Il quartier generale delle Nazioni Unite sarà trasferito da New York ?! || Risultati della settimana

  
0

Il presidente iraniano Hassan Rouhani si è espresso a sostegno dell’idea di spostare il quartier generale delle Nazioni Unite da New York, riferisce Interfax. Ha osservato che le Nazioni Unite sono una «casa della pace, una casa di comunicazione» e che gli Stati Uniti non hanno il diritto di impedire ai membri delle Nazioni Unite di venire a New York. «Gli Stati Uniti non dovrebbero approfittarne come host e rilasciare visti solo a quelli che gli piacciono», ha detto Rouhani. Ricordiamo, prima dell’inizio dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, l’Iran ha accusato gli Stati Uniti di non rilasciare visti alla delegazione iraniana. Di conseguenza, poco prima dell’evento, si è appreso che la delegazione iraniana ha ricevuto i visti. Inoltre, gli Stati Uniti non hanno rilasciato visti a diversi impiegati del ministero degli Esteri russo — membri della delegazione russa, che comprendeva il capo della commissione per gli affari esteri del Consiglio della Federazione Konstantin Kosachev e il suo collega della Duma di stato Leonid Slutsky.

Gran Bretagna, Francia e Germania hanno adottato una dichiarazione comune in cui hanno incolpato l’attacco alle strutture petrolifere saudite contro l’Iran. La dichiarazione è stata resa dopo l’incontro del capo del governo britannico Boris Johnson, del presidente francese Emmanuel Macron e del cancelliere tedesco Angela Merkel a margine dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite. «È chiaro per noi che l’Iran è responsabile di questo attacco. Non ci sono altre spiegazioni plausibili. Sosteniamo le indagini in corso per stabilire ulteriori dettagli», afferma la nota. I leader dei tre paesi hanno anche indicato che sebbene gli attacchi siano stati diretti contro l’Arabia Saudita, riguardano tutti gli stati e aumentano il rischio di un grave conflitto. Inoltre, hanno invitato Teheran a tornare ad adempiere ai propri obblighi ai sensi del Piano d’azione congiunto globale per il programma nucleare iraniano. Ricordiamo che i ribelli hussiti dello Yemen rivendicarono la responsabilità dello sciopero, ma Teheran è accusato dagli Stati Uniti e dall’Arabia Saudita.

Il Pentagono ha dichiarato che gli Stati Uniti prevedono di dispiegare un sistema di difesa aerea Patriot in Arabia Saudita, quattro radar Sentinel e circa 200 militari. «Questo dispiegamento rafforzerà la difesa aerea e missilistica del regno e le sue infrastrutture militari e civili critiche. Questo schieramento aumenta la già significativa presenza di truppe americane nella regione ”, riferisce il portavoce del Pentagono Jonathan Hoffman a TASS. Secondo lui, lo spiegamento delle armi è effettuato su richiesta dell’Arabia Saudita, il segretario alla Difesa americano Mark Esper ha approvato questo passo. Queste forze includono due batterie di difesa aerea Patriot, un sistema di difesa missilistica THAAD, ha detto Hoffman.

L’esercito siriano ha scoperto un’area di fortificazione sotterranea a Khan Sheikhun, dove l’organizzazione Caschi Bianchi stava preparando una provocazione, dopo di che un aeroporto militare è stato sottoposto a un massiccio attacco missilistico dagli Stati Uniti, ha detto il portavoce dell’esercito siriano colonnello Abu al-Karim Sheikh. Secondo lui, dopo la liberazione di Khan Sheikhun da parte dell’esercito siriano, più di 10 città sotterranee ben fortificate con una vasta rete di tunnel ramificati sono state scoperte nei suoi dintorni, una delle quali ha rivelato la posizione delle riprese di un video provocatorio — presumibilmente un attacco chimico a Khan Sheikhun. Ha anche mostrato i locali in cui sono state girate le scene di «aiutare le vittime di un attacco chimico in ospedale» e sono stati trovati giubbotti di «Caschi Bianchi». Abu al-Karim Sheikh ha detto che prima di lasciare gli estremisti hanno fatto esplodere la caverna, per non lasciare prove delle loro attività. Missili fabbricati negli Stati Uniti, fucili e mitragliatrici fabbricati dai paesi della NATO, nonché un’officina per la produzione di veicoli aerei senza equipaggio, sono stati trovati anche nelle grotte.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

La explosión de la columna turca en Idlib Александра Донцова 1.Siria. Oleg Zhuravlev, el Jefe del Centro de Reconciliación de las partes en conflicto en Siria ruso, informó que los rebeldes de “Al-Islamad-Turquestani” (la agrupación que está prohibida en la Federación de Rusia) habían […] L’explosion d’un dispositif contre un convoi à Idlib. Александра Донцова 1.Syrie Le contre-amiral Oleg Zhuravlev, chef du Centre russe pour la réconciliation des parties belligérantes en Syrie, a déclaré que des radicaux du groupe Al-Islamad-Turkestani (interdit en Russie) ont effectué le 27 mai […] Die Explosion der türkischen Kolonne in Idlib Александра Донцова 1. Syrien Konteradmiral Oleg Shurawljow, Leiter des russischen Zentrums für die Versöhnung der Kriegsparteien in Syrien, sagte, dass die Explosion einer unkonventionellen Sprengvorrichtung in Idlib von Kämpfern der […] L’esplosione della colonna turca a Idlib Александра Донцова 1. Siria Il contrammiraglio Oleg Zhuravlev, capo del Centro russo per la riconciliazione dei partiti in guerra in Siria, ha affermato che i militanti del gruppo Al-Islamad-Turkestani (bandito nella Federazione Russa) hanno […] An attack on a Turkish convoy in Idlib Александра Донцова 1 Syria The head of the Russian Center for the Reconciliation of the warring parties in Syria, Rear Admiral Oleg Zhuravlev, announced that the terrorist group ‘Al-Islamad-Turkestani’ made an explosion with an […] Syrie. Une attaque contre les militaires américains Александра Донцова 1 Syrie L’agence syrienne d’Etat SANA citant des sources locales informe que les Etats-Unis ont envoyé le matériel militaire additionnel au nord-est du gouvernorat d’Hassaké. Le matériel sera utilisé pour renforcer les bases […] Syrien. Angriff auf US-Militär Александра Донцова 1. Syrien Die staatliche syrische Nachrichtenagentur SANA berichtete unter Berufung auf lokale Quellen, dass die Vereinigten Staaten zusätzliche militärische Ausrüstung in den Nordosten der Provinz Hasek geschickt hätten. […] Siria. Attacco a militari di USA Александра Донцова 1. Siria L’agenzia governativa siriana SANA, citando fonti locali, ha riferito che gli Stati Uniti hanno inviato ulteriori attrezzature militari nel nord-est della provincia di Hasek. Questa tecnica verrà utilizzata per […] Syria. An attack on the US forces Александра Донцова 1 Syria The Syrian state-run news agency ‘SANA’ reports, while citing the local sources, that the USA sent additional military equipment to the north-east of the province of Hasakah. The military equipment will be […]
Наверх Наверх