I colloqui tripartiti sulla Siria sono finiti

  
0

Presso l’arsenale vicino al villaggio di Arys, in Kazakhstan, continuano le esplosioni, gli incendi sono sospesi, ha detto il capo del Ministero degli affari interni del paese, Yerlan Turgumbayev. Il numero delle vittime è salito a due persone, un civile e un soldato sono stati uccisi, ha detto il capo del governo Askar Mamin. 89 persone sono state ricoverate in ospedale, 15 sono in terapia intensiva, riferisce RIA Novosti. Ricordiamo che nella città di Arys si è verificata una serie di esplosioni, mentre testimoni oculari hanno affermato che alcuni proiettili sono caduti anche a 20 chilometri dalla città in cui vivono 45 mila persone.

Il capo dello stato americano, Donald Trump, ha messo in discussione la fattibilità di preservare il trattato di mutua cooperazione tra Stati Uniti e Giappone, riferisce TASS, citando Bloomberg. Secondo fonti di agenzia, Trump notò che gli Stati Uniti sotto il trattato si erano impegnati a proteggere il Giappone, e il Giappone, a sua volta, non era obbligato a difendere la difesa degli Stati Uniti. Inoltre, al presidente degli Stati Uniti non piace il trasferimento della base militare statunitense ad Okinawa, che Trump considera il sequestro di terra. Bloomberg crede che il ritiro del trattato dagli Stati Uniti costituirebbe una minaccia per l’architettura della sicurezza nella regione Asia-Pacifico. Tokyo dovrà cercare nuovi modi per garantire la sua sicurezza, che potrebbe provocare una corsa agli armamenti. Ricordiamo che nel febbraio di quest’anno, il primo ministro giapponese Shinzo Abe ha definito gli americani «il peso di Okinawa». Secondo l’agenzia Kyodo, i militari statunitensi hanno commesso più di 5,5 mila crimini sulle isole di questa prefettura.

Il ministero degli Esteri iraniano ha affermato che le nuove sanzioni degli Stati Uniti imposte al capo supremo della repubblica Ayatollah Ali Khamenei e al ministro degli esteri iraniano Javad Zarif sono inutili e «chiudono per sempre la strada alla diplomazia», ​​ha scritto il ministro degli esteri iraniano Abbas Musavi nel suo account Twitter. Secondo lui, «il governo disperato di Trump sta distruggendo tutti i meccanismi internazionali progettati per mantenere la pace e la stabilità sul pianeta». In precedenza, Trump ha dichiarato di aver firmato un decreto che impone sanzioni all’Ayatollah Ali Khamenei, e il segretario al Tesoro Usa Stephen Mnuchin ha detto che anche il ministro degli Esteri iraniano Javad Zarif verrà aggiunto all’elenco delle sanzioni più tardi questa settimana.

I colloqui trilaterali sulla Siria con la partecipazione del Segretario del Consiglio di Sicurezza della Federazione Russa Nikolai Patrushev, Assistente del Presidente degli Stati Uniti per la Sicurezza Nazionale John Bolton e Capo del Consiglio di Sicurezza Nazionale di Israele Meir Ben-Shabbat si sono conclusi a Gerusalemme, riferisce RIA Novosti. La conversazione di rappresentanti di alto livello dei tre paesi è durata quasi due ore e mezza. In precedenza, Patrushev ha approfondito i temi principali dei prossimi colloqui: la distruzione dei rimanenti terroristi in Siria, l’avvio del processo di risoluzione politica interna e la ricostruzione socioeconomica del paese, nonché progetti di assistenza umanitaria.

I candidati alla carica del primo ministro britannico Jeremy Hunt hanno promesso che, nel caso in cui venissero in questa posizione per aumentare la spesa annuale per la difesa entro il 2024 da un quarto a 54 miliardi di sterline, riferisce TASS. Così, Hunt, che occupa l’incarico di ministro degli Esteri nell’attuale gabinetto, aumenterà la spesa per la difesa al 2,5% del PIL, che, secondo il ministro, «mostrerebbe al mondo intero un paese fiducioso pronto a difendere i suoi interessi e valori» dopo dall’UE. Secondo Hunt, ulteriori fondi saranno in parte volti a rafforzare la presenza della Gran Bretagna nel Nord Atlantico, dove, sostiene, l’attività dei sottomarini russi è aumentata. Il denaro è anche necessario per aumentare la presenza della Royal Navy nel Pacifico e per contrastare le minacce informatiche.

Il viceministro degli esteri russo Sergei Ryabkov ha dichiarato che un gruppo di specialisti russi è arrivato in Venezuela per continuare a lavorare sulla manutenzione delle attrezzature militari. «Questa è una continuazione del lavoro di manutenzione su attrezzature precedentemente spedite in Venezuela con contratti di cooperazione tecnico-militare», ha risposto Ryabkov alla domanda sull’arrivo di un aereo militare russo in Venezuela, riferisce il fatto quotidiano. «Da tutti i punti di vista, questa cooperazione è trasparente e trasparente, non ha alcun elemento di destabilizzazione della situazione regionale o di qualsiasi situazione», ha aggiunto, aggiungendo che «i tentativi di riscaldare speculativamente questo argomento sono ingiusti».

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Итоги недели 28 ноября 2020 года Влад Николаев Пресс-служба министерства обороны Азербайджана сообщила, что подразделения Вооруженных сил Азербайджана в среду начали входить в Кельбаджарский район. «Согласно трехстороннему заявлению, подписанному президентами […] Главное на вечер 27 ноября 2020 года Влад Николаев Телеканал Al Masirah сообщил, что возглавляемая Саудовской Аравией коалиция нанесла массированные удары по военным объектам сторонников мятежного движения «Ансар Аллах» (хуситы) в Йемене. Сообщается, что интенсивным […] СМИ Украины уверены: Российская гиперзвуковая ракета «Циркон» не достигла цели Мария Коледа   На Украине завели новую заботу – гадают, куда попала на стрельбах гиперзвуковая ракета «Циркон» российской армии. В частности, об этом сообщило местное издание Defense Express. Украинские журналисты заверяли читателей, […] Новости на 16:00 27 ноября 2020 года Влад Николаев Телеканал Al Masirah сообщил, что возглавляемая Саудовской Аравией коалиция нанесла массированные удары по военным объектам сторонников мятежного движения «Ансар Аллах» (хуситы) в Йемене. Сообщается, что интенсивным […] Новости на 12:00 27 ноября 2020 года Влад Николаев Япония считает неприемлемыми слова министра иностранных дел Китая Ван И о том, что Япония маскирует свои корабли под рыболовецкие суда в районе островов Сенкаку. Об этом заявил во время выступления в парламенте министр […] Главное на утро 27 ноября 2020 года Влад Николаев МИД Франции заявил, что Париж не признает самопровозглашенную Нагорно-Карабахскую республику. В ведомстве подчеркнули, что обязанность Франции «в качестве сопредседателя Минской группы ОБСЕ заключается в том, чтобы […]
Наверх Наверх