L’OSCE registra bombardamenti vicino ai siti di riproduzione nel Donbass

  
0

1.

La missione speciale di monitoraggio dell’OSCE in Ucraina registra bombardamenti in una zona di cinque chilometri vicino alle aree di separazione delle forze e dei beni di Petrovsky e Zolotoy, ha dichiarato Alexander Lukashevich, rappresentante permanente della Russia presso l’OSCE. Inoltre, l’SMM ha notato sei obice semovente pesante APU 2C7 Pion in una stazione ferroviaria nella regione di Donetsk, che «chiaramente non contribuisce alla de-escalation». L’Ucraina continua a «consegnare equipaggiamento militare per ferrovia», ha dichiarato Lukashevich. Ha osservato che, al fine di ridurre ulteriormente la tensione, è necessario completare la completa smilitarizzazione dei siti di riproduzione entro il periodo di tempo specificato dal gruppo di contatto di Minsk e intensificare i lavori sul coordinamento di nuovi siti.

2.

Il 17 novembre, i militanti ucraini hanno effettuato un altro bombardamento del villaggio di Staromikhailovka da cannoni di veicoli BMP-1, BMP-2, mitragliatrici pesanti e armi leggere. A seguito del bombardamento, un certo numero di case sono state danneggiate ai seguenti indirizzi: via di Ivan Marchenko 30, via di Lenin 4, via Frunze 14 e 34. Fortunatamente, nessuno è rimasto ferito. Inoltre, fu insediato il mio insediamento 6/7, dove fu distrutta la dependance in via di Konev.

3.

L’apertura anticipata del ponte al checkpoint di Stanitsa Luganskaya a Donbass è stata effettuata a causa della minaccia di provocazioni da parte di unità nazionaliste, ha detto ai giornalisti Ivan Filiponenko, un ufficiale del servizio stampa della polizia popolare della Repubblica popolare di Lugansk. Mercoledì scorso, il presidente dell’Ucraina Vladimir Zelensky ha affermato che un ponte è stato aperto pochi giorni prima della data prevista a Stanitsa Lugansk. Secondo la polizia popolare di RPL, mercoledì notte, i combattenti del Corpo ucraino volontario dell’organizzazione estremista vietata in Russia del settore di destra sono arrivati ​​nell’area di Stanitsa Lugansk per interrompere l’apertura del ponte. Lo stesso giorno, il presidente dell’Ucraina è arrivato alla linea di contatto presso il checkpoint di Stanitsa Luganskaya e ha annunciato la cerimonia di apertura del ponte restaurato in due o tre giorni. Un’ora dopo la sua partenza, il ponte era aperto al traffico.

4.

Il 19 novembre, durante l’azione contro le mine, le formazioni armate dell’Ucraina aprirono il fuoco in direzione del Petrovskoye da posizioni situate direttamente nella zona di separazione delle forze e dei beni che sono state dichiarate dalla parte ucraina e registrate dalla SMM nei rapporti del 13 e 14 novembre come assegnati. Si noti che secondo il programma sul sito della separazione delle forze e dei beni n. 3 «Petrovskoye-Bogdanovka», è stata pianificata la prosecuzione dell’azione contro le mine. Al momento, lo sminamento dei lavori è stato interrotto; per motivi di sicurezza, i rappresentanti della JCCC e del Ministero delle Emergenze sono stati costretti a interrompere gli eventi e a lasciare il sito. Questo fatto è stato registrato dal capo dell’ufficio di rappresentanza del DPR nel JCCC, che ha notificato la pattuglia a specchio dell’OSCE SMM nel punto di osservazione.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Damas va récuperer la souveraineté sur des territoires Александра Донцова 1 Kazakhstan La déclaration finale de la rencontre internationale sur la Syrie à Noursoultan dit que les pays-garants du processus d’Astana – la Russie, la Turquie et l’Iran – ont rejeté des initiatives visant la création […] Damaskus will die Souveränität über die Gebiete wiedererlangen Александра Донцова 1. Kasachstan In der Abschlusserklärung zum internationalen Syrien-Treffen in Nur Sultan hieß es, dass die Schutzmächte des Astana-Prozesses – Russland, die Türkei und der Iran – die Initiative zur Schaffung unter dem […] Damasco intende riconquistare la sovranità sui territori Александра Донцова 1.Kazakistan La dichiarazione finale sull’incontro internazionale sulla Siria a Nur Sultan afferma che i paesi garanti del processo di Astana Russia, Turchia e Iran hanno respinto l’iniziativa di creare un […] Damasco tiene intenciones de recuperar la soberanía sobre los territorios Александра Донцова 1.Kazajstán Después de la reunión internacional sobre Siria celebrada en Nur Sultan, los países garantes del proceso de Astaná, en particular, Rusia, Turquía e Irán rechazaron la iniciativa de crear un gobierno autónomo en […] Damascus intends to regain the sovereignty over the territories Александра Донцова 1 Kazakhstan The final statement on the international meeting on Syria in the city of Nur Sultan states the following: The guarantor countries of the Astana process — Russia, Turkey and Iran — rejected the […] Sommet dans le format Normandie Александра Донцова 1 Suisse Le comité exécutif de l’Agence mondiale antidopage a unanimement adopté la recommendation du comité de l’organisation de priver l’Agence russe antidopage du statut de conformité au Code mondiale antidopage. Notre […] Gipfel des Normandie-Quartetts Александра Донцова 1. Schweiz Das Exekutivkomitee der Welt-Anti-Doping-Agentur (WADA) nahm einstimmig die Empfehlung des Organisationskomitees an, der russischen Anti-Doping-Agentur (RUSADA) die Einhaltung des Welt-Anti-Doping-Kodex zu […] Vertice dei Quattro Normanni Александра Донцова 1.Svizzera Il Comitato esecutivo dell’Agenzia mondiale antidoping (WADA) ha adottato all’unanimità la raccomandazione del comitato dell’organizzazione di privare l’Agenzia russa antidoping (RUSADA) del […] La cumbre del “cuarteto de Normandia” Александра Донцова 1.Suiza El Comité Ejecutivo de la Agencia Mundial Antidopaje (WADA) aceptó por unanimidad la recomendación del comité de la organización en virtud de la cual la Agencia Antidopaje Rusa (RUSADA) no cumplía las normas del […]
Наверх Наверх