L’Iran taglia gli impegni relativi agli accordi nucleari

  
0

Il presidente iraniano Hassan Rouhani ha annunciato un’ulteriore riduzione da parte di Teheran degli obblighi relativi agli accordi nucleari. «L’Iran inizierà la terza fase per ridurre gli obblighi previsti dall’accordo nucleare venerdì», ha dichiarato Rouhani a TASS. Allo stesso tempo, ha aggiunto che Teheran è pronto a fornire ai partecipanti al Piano d’azione globale congiunto (JCPOA) per il programma nucleare altri due mesi per raggiungere un accordo sui termini dell’accordo. In precedenza, il ministro degli Esteri iraniano Javad Zarif ha affermato che Teheran intende annunciare una nuova riduzione della conformità. Inoltre, l’Iran ha posto una condizione affinché l’Europa tornasse a un accordo nucleare, chiedendo di acquistare petrolio da Teheran o di concedere un prestito di $ 15 miliardi. Ricordiamo che a maggio 2018 gli Stati Uniti hanno annunciato un ritiro unilaterale dal piano d’azione globale congiunto e hanno reintrodotto sanzioni economiche contro l’Iran. Questo è stato seguito dal rifiuto di Teheran da una serie di obblighi previsti dall’accordo nucleare.

Il Regno Unito sta prendendo in considerazione la possibilità di schierare i suoi droni nel Golfo Persico nel contesto della detenzione di una nave cisterna che vola sotto la bandiera britannica, riferisce il fatto quotidiano TASS. Secondo lui, stiamo parlando di una possibile ricollocazione di UAV di stanza in Kuwait e in volo sul territorio di Siria e Iraq. Secondo il canale, sarà organizzata una missione di osservazione come parte dell’aiutare le navi da guerra britanniche ad accompagnare le navi cisterna battenti bandiera del Regno Unito attraverso lo stretto di Hormuz.

Secondo il Ministero della Difesa della Federazione Russa, anche il portale di informazione arabo Al-Masdar riporta questo. Gli UAV hanno tentato di avvicinarsi a una base militare proveniente da una regione della Siria nordoccidentale, controllata dal gruppo terroristico Tahrir al-Sham (illecito in Russia). Nessun infortunio o danno materiale, Khmeimim funziona come previsto.

Israele ha sparato circa un centinaio di colpi di mortaio in Libano in risposta al lancio di un razzo, riferisce Interfax citando una dichiarazione delle forze di difesa israeliane. Secondo un portavoce dell’IDF, due o tre missili anticarro sono stati lanciati dal Libano attraverso Israele. Uno di loro salì su una macchina dell’esercito, l’altro cadde su un posto di esercito vicino al confine. Nessuno dei militari israeliani è rimasto ferito nell’attacco al Libano. Hezbollah Libano ha rivendicato la responsabilità dello sciopero sul territorio israeliano.

Almeno 16 persone sono rimaste vittime della potente esplosione che ha avuto luogo nel quartiere residenziale di Kabul, dove vivono specialisti stranieri che lavorano in Afghanistan, circa altri 50 sono rimasti feriti, secondo quanto riferito da TASS citando il canale televisivo TOLOnews. Secondo il Ministero degli affari interni afgano, un’auto piena di esplosivi è volata in aria. Successivamente, si è verificato un incendio di un vicino serbatoio di carburante. L’esplosione è stata così potente che gli edifici nel raggio di 1 km sono stati danneggiati. Secondo il canale, il movimento terroristico talebano bandito in Russia si è preso la responsabilità dell’esplosione. Il portavoce talebano Zabihulla Mujahid ha twittato che l’obiettivo era «invasori stranieri». Il presidente afgano Ashraf Ghani ha fortemente condannato l’attacco e lo ha definito un atto terroristico.

I partecipanti al Forum economico orientale (WEF-2019) hanno stipulato accordi per un totale di 3,5 trilioni. rubli, riferisce Interfax citando una dichiarazione di Yury Trutnev, Vice Primo Ministro e Plenipotenziario del Presidente della Federazione Russa nel Distretto Federale dell’Estremo Oriente (FEFD), che ha fatto in una conferenza stampa a seguito dei risultati del WEF. Secondo lui, nel forum sono stati firmati oltre 270 accordi. «Più di 8,5 mila persone provenienti da 65 paesi hanno lavorato al forum. Le delegazioni più importanti provenivano da Giappone, Cina, Corea e India. Grandi delegazioni sono state ricevute da Mongolia, Stati Uniti, Gran Bretagna e Malesia. Più di 90 eventi hanno avuto luogo, le discussioni si sono svolte in quattro sezioni «Si sono tenuti dialoghi con sei paesi, una riunione del Presidio del Consiglio di Stato sul programma nazionale per lo sviluppo dell’Estremo Oriente ha tenuto una riunione plenaria con i leader dei cinque paesi», ha detto Trutnev.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

La explosión de la columna turca en Idlib Александра Донцова 1.Siria. Oleg Zhuravlev, el Jefe del Centro de Reconciliación de las partes en conflicto en Siria ruso, informó que los rebeldes de “Al-Islamad-Turquestani” (la agrupación que está prohibida en la Federación de Rusia) habían […] L’explosion d’un dispositif contre un convoi à Idlib. Александра Донцова 1.Syrie Le contre-amiral Oleg Zhuravlev, chef du Centre russe pour la réconciliation des parties belligérantes en Syrie, a déclaré que des radicaux du groupe Al-Islamad-Turkestani (interdit en Russie) ont effectué le 27 mai […] Die Explosion der türkischen Kolonne in Idlib Александра Донцова 1. Syrien Konteradmiral Oleg Shurawljow, Leiter des russischen Zentrums für die Versöhnung der Kriegsparteien in Syrien, sagte, dass die Explosion einer unkonventionellen Sprengvorrichtung in Idlib von Kämpfern der […] L’esplosione della colonna turca a Idlib Александра Донцова 1. Siria Il contrammiraglio Oleg Zhuravlev, capo del Centro russo per la riconciliazione dei partiti in guerra in Siria, ha affermato che i militanti del gruppo Al-Islamad-Turkestani (bandito nella Federazione Russa) hanno […] An attack on a Turkish convoy in Idlib Александра Донцова 1 Syria The head of the Russian Center for the Reconciliation of the warring parties in Syria, Rear Admiral Oleg Zhuravlev, announced that the terrorist group ‘Al-Islamad-Turkestani’ made an explosion with an […] Syrie. Une attaque contre les militaires américains Александра Донцова 1 Syrie L’agence syrienne d’Etat SANA citant des sources locales informe que les Etats-Unis ont envoyé le matériel militaire additionnel au nord-est du gouvernorat d’Hassaké. Le matériel sera utilisé pour renforcer les bases […] Syrien. Angriff auf US-Militär Александра Донцова 1. Syrien Die staatliche syrische Nachrichtenagentur SANA berichtete unter Berufung auf lokale Quellen, dass die Vereinigten Staaten zusätzliche militärische Ausrüstung in den Nordosten der Provinz Hasek geschickt hätten. […] Siria. Attacco a militari di USA Александра Донцова 1. Siria L’agenzia governativa siriana SANA, citando fonti locali, ha riferito che gli Stati Uniti hanno inviato ulteriori attrezzature militari nel nord-est della provincia di Hasek. Questa tecnica verrà utilizzata per […] Syria. An attack on the US forces Александра Донцова 1 Syria The Syrian state-run news agency ‘SANA’ reports, while citing the local sources, that the USA sent additional military equipment to the north-east of the province of Hasakah. The military equipment will be […]
Наверх Наверх