I colloqui tripartiti sulla Siria sono finiti

  
0

Presso l’arsenale vicino al villaggio di Arys, in Kazakhstan, continuano le esplosioni, gli incendi sono sospesi, ha detto il capo del Ministero degli affari interni del paese, Yerlan Turgumbayev. Il numero delle vittime è salito a due persone, un civile e un soldato sono stati uccisi, ha detto il capo del governo Askar Mamin. 89 persone sono state ricoverate in ospedale, 15 sono in terapia intensiva, riferisce RIA Novosti. Ricordiamo che nella città di Arys si è verificata una serie di esplosioni, mentre testimoni oculari hanno affermato che alcuni proiettili sono caduti anche a 20 chilometri dalla città in cui vivono 45 mila persone.

Il capo dello stato americano, Donald Trump, ha messo in discussione la fattibilità di preservare il trattato di mutua cooperazione tra Stati Uniti e Giappone, riferisce TASS, citando Bloomberg. Secondo fonti di agenzia, Trump notò che gli Stati Uniti sotto il trattato si erano impegnati a proteggere il Giappone, e il Giappone, a sua volta, non era obbligato a difendere la difesa degli Stati Uniti. Inoltre, al presidente degli Stati Uniti non piace il trasferimento della base militare statunitense ad Okinawa, che Trump considera il sequestro di terra. Bloomberg crede che il ritiro del trattato dagli Stati Uniti costituirebbe una minaccia per l’architettura della sicurezza nella regione Asia-Pacifico. Tokyo dovrà cercare nuovi modi per garantire la sua sicurezza, che potrebbe provocare una corsa agli armamenti. Ricordiamo che nel febbraio di quest’anno, il primo ministro giapponese Shinzo Abe ha definito gli americani «il peso di Okinawa». Secondo l’agenzia Kyodo, i militari statunitensi hanno commesso più di 5,5 mila crimini sulle isole di questa prefettura.

Il ministero degli Esteri iraniano ha affermato che le nuove sanzioni degli Stati Uniti imposte al capo supremo della repubblica Ayatollah Ali Khamenei e al ministro degli esteri iraniano Javad Zarif sono inutili e «chiudono per sempre la strada alla diplomazia», ​​ha scritto il ministro degli esteri iraniano Abbas Musavi nel suo account Twitter. Secondo lui, «il governo disperato di Trump sta distruggendo tutti i meccanismi internazionali progettati per mantenere la pace e la stabilità sul pianeta». In precedenza, Trump ha dichiarato di aver firmato un decreto che impone sanzioni all’Ayatollah Ali Khamenei, e il segretario al Tesoro Usa Stephen Mnuchin ha detto che anche il ministro degli Esteri iraniano Javad Zarif verrà aggiunto all’elenco delle sanzioni più tardi questa settimana.

I colloqui trilaterali sulla Siria con la partecipazione del Segretario del Consiglio di Sicurezza della Federazione Russa Nikolai Patrushev, Assistente del Presidente degli Stati Uniti per la Sicurezza Nazionale John Bolton e Capo del Consiglio di Sicurezza Nazionale di Israele Meir Ben-Shabbat si sono conclusi a Gerusalemme, riferisce RIA Novosti. La conversazione di rappresentanti di alto livello dei tre paesi è durata quasi due ore e mezza. In precedenza, Patrushev ha approfondito i temi principali dei prossimi colloqui: la distruzione dei rimanenti terroristi in Siria, l’avvio del processo di risoluzione politica interna e la ricostruzione socioeconomica del paese, nonché progetti di assistenza umanitaria.

I candidati alla carica del primo ministro britannico Jeremy Hunt hanno promesso che, nel caso in cui venissero in questa posizione per aumentare la spesa annuale per la difesa entro il 2024 da un quarto a 54 miliardi di sterline, riferisce TASS. Così, Hunt, che occupa l’incarico di ministro degli Esteri nell’attuale gabinetto, aumenterà la spesa per la difesa al 2,5% del PIL, che, secondo il ministro, «mostrerebbe al mondo intero un paese fiducioso pronto a difendere i suoi interessi e valori» dopo dall’UE. Secondo Hunt, ulteriori fondi saranno in parte volti a rafforzare la presenza della Gran Bretagna nel Nord Atlantico, dove, sostiene, l’attività dei sottomarini russi è aumentata. Il denaro è anche necessario per aumentare la presenza della Royal Navy nel Pacifico e per contrastare le minacce informatiche.

Il viceministro degli esteri russo Sergei Ryabkov ha dichiarato che un gruppo di specialisti russi è arrivato in Venezuela per continuare a lavorare sulla manutenzione delle attrezzature militari. «Questa è una continuazione del lavoro di manutenzione su attrezzature precedentemente spedite in Venezuela con contratti di cooperazione tecnico-militare», ha risposto Ryabkov alla domanda sull’arrivo di un aereo militare russo in Venezuela, riferisce il fatto quotidiano. «Da tutti i punti di vista, questa cooperazione è trasparente e trasparente, non ha alcun elemento di destabilizzazione della situazione regionale o di qualsiasi situazione», ha aggiunto, aggiungendo che «i tentativi di riscaldare speculativamente questo argomento sono ingiusti».

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Des militaires turcs ont traversé la frontière syrienne Александра Донцова 1.Syrie. Un convoi militaire turc de 30 véhicules a franchi la frontière avec la Syrie par le poste de contrôle de Kafr Lussein, situé dans le nord du gouvernorat d’Idlib, a rapporté la chaîne de télévision Al Arabiya, citant […] Türkisches Militär überschreitet syrische Grenze Александра Донцова 1. Syrien Al Arabiya berichtete unter Berufung auf die Syrische Beobachtungsstelle für Menschenrechte, dass ein türkischer Militärkonvoi mit 30 Fahrzeugen die Grenze zu Syrien über den Kontrollpunkt Kafr Lussein in der […] I militari turchi attraversano il confine siriano Александра Донцова 1. Siria Al Arabiya, citando il Centro siriano di monitoraggio dei diritti umani, ha riferito che un convoglio militare turco di 30 veicoli ha attraversato il confine con la Siria attraverso il checkpoint di Kafr Lussein, […] Los militares turcos cruzaron la frontera de Siria Александра Донцова 1.Siria El canal de televisión Al Arabiya con referencia al “Centro de Vigilancia del cumplimiento de los derechos humanos de Siria”, informó que un convoy militar turco había cruzado la frontera con Siria a través del puesto […] The Turkish military crossed the Syrian borde Александра Донцова 1. Syria The ‘Al Arabiya’ TV reported with a reference to the ‘Syrian Human Rights Monitoring Center’ that a Turkish military convoy, consisting of 30 vehicles, crossed the border with Syria via the […] Les terroristes préparent la mise-en-scène d’une attaque chimique à Alep Александра Донцова 1.Syrie «Des terroristes et des mercenaires de l’armée turque ont commencé à préparer la mise-en-scène d’une attaque chimique contre des civils dans l’ouest du gouvernorat d’Alep», rapporte […] Kämpfer bereiten einen angeblichen chemischen Angriff in Aleppo vor Александра Донцова 1. Syrien SANA berichtete am Montag, dass „Terroristen und türkische Söldnereinheiten mit der Vorbereitung eines angeblichen chemischen Angriffs auf Zivilisten in der westlichen Provinz Aleppo begonnen haben“. Die Agentur […] I militanti stanno preparando una messa in scena di un attacco chimico ad Aleppo Александра Донцова 1. Siria Lunedì SANA ha riferito che «i terroristi e le unità mercenarie dell’esercito turco hanno iniziato a preparare un immaginario attacco chimico contro i civili nella provincia occidentale di Aleppo». […] Los rebeldes se están preparando para simular el ataque químico en Alepo Александра Донцова 1.Siria El lunes la agencia SANA informó que «los terroristas y las unidades de los mercenarios del ejército turco habían comenzado a preparar un ataque químico simulado contra los civiles en el oeste de la provincia de […]
Наверх Наверх