Gli Stati Uniti hanno accusato l’Iran di minacciare alla sicurezza dei paesi occidentali

  
0

1. Gli Stati

Uniti L`assistente del presidente degli Stati Uniti per la sicurezza nazionale, John Bolton ha dichiarato che l’Iran e l’organizzazione sciita libanese Hezbollah minacciano direttamente la sicurezza dei paesi dell’emisfero occidentale. Secondo Bolton, Iran e Hezbollah avrebbero assistito il leader venezuelano Nicolas Maduro in «repressioni, torture e omicidi di innocenti venezuelani», e anche «minacciano direttamente la sicurezza della regione», riferisce TASS. «Continueremo ad esporre i soci di Maduro e gli sforzi dell’Iran per svolgere le sue attività nell’emisfero occidentale», ha detto Bolton.

2. Israele-Palestina I

sraele ha iniziato i preparativi per la demolizione del villaggio palestinese di Sur Baher, situato nella periferia di Gerusalemme Est oltre la barriera di confine che separa il territorio di Israele dalla Giordania, riferisce Interfax, citando Xinhua. Secondo lui, i bulldozer e le macchine per le costruzioni, che hanno accompagnato il rafforzato equipaggiamento militare e di polizia, sono già stati consegnati alla barriera di confine. A giugno, la Corte suprema israeliana ha stabilito che i palestinesi hanno violato il divieto di costruire insediamenti e che dovrebbero essere demoliti. I palestinesi temono che la distruzione del villaggio costituirà un precedente per la demolizione di altri insediamenti palestinesi lungo la barriera, che si estende per 700 km attraverso la Cisgiordania occupata da Israele.

3. Giappone

Guidata dal primo ministro giapponese Shinzo Abe, la coalizione di governo ha vinto le elezioni nella camera alta dei consiglieri del parlamento giapponese, riferisce RIA Novosti. Come notato, la coalizione non potrebbe ottenere due terzi dei posti necessari per la revisione della Costituzione. In totale, la coalizione del Partito Liberale Democratico e il Partito Komeito hanno ricevuto 141 seggi, l’opposizione e altri partiti hanno guadagnato 104 seggi nella Camera dei Consiglieri.

4. Ucraina

La Commissione elettorale centrale dell’Ucraina non ha registrato gravi violazioni durante le elezioni anticipate della Verkhovna Rada, le elezioni sono state dichiarate valide. Lo ha affermato il capo della CEC Tatyana Slipachuk. «Oggi possiamo dire che non ci sono eventi del genere che metterebbero in discussione lo svolgimento di questa campagna parlamentare. Ha avuto luogo «, ha detto Slipachuk. Secondo la CEC, dopo aver elaborato il 30,9% dei protocolli, il leader del partito ucraino Vladimir Zelensky «Il servitore del popolo» è in testa, dopo aver raccolto il 50% dei bollettini elettronici dopo aver elaborato oltre il 42% dei voti, ci sono cinque partiti al Rada.

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется


Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Читайте также:

ANNA NEWS радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Включить радио ANNA-NEWS Выключить радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Радио
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: