Gli Stati Uniti hanno inviato navi da guerra in Siria || Riassunto delle notizie, il 12 gennaio 2019

  
0

I sistemi di difesa aerea siriani hanno aperto il fuoco contro obiettivi aerei, distruggendo diversi missili lanciati dall’aviazione israeliana sulle regioni occidentali di Damasco, secondo quanto riportato dal canale televisivo siriano Surya TV. Secondo il canale televisivo, i cannonieri antiaerei siriani sono riusciti a colpire otto missili nel sobborgo di Mezze, dove si trova l’aeroporto militare, oltre che nel villaggio di Dzhdeyda sull’autostrada Damasco-Beirut, riferisce TASS. Secondo il rappresentante del comando militare siriano, gli attacchi israeliani provenivano dalla regione della Galilea del nord al confine con il Libano, con solo uno dei missili che ha colpito il magazzino nell’area dell’aeroporto di Damasco. Secondo l’agenzia Al Wataniya, durante gli attacchi missilistici contro la Siria, i combattenti dell’aeronautica israeliana hanno invaso lo spazio aereo libanese, imitando le incursioni nelle regioni meridionali del paese e compiendo voli provocatori a bassa quota sulla città costiera di Zahrani.

Il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas chiede all’Europa di non sperare più che gli Stati Uniti la coinvolgeranno nel processo decisionale o addirittura si consulteranno con lei. «In ogni caso, non dovremmo più sperare che saremo attratti dal processo decisionale, che si consulteranno con noi», ha detto il ministro degli Esteri tedesco in un’intervista con la rivista Der Spiegel, parlando del ritiro delle truppe americane dalla Siria, riferisce TASS. «Non siamo stati informati in anticipo di un improvviso cambiamento di rotta», ha lamentato il politico tedesco, esprimendo l’opinione che la situazione intorno all’insediamento in Siria era «effettivamente buona» e «l’ONU era pronta a lanciare il processo politico in Siria», erano in corso trattative per comitato costituzionale. Secondo il ministro degli Esteri tedesco, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump «non poteva scegliere un momento più sfortunato» per il ritiro delle truppe americane dalla Siria. Maas ha anche espresso il parere che per l’attuale presidente degli Stati Uniti, «l’America non è più il leader delle democrazie liberali», «è piuttosto a favore dei passi unilaterali nazionali».

I parlamentari macedoni venerdì hanno approvato l’emendamento della Costituzione, che prevede una modifica del nome del paese dalla Repubblica di Macedonia alla Repubblica del Nord Macedonia, secondo Interfax, citando i media locali. La situazione intorno al nome di questa ex Repubblica jugoslava ha impedito il riavvicinamento della Macedonia con l’UE e la NATO, dal momento che la Grecia, una delle regioni che è anche chiamata Macedonia, si è opposta al nome della Repubblica di Macedonia. Ricordiamo, il 30 settembre in Macedonia, si è tenuto un referendum sull’approvazione dell’accordo. Ma a causa di una bassa affluenza di circa il 37%, con la soglia richiesta del 50%, il CEC ha riconosciuto il referendum come non tenuto, ma in seguito la questione di rinominare il paese e di modificare la costituzione è stata presentata ai parlamentari.

Una potente esplosione è avvenuta in uno degli edifici di Parigi. Questo è stato segnalato alla polizia della città. Secondo il canale televisivo BFMTV, l’incidente si è verificato in una panetteria in via Trevis, la causa è stata una fuga di gas. Secondo testimoni oculari, diverse persone sono rimaste ferite. Il numero esatto di vittime non è ancora noto. Dopo l’esplosione, un incendio è iniziato nell’edificio. Ambulanza e pompieri arrivarono sulla scena.

Gli Stati Uniti hanno inviato forze di terra e un gruppo di navi militari verso la Siria per aiutare a ritirare le truppe dal paese, ha riferito il Wall Street Journal citando fonti. Secondo uno dei funzionari del Pentagono, la nave d’assalto anfibio Kirsaj, che trasportava centinaia di marines, elicotteri e altri velivoli, viene inviata sulle rive della Siria per completare il compito. Dovranno sostenere le parti delle forze armate statunitensi, lasciando il territorio della Siria, riferisce il TASS. In precedenza, la CNN, citando una fonte dell’amministrazione statunitense, disse che gli Stati Uniti iniziarono ad esportare dalla Siria attrezzature militari a terra.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

La explosión de la columna turca en Idlib Александра Донцова 1.Siria. Oleg Zhuravlev, el Jefe del Centro de Reconciliación de las partes en conflicto en Siria ruso, informó que los rebeldes de “Al-Islamad-Turquestani” (la agrupación que está prohibida en la Federación de Rusia) habían […] L’explosion d’un dispositif contre un convoi à Idlib. Александра Донцова 1.Syrie Le contre-amiral Oleg Zhuravlev, chef du Centre russe pour la réconciliation des parties belligérantes en Syrie, a déclaré que des radicaux du groupe Al-Islamad-Turkestani (interdit en Russie) ont effectué le 27 mai […] Die Explosion der türkischen Kolonne in Idlib Александра Донцова 1. Syrien Konteradmiral Oleg Shurawljow, Leiter des russischen Zentrums für die Versöhnung der Kriegsparteien in Syrien, sagte, dass die Explosion einer unkonventionellen Sprengvorrichtung in Idlib von Kämpfern der […] L’esplosione della colonna turca a Idlib Александра Донцова 1. Siria Il contrammiraglio Oleg Zhuravlev, capo del Centro russo per la riconciliazione dei partiti in guerra in Siria, ha affermato che i militanti del gruppo Al-Islamad-Turkestani (bandito nella Federazione Russa) hanno […] An attack on a Turkish convoy in Idlib Александра Донцова 1 Syria The head of the Russian Center for the Reconciliation of the warring parties in Syria, Rear Admiral Oleg Zhuravlev, announced that the terrorist group ‘Al-Islamad-Turkestani’ made an explosion with an […] Syrie. Une attaque contre les militaires américains Александра Донцова 1 Syrie L’agence syrienne d’Etat SANA citant des sources locales informe que les Etats-Unis ont envoyé le matériel militaire additionnel au nord-est du gouvernorat d’Hassaké. Le matériel sera utilisé pour renforcer les bases […] Syrien. Angriff auf US-Militär Александра Донцова 1. Syrien Die staatliche syrische Nachrichtenagentur SANA berichtete unter Berufung auf lokale Quellen, dass die Vereinigten Staaten zusätzliche militärische Ausrüstung in den Nordosten der Provinz Hasek geschickt hätten. […] Siria. Attacco a militari di USA Александра Донцова 1. Siria L’agenzia governativa siriana SANA, citando fonti locali, ha riferito che gli Stati Uniti hanno inviato ulteriori attrezzature militari nel nord-est della provincia di Hasek. Questa tecnica verrà utilizzata per […] Syria. An attack on the US forces Александра Донцова 1 Syria The Syrian state-run news agency ‘SANA’ reports, while citing the local sources, that the USA sent additional military equipment to the north-east of the province of Hasakah. The military equipment will be […]
Наверх Наверх