I combattimenti in Idlib si sono fermati

  
0

1.

Siria

Venerdì alle 00:01 ora di Mosca nella zona di de-escalation di Idlib, è entrata in vigore la cessazione del regime di ostilità. Giovedì è stato raggiunto un accordo tra i presidenti di Russia e Turchia, Vladimir Putin e Recep Tayyip Erdogan. Lo ha annunciato giovedì il presidente turco in una conferenza stampa con il leader russo a Mosca. «Introdurremo un cessate il fuoco il più presto possibile, dopo di che concorderemo ulteriori passi», ha sottolineato Erdogan, affermando che «la Turchia si riserva il diritto di rispondere a qualsiasi attacco da parte» delle truppe siriane.

2.

Russia-Turchia-Siria

E nella continuazione dell’argomento. I colloqui tra i presidenti della Federazione Russa e della Turchia, Vladimir Putin e Recep Tayyip Erdogan, sono durati circa sei ore, sebbene il programma iniziale gli abbia assegnato quattro ore. Su richiesta di Erdogan, i negoziati sono iniziati faccia a faccia, e quindi i membri delle delegazioni dei due paesi potrebbero prenderne parte. Dopo i colloqui, il presidente della Federazione Russa ha trovato una soluzione accettabile al problema dell’esacerbazione in Idlib siriano. È stato confermato l’interesse della Russia e della Turchia a continuare a lavorare nell’ambito del modello di Astana, Mosca e Ankara hanno espresso il loro impegno per la sovranità della Siria e la determinazione a distruggere tutti i gruppi terroristici. È stato anche riferito che il pattugliamento congiunto di Russia e Turchia lungo l’autostrada M4 in Siria dal 15 marzo è stato annunciato. È stato anche riferito che Vladimir Putin informerà il presidente siriano Bashar al-Assad dell’esito dei negoziati con il presidente turco Recep Tayyip Erdogan.

3.

Siria

La situazione nella città siriana di Sarakeb è calma, le parti stanno osservando il cessate il fuoco che è iniziato da mezzanotte. È stato riferito da RIA Novosti. Un’ora prima dell’entrata in vigore degli accordi russo-turchi, l’autostrada M5 Damasco-Aleppo è stata sottoposta a un intenso bombardamento di artiglieria da parte dei militanti. Mentre i negoziati sono continuati a Mosca, i terroristi hanno tentato un massiccio attacco nella zona di Sarakeb. Il colpo principale è caduto sull’insediamento di Dadikh, che si trova lungo l’autostrada M5. I terroristi hanno cercato di tagliare un’autostrada strategicamente importante e avanzare verso la città. Le forze governative siriane, con il sostegno di un pesante fuoco di artiglieria, respinsero tutti gli attacchi e costrinsero i militanti a ritirarsi in profondità nei territori che avevano sequestrato.

4.

Siria

Il canale televisivo siriano Al-Ekhbariya, citando una fonte al comando delle forze armate siriane, ha affermato che le forze governative hanno inflitto una schiacciante sconfitta alle bande nelle battaglie vicino alla città di Sarakib nella provincia di Idlib. È stato riferito che durante il riflesso dei contrattacchi e delle operazioni offensive del nemico, le truppe hanno distrutto più di 6000 terroristi di Jabhat al-Nusra e altri gruppi estremisti in due settimane. Almeno 2,5 mila militanti sono rimasti feriti, 615 unità di veicoli corazzati e veicoli militari sono stati disabilitati.

5.

Croazia

Il ministro degli Esteri greco Nikos Dendias, durante una riunione informale dei ministri degli Esteri dell’UE a Zagabria, ha dichiarato che l’UE ha tutte le prove che la Turchia manda al confine con la Grecia non rifugiati dal siriano Idlib, ma migranti che hanno vissuto a lungo nel paese. “Abbiamo tutte le prove che questo movimento è stato creato e organizzato dalla Turchia. E dirò con fermezza che l’UE non permetterà che la sofferenza umana venga utilizzata per i propri scopi «, ha affermato il ministro degli Esteri greco. In precedenza, Reuters, citando un funzionario turco, ha affermato che Ankara ha deciso di non fermare i rifugiati siriani che cercano di entrare in Europa via mare o terreno.

6.

USA-Russia

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antoniu Guterrish ha confermato che prevede di arrivare a Mosca per celebrare il Giorno della Vittoria, nonostante la situazione con la diffusione del coronavirus. Guterrish ha detto questo in un’intervista a TASS. «Al momento, tutti i piani rimangono validi», ha sottolineato.

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется


Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Читайте также:

ANNA NEWS радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Включить радио ANNA-NEWS Выключить радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Радио
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: