Esplosione a Kabul presso l’ambasciata americana

  
0

1. Afghanistan

Una massiccia esplosione si è verificata mercoledì sera vicino all’ambasciata americana a Kabul in occasione dell’anniversario dell’attacco terroristico dell’11 settembre 2001 alle torri del World Trade Center negli Stati Uniti, secondo l’Associated Press. Come causa preliminare dell’esplosione, viene chiamato un razzo sconosciuto lanciato da sconosciuto. Le informazioni sulle vittime e sulla distruzione non sono state ancora riportate. Nessuno dei gruppi terroristici ha ancora dichiarato il proprio coinvolgimento nei bombardamenti.

2. USA

Il capo dello stato americano, Donald Trump, ha esteso il decreto sulle sanzioni per «interferenze straniere nelle elezioni», riferisce l’amministrazione statunitense. «Sebbene non vi siano prove che una potenza straniera abbia cambiato i risultati o il conteggio dei voti in qualsiasi elezione negli Stati Uniti, le potenze straniere hanno storicamente cercato di utilizzare il sistema politico libero e aperto dell’America», ha dichiarato la Casa Bianca in una dichiarazione al presidente. Secondo gli Stati Uniti, i tentativi di influenzare le elezioni possono essere fatti tramite «accesso illegale alle infrastrutture» o «diffusione segreta della propaganda e della disinformazione». Si noti che in relazione alla diffusione della tecnologia digitale, la portata e l’intensità della minaccia di intervento straniero sono aumentate. Ricordiamo che il decreto sulle sanzioni per interferenze nelle elezioni è stato firmato il 12 settembre 2018 con la possibilità di una successiva proroga annuale.

3. Ucraina

Kiev ha sospeso il processo di risoluzione degli accordi bilaterali con la Russia, che ha guadagnato slancio sotto l’ex presidente dell’Ucraina Petr Poroshenko, riferisce Kommersant citando una fonte del ministero degli Esteri russo. Secondo la pubblicazione, Kiev ha smesso di inviare a Mosca un avviso di risoluzione degli accordi con la Russia. In totale, il quadro giuridico bilaterale contiene circa 400 documenti e l’ultima volta le informazioni sul numero di accordi infranti sono comparse nell’autunno del 2018. A novembre, ora l’ex ministro degli esteri ucraino Pavel Klimkin ha dichiarato che l’Ucraina ha «ucciso» 48 accordi internazionali con la Russia e ha promesso di infrangerne altri 40. Una fonte delle agenzie governative russe che si occupano della questione ucraina ha affermato che, nel tempo dal discorso di Klimkin, gli accordi promessi non sono stati strappati.

4. Giappone

Un nuovo governo è stato formato in Giappone, secondo una dichiarazione del segretario generale del governo Yoshihide Suga. Nel nuovo governo, solo due politici sono rimasti al loro posto, più vicini al Primo Ministro di Shinzo Abe, questi sono il Segretario Generale Yoshihide Suga e il Ministro delle Finanze Taro Aso. Il ministro degli Esteri Taro Kono era a capo del Ministero della Difesa e al suo posto venne l’attuale Ministro della ripresa economica Toshimitsu Motegi. Mercoledì scorso, a causa dei turni del governo annunciati dal Primo Ministro Shinzo Abe, l’intero governo giapponese ha rassegnato le dimissioni. A causa di permutazioni, Abe tradizionalmente cerca di ruotare all’interno del Gabinetto e della leadership del Partito Democratico Liberale al potere al fine di mantenere l’equilibrio interno del partito. È stato riferito che l’imperatore giapponese Naruhito ha già approvato la composizione del nuovo governo.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

La explosión de la columna turca en Idlib Александра Донцова 1.Siria. Oleg Zhuravlev, el Jefe del Centro de Reconciliación de las partes en conflicto en Siria ruso, informó que los rebeldes de “Al-Islamad-Turquestani” (la agrupación que está prohibida en la Federación de Rusia) habían […] L’explosion d’un dispositif contre un convoi à Idlib. Александра Донцова 1.Syrie Le contre-amiral Oleg Zhuravlev, chef du Centre russe pour la réconciliation des parties belligérantes en Syrie, a déclaré que des radicaux du groupe Al-Islamad-Turkestani (interdit en Russie) ont effectué le 27 mai […] Die Explosion der türkischen Kolonne in Idlib Александра Донцова 1. Syrien Konteradmiral Oleg Shurawljow, Leiter des russischen Zentrums für die Versöhnung der Kriegsparteien in Syrien, sagte, dass die Explosion einer unkonventionellen Sprengvorrichtung in Idlib von Kämpfern der […] L’esplosione della colonna turca a Idlib Александра Донцова 1. Siria Il contrammiraglio Oleg Zhuravlev, capo del Centro russo per la riconciliazione dei partiti in guerra in Siria, ha affermato che i militanti del gruppo Al-Islamad-Turkestani (bandito nella Federazione Russa) hanno […] An attack on a Turkish convoy in Idlib Александра Донцова 1 Syria The head of the Russian Center for the Reconciliation of the warring parties in Syria, Rear Admiral Oleg Zhuravlev, announced that the terrorist group ‘Al-Islamad-Turkestani’ made an explosion with an […] Syrie. Une attaque contre les militaires américains Александра Донцова 1 Syrie L’agence syrienne d’Etat SANA citant des sources locales informe que les Etats-Unis ont envoyé le matériel militaire additionnel au nord-est du gouvernorat d’Hassaké. Le matériel sera utilisé pour renforcer les bases […] Syrien. Angriff auf US-Militär Александра Донцова 1. Syrien Die staatliche syrische Nachrichtenagentur SANA berichtete unter Berufung auf lokale Quellen, dass die Vereinigten Staaten zusätzliche militärische Ausrüstung in den Nordosten der Provinz Hasek geschickt hätten. […] Siria. Attacco a militari di USA Александра Донцова 1. Siria L’agenzia governativa siriana SANA, citando fonti locali, ha riferito che gli Stati Uniti hanno inviato ulteriori attrezzature militari nel nord-est della provincia di Hasek. Questa tecnica verrà utilizzata per […] Syria. An attack on the US forces Александра Донцова 1 Syria The Syrian state-run news agency ‘SANA’ reports, while citing the local sources, that the USA sent additional military equipment to the north-east of the province of Hasakah. The military equipment will be […]
Наверх Наверх