. Pertanto, ci sono informazioni secondo cui le forze che occupano la zona di sicurezza attorno ad Al-Tanf — stiamo parlando degli americani — stanno addestrando e fornendo armi ai militanti gruppi illegali. Questo è fatto per azioni di sabotaggio in altre parti della Siria. Secondo i media, l’altro giorno i soldati siriani hanno arrestato tre estremisti che hanno confermato di aver partecipato agli attacchi contro obiettivi russi e siriani su istruzioni di istruttori americani «, ha detto Zakharova.

Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Intervento turco» in Libia Александра Донцова 1. Libia Il canale televisivo Al Arabiya, citando fonti, ha riferito che l’esercito nazionale libico (LNA) del maresciallo di campo Khalifa Haftar ha inviato un messaggio a Washington domenica, in cui ha chiesto il […] “La intervención turca” en Libia Александра Донцова 1.Libia. El canal de televisión Al Arabiya informó que el Ejército Nacional de Libia encabezado por Khalifa Haftar, había alentado a Washington a que controlara los cruces y puertos fronterizos terrestres y marítimos, […] « L’intervention turque » en Libye Александра Донцова 1 Libye Selon la chaîne Al Arabiya citant des sources, dimanche l’armée nationale libyenne du maréchal Khalifa Haftar a appelé Washington au contrôle international sur les points de passage de la frontière terrestres et […] „Türkische Intervention“ in Libyen Александра Донцова 1. Libyen Der Fernsehsender Al Arabiya berichtete unter Berufung auf Quellen, dass die libysche Nationalarmee (LNA) von Feldmarschall Chalifa Haftar am Sonntag eine Nachricht nach Washington geschickt habe, in der er die […] Turkish intervention in Libya Александра Донцова 1 Libya The »Al Arabiya» TV reported while citing their sources that on Sunday, the Libyan National Army, headed by the Field Marshal Khalifa Haftar, sent a message to Washington. The LNA called for an international […] Главное на вечер 3 августа 2020 года Влад Николаев Телеканал Al Arabiya со ссылкой на источники сообщил, что Ливийская национальная армия (ЛНА) фельдмаршала Халифы Хафтара направила в воскресенье послание Вашингтону, в котором призвала к международному контролю над […]
Наверх Наверх