Gli Stati Uniti e Corea del Nord non raggiungono un accordo

  
0

Gli Stati Uniti hanno presentato al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite il suo progetto di risoluzione sul Venezuela, riferisce TASS. Il progetto di risoluzione proposto da Washington chiede «l’inizio di un processo politico che porti a elezioni libere ed eque», nonché «per prevenire l’ulteriore degrado della situazione umanitaria e per fornire aiuti al Venezuela». Inoltre, il progetto di risoluzione raccomanda che il Consiglio di sicurezza «sostenga il ripristino della democrazia e dello stato di diritto in Venezuela e inviti il ​​Segretario generale delle Nazioni Unite a utilizzare le sue forze per assicurare lo svolgimento di nuove elezioni presidenziali nel paese», che ha tenuto elezioni in Venezuela nel maggio 2018, è considerato illegittimo. La Russia ha anche presentato al Consiglio di sicurezza la propria versione di un progetto di risoluzione, che richiede una risoluzione pacifica della crisi attraverso il dialogo, compreso il meccanismo elaborato a Montevideo. Il documento esprime anche «preoccupazione per le minacce all’uso della forza contro l’integrità territoriale e l’indipendenza politica del Venezuela, Mosca propone al Consiglio di sicurezza di chiedere alle parti in conflitto in Venezuela di stabilirsi pacificamente in conformità con la costituzione del paese.

La cena congiunta di Donald Trump e Kim Jong-un, che si sarebbe tenuta dopo i colloqui, svoltisi giovedì ad Hanoi, è stata annullata all’ultimo momento, secondo Interfax, citando Bloomberg. Le tuple di entrambi i leader lasciarono l’albergo dove si tenne il summit. Si fa notare che la firma di una dichiarazione congiunta, che è stata annunciata il giorno prima, apparentemente, non ha luogo. Una portavoce della Casa Bianca, Sarah Sanders, ha affermato che durante il summit non è stato raggiunto un accordo, ma le parti sono in attesa del prossimo incontro in futuro. Più tardi, Donald Trump, commentando l’esito del summit con Kim Jong-un, ha affermato che tutte le sanzioni imposte prima da Washington contro la Corea del Nord rimangono, nonostante il fatto che la Corea del Nord volesse che fossero revocati. Ha osservato che Pyongyang era pronto a fare concessioni sulla questione della denuclearizzazione, ma Washington non è ancora pronta a soddisfare il desiderio della RPDC di revocare tutte le sanzioni contro di essa. Trump ha aggiunto che il vertice USA-Corea del Nord è stato produttivo, ma le parti hanno deciso di non firmare alcun accordo.

L’ambasciatore pakistano a Washington, Asad Khan, ha detto che Islamabad vorrebbe il coinvolgimento più attivo di Washington nella risoluzione del conflitto tra Pakistan e India. «Vogliamo, naturalmente, vedere un coinvolgimento più attivo degli Stati Uniti», citano le dichiarazioni diplomatiche TASS. Allo stesso tempo, il Segretario di Stato americano Mike Pompeo, in una conversazione telefonica con il Consigliere per la sicurezza nazionale indiana al Primo Ministro dell’India, ha detto che Washington ha sostenuto la decisione di New Delhi di colpire il campo di addestramento militante in Pakistan. Più tardi, il presidente degli Stati Uniti Trump ha promesso «buone notizie» sul conflitto tra India e Pakistan. Secondo lui, gli Stati Uniti sono diventati un mediatore tra le due parti in conflitto. Ricordiamo, martedì, Aviazione militare indiana ha attaccato il campo di addestramento dei militanti in Pakistan. Dopo di ciò, i militari pakistani abbatterono due aerei dell`A viazione militare indiana. Le parti hanno anche sparato a vicenda con armi e mortai.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Explosion an der syrisch-israelischen Grenze Александра Донцова Die libanesische Nachrichtenagentur NNA berichtete, dass in den Golanhöhen nahe der syrisch-israelischen Grenze eine gewaltige Explosion stattgefunden habe. „Die Bewohner einiger Siedlungen im Distrikt Marjayoun (Südlibanon) […] Esplosione al confine siro-israeliano Александра Донцова L’agenzia nazionale libanese NNA ha riferito che una potente esplosione è avvenuta sulle alture del Golan vicino al confine siro-israeliano. «I residenti di alcuni insediamenti nel distretto di Marjayoun (Libano […] La explosión en la frontera entre Siria e Israel Александра Донцова La agencia nacional libanesa NNA informó que se había producido una explosión en las Alturas del Golán, cerca de la frontera entre Siria e Israel. Los residentes de los lugares ponblados situados en el distrito de Marjayoun […] Explosion à la frontière israélo-syrienne Александра Донцова Une puissante explosion s’est produite sur le plateau du Golan, près de la frontière syro-israélienne, selon l’agence nationale libanaise NNA. «Les habitants de certaines colonies du district de Marjayoun (sud du […] An explosion on the Syrian-Israeli border Александра Донцова The Lebanese national news agency »NNA» reported that a strong explosion took place in the Golan Heights, near the Syrian-Israeli border. «Residents of some settlements in the Marjayoun district, in south of […] Proteste in Syrien gegen türkische Präsenz Александра Донцова 1. Syrien Syrische Medien berichteten, dass in mehreren Provinzen Syriens Proteste gegen die türkische Militärpräsenz im Land stattgefunden hätten. Einwohner der Provinz Idlib versammelten sich an den Beobachtungsposten der […]
Наверх Наверх