Esercizi «Caucaso-2020»

  
0

1.Russia

Il comando strategico Сaucaso-2020 e l’esercizio del personale sono iniziati oggi in Russia. Questa è la fase finale delle misure previste per la formazione operativa delle Forze Armate quest’anno. Le esercitazioni si terranno dal 21 al 26 settembre sul territorio del Distretto Militare Meridionale, nel Mar Nero e nel Mar Caspio, sotto la guida del Capo di Stato Maggiore delle Forze Armate Russe, Generale dell’Esercito Valery Gerasimov. Il Ministero della Difesa della Federazione Russa ha riferito che in totale circa 80mila persone sono coinvolte nelle esercitazioni compresi i dipendenti del Ministero delle situazioni di emergenza e della Guardia nazionale. È stato inoltre riferito che alle manovre prenderanno parte militari di Armenia, Bielorussia, Cina, Myanmar e Pakistan. Il numero del contingente straniero non supererà 1.000 persone. Rappresentanti di Azerbaigian, Indonesia, Iran, Kazakistan, Tagikistan e Sri Lanka parteciperanno in qualità di osservatori.

2.Siria

Il contrammiraglio Alexander Grinkevich, vice capo del Centro russo per la riconciliazione delle parti in conflitto in Siria, ha annunciato che i militanti del gruppo terroristico Hayat Tahrir al-Sham, illecito in Russia, stavano preparando una provocazione con l’uso di sostanze velenose nel sud della zona di de-escalation di Idlib. «Secondo le informazioni disponibili, gli attivisti dell’organizzazione per pseudo-diritti umani Caschi Bianchi sono direttamente coinvolti nella preparazione dei siti di provocazione chimica pianificati, anche [in preparazione] per le riprese video messe in scena», ha aggiunto Grinkevich, per insediamenti Erich e Besames «per accusare le forze governative della Siria nell’uso di armi chimiche contro i civili».

3. Siria

L’esercito russo e quello turco hanno condotto un’esercitazione congiunta di pattugliamento nella zona di riduzione dell’escalation di Idlib in Siria. Lo ha annunciato il vice capo del centro di coordinamento della zona di riduzione dell’escalation di Idlib, Yevgeny Polyakov. «Sono state risolte le questioni di coordinamento del personale militare coinvolto direttamente nel pattugliamento, la procedura per organizzare la comunicazione sulla rotta mediante segnali speciali», ha detto.

Durante l’addestramento, è stata elaborata l’interazione dei militari dei due paesi in caso di situazioni di emergenza, compreso un attacco a un convoglio di militanti. I militari hanno evacuato i «feriti» e hanno cacciato le attrezzature «danneggiate», e hanno anche elaborato l’ordine di azione delle unità di supporto.

4. USA

L’inviato speciale del presidente degli Stati Uniti per il controllo degli armamenti Marshall Billingsley ha dichiarato in un’intervista a Kommersant che gli Stati Uniti potrebbero proporre nuove condizioni per estendere il Trattato sulle misure per ridurre ulteriormente e limitare le armi strategiche offensive se la Russia non accetta la proposta prima delle elezioni presidenziali statunitensi. Billingsley ha sottolineato che gli Stati Uniti considerano la proposta fatta alla Russia «moderata in questa fase e molto ragionevole». «Suppongo che se la Russia non lo accetta, dopo che Trump sarà rieletto, il «biglietto d’ingresso «… aumenterà. Se entro quel momento non andremo avanti, avremo una serie di nuove condizioni sulle quali dovremo insistere», ha detto Billingsley. Ha anche sottolineato che se la Russia e gli Stati Uniti non firmano l’accordo proposto entro febbraio, gli Stati Uniti non intendono estendere il Trattato START, poiché non è vantaggioso per loro.

5. Russia

Il vice ministro degli esteri russo Sergei Ryabkov ha definito la dichiarazione del rappresentante speciale del presidente degli Stati Uniti per il controllo degli armamenti Marshall Billingsley secondo cui Washington avrebbe offerto a Mosca «nuove condizioni» per l’estensione del trattato sulle misure per ridurre ulteriormente e limitare le armi strategiche offensive «metodi dell’ultimatum che riducono le possibilità di firma qualsiasi disposizione». «Non è meno strano che Billingsley, nei suoi commenti, sembri che la Russia sia d’accordo con gli Stati Uniti sulla necessità di coinvolgere la Cina nei negoziati su quest’area. Questa è solo una deliberata distorsione della nostra posizione», ha detto Ryabkov. Ha sottolineato che la posizione della Russia è che l’adesione ad accordi o negoziati «appartiene alla sfera della scelta sovrana di qualsiasi paese, compresa la Cina». «Non abbiamo preso e non intendiamo fare alcun passo per «trascinare «la Cina a tali negoziati, come abbiamo ripetutamente detto ai nostri colleghi americani».

«Di conseguenza, le loro dichiarazioni sul nostro accordo con il loro approccio contraddicono assolutamente i fatti reali. Ma questo non è un esempio di come gli americani distorcano ciò che sta accadendo», ha sottolineato Ryabkov.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Главное на вечер 26 октября 2020 года Влад Николаев Пресс-секретарь Минобороны Армении Армении Шушан Степанян сообщила на своей странице в Facebook ,что в понедельник утром ВС Азербайджана, нарушив достигнутое соглашение о режиме прекращения огня, подвергли артиллерийскому […] Новости на 16:00 26 октября 2020 года Влад Николаев Минобороны Азербайджана сообщило об артиллерийском обстреле с армянской стороны территории Агджабединского района, который прилегает к Нагорному Карабаху. «Армянские вооруженные силы, нарушив новый режим гуманитарного […] Новости на 12:00 26 октября 2020 года Влад Николаев Пресс-секретарь Министерства обороны Армении Шушан Степанян сообщила в Facebook, что Армения неукоснительно соблюдает режим гуманитарного прекращения огня в Карабахе. «Заявления Азербайджана о том, что якобы армянская […] Главное на утро 26 октября 2020 года Влад Николаев Пресс-секретарь Минобороны Армении Шушан Степанян сообщила на своей странице в Facebook, что в понедельник утром ВС Азербайджана, нарушив достигнутое соглашение о режиме прекращения огня, подвергли артиллерийскому обстрелу […] Violation de la trêve dans le Donbass Александра Донцова 1. Pour la première fois depuis deux derniers mois et demi, les formations armées ukrainiennes ont violé de manière flagrante le cessez-le-feu dans le Donbass en tirant au mortier sur les positions de la milice populaire de […] Verletzung des Waffenstillstands in Donbass Александра Донцова 1. Zum ersten Mal in den letzten zweieinhalb Monaten verletzten die bewaffneten Formationen der Ukraine den Waffenstillstand. Am 9. Oktober 2020, um 06:40 Uhr, zeichnete die Vertretung der Volksrepublik Lugansk im Gemeinsamen […]
Наверх Наверх