L’OSCE registra bombardamenti vicino ai siti di riproduzione nel Donbass

  
0

1.

La missione speciale di monitoraggio dell’OSCE in Ucraina registra bombardamenti in una zona di cinque chilometri vicino alle aree di separazione delle forze e dei beni di Petrovsky e Zolotoy, ha dichiarato Alexander Lukashevich, rappresentante permanente della Russia presso l’OSCE. Inoltre, l’SMM ha notato sei obice semovente pesante APU 2C7 Pion in una stazione ferroviaria nella regione di Donetsk, che «chiaramente non contribuisce alla de-escalation». L’Ucraina continua a «consegnare equipaggiamento militare per ferrovia», ha dichiarato Lukashevich. Ha osservato che, al fine di ridurre ulteriormente la tensione, è necessario completare la completa smilitarizzazione dei siti di riproduzione entro il periodo di tempo specificato dal gruppo di contatto di Minsk e intensificare i lavori sul coordinamento di nuovi siti.

2.

Il 17 novembre, i militanti ucraini hanno effettuato un altro bombardamento del villaggio di Staromikhailovka da cannoni di veicoli BMP-1, BMP-2, mitragliatrici pesanti e armi leggere. A seguito del bombardamento, un certo numero di case sono state danneggiate ai seguenti indirizzi: via di Ivan Marchenko 30, via di Lenin 4, via Frunze 14 e 34. Fortunatamente, nessuno è rimasto ferito. Inoltre, fu insediato il mio insediamento 6/7, dove fu distrutta la dependance in via di Konev.

3.

L’apertura anticipata del ponte al checkpoint di Stanitsa Luganskaya a Donbass è stata effettuata a causa della minaccia di provocazioni da parte di unità nazionaliste, ha detto ai giornalisti Ivan Filiponenko, un ufficiale del servizio stampa della polizia popolare della Repubblica popolare di Lugansk. Mercoledì scorso, il presidente dell’Ucraina Vladimir Zelensky ha affermato che un ponte è stato aperto pochi giorni prima della data prevista a Stanitsa Lugansk. Secondo la polizia popolare di RPL, mercoledì notte, i combattenti del Corpo ucraino volontario dell’organizzazione estremista vietata in Russia del settore di destra sono arrivati ​​nell’area di Stanitsa Lugansk per interrompere l’apertura del ponte. Lo stesso giorno, il presidente dell’Ucraina è arrivato alla linea di contatto presso il checkpoint di Stanitsa Luganskaya e ha annunciato la cerimonia di apertura del ponte restaurato in due o tre giorni. Un’ora dopo la sua partenza, il ponte era aperto al traffico.

4.

Il 19 novembre, durante l’azione contro le mine, le formazioni armate dell’Ucraina aprirono il fuoco in direzione del Petrovskoye da posizioni situate direttamente nella zona di separazione delle forze e dei beni che sono state dichiarate dalla parte ucraina e registrate dalla SMM nei rapporti del 13 e 14 novembre come assegnati. Si noti che secondo il programma sul sito della separazione delle forze e dei beni n. 3 «Petrovskoye-Bogdanovka», è stata pianificata la prosecuzione dell’azione contro le mine. Al momento, lo sminamento dei lavori è stato interrotto; per motivi di sicurezza, i rappresentanti della JCCC e del Ministero delle Emergenze sono stati costretti a interrompere gli eventi e a lasciare il sito. Questo fatto è stato registrato dal capo dell’ufficio di rappresentanza del DPR nel JCCC, che ha notificato la pattuglia a specchio dell’OSCE SMM nel punto di osservazione.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Les terroristes continuent de bombarder les banlieues d’Alep Александра Донцова Lors d’un briefing mardi soir, le chef du Centre russe pour la réconciliation des parties belligérantes en Syrie, Iouri Borenkov, a déclaré que les bandes armées illégales ne cessaient pas de bombarder le village de […] Kämpfer beschießen weiterhin den Stadtrand von Aleppo Александра Донцова Der Leiter des russischen Zentrums für die Aussöhnung der Kriegsparteien in Syrien, Juri Borenkow, sagte am Dienstagabend bei einer Besprechung, dass illegale bewaffnete Gruppen nicht aufhören würden, das Dorf Sachra am Rande […] I militanti continuano a bombardare la periferia di Aleppo Александра Донцова Il capo del centro russo per la riconciliazione in Siria, Yuri Borenkov, durante una riunione di martedì sera ha affermato che gruppi armati illegali non hanno smesso di bombardare il villaggio di Zahra alla periferia della […] Los rebeldes siguen bombardeando la periferia de Alepo Александра Донцова Yuri Borenkov, el jefe del Centro de Reconciliación ruso en Siria, informó que los grupos armados ilegales no habían dejado de bombardear el lugar poblado de Zahra en la periferia de la ciudad siria de Alepo. Como resultado […] Terrorists continue to shell the outskirts of Aleppo Александра Донцова The head of the Russian center for the reconciliation in Syria, Yuri Borenkov, announced during a briefing on Tuesday evening that illegal armed groups are still shelling the village of Zahra, located near the largest Syrian […] Des protestations de masse au coeur de Bagdad Александра Донцова 1 Irak La chaîne Al-Sumaria informe que des protestations contre la présence américaine se déroule en Irak. Selon la chaîne, la manifestation a commencé vendredi matin dans le district d’al-Jadriya au centre de Bagdad. Les […] Massenprotest im Zentrum von Bagdad Александра Донцова 1. Irak Der Fernsehsender Al-Sumaria berichtete über eine Demonstration gegen die US-Präsenz, die in der irakischen Hauptstadt stattfand. Nach Angaben des Fernsehsenders begann eine Großdemonstration am Freitagmorgen im […] Protesta di massa nel centro di Baghdad Александра Донцова 1. Iraq Il canale di Al-Sumaria riferisce di una manifestazione nella capitale irachena contro la presenza americana. Secondo il canale, una grande manifestazione è iniziata venerdì mattina nel distretto di Al-Jadriah, nel […] Una protesta masiva en el centro de Bagdad Александра Донцова 1.Iraq El canal de televisión Al-Sumaria informa que una protesta masiva contra la presencia estadounidense comenzó el viernes por la mañana en la región de al-Jadriya, en el centro de Bagdad, la capital de Iraq. Los […]
Наверх Наверх