La Gran Bretagna è in guerra

  
0

1. Il Regno Unito

La Gran Bretagna è costantemente in guerra a causa degli attacchi informatici dai territori della Russia e di altri stati, ha affermato il capo dello staff di difesa britannico, il generale Nicholas Carter. “La natura mutevole delle ostilità mostra che i confini tra gli stati di pace e di guerra sono confusi. Tutto perché la rivalità delle maggiori potenze e la lotta delle idee con attori non statali ci minacciano ogni giorno ”, ha citato la dichiarazione del generale TASS. A suo avviso, la principale minaccia è attualmente associata allo spazio informazioni e proviene dal territorio di Russia e Cina. Secondo il Daily Telegraph, Carter ha promesso nel suo discorso che la Gran Bretagna non avrebbe lasciato senza risposta le azioni dei suoi avversari. In precedenza, Russia e Cina hanno ripetutamente respinto le accuse di presunto coinvolgimento in attacchi informatici.

2. Austria

Domenica, il Partito popolare austriaco conservatore (ANP) ha vinto con fiducia le elezioni anticipate per il Consiglio nazionale (camera bassa del parlamento). Il successo ha portato ai conservatori una maggioranza di fazioni in parlamento, che consentirà al suo presidente Sebastian Kurtz di ottenere un mandato per formare un governo e tornare alla carica di cancelliere austriaco, riferisce il fatto quotidiano. Si prevede che martedì il governo di transizione austriaco, guidato dal cancelliere Brigitte Birline, presenterà una lettera di dimissioni al presidente Aleksander Van der Bellen in conformità con la costituzione. Il capo dello stato incarica il governo di adempiere temporaneamente ai propri doveri fino alla formazione di un nuovo gabinetto. Allo stesso tempo, Van der Bellen dovrebbe dare a Kurtz il mandato di negoziare la formazione di un nuovo governo.

3. Grecia

Atene ha inviato forze speciali sull’isola greca di Lesbo, dove i migranti hanno organizzato una rivolta al centro di accoglienza e identificazione di Moriah, riferisce RIA Novosti con riferimento all’agenzia Alpha. Nelle ultime settimane, il flusso di migranti dalla costa turca è aumentato. Il campo ha riunito oltre 12 mila persone, sebbene sia progettato per 3 mila. Sperando di accelerare il trasferimento nel continente, i migranti hanno dato fuoco al container abitativo. I pompieri in arrivo sono stati attaccati da centinaia di migranti che hanno fatto schiantare due autopompe. Sette o otto container distrutti. Secondo le informazioni preliminari, una donna e un bambino sono stati bruciati in loro. Successivamente, i migranti hanno anche attaccato le forze dell’ordine, cercando di liberare altri rifugiati che erano stati arrestati per varie violazioni della legge. La polizia ha risposto con gas lacrimogeni e granate stordenti. Ricordiamo, nel mezzo di una disputa sui giacimenti di gas vicino a Cipro, la Turchia ha rifiutato di rispettare l’accordo con l’UE, secondo il quale Ankara si è impegnata a fermare il flusso di rifugiati verso l’Europa in cambio di denaro e la promessa dell’abolizione dei visti.

4. Iran

Il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Abbas Mousavi ha dichiarato che Teheran si riserva il diritto di agire in risposta al mancato rispetto da parte dell’Europa dei termini dell’accordo nucleare. «L’Iran si riserva il diritto di agire in risposta al fallimento dell’Eurotroika (Francia, Germania, Gran Bretagna) nell’adempiere ai propri obblighi derivanti dall’accordo nucleare», ha affermato Tassavi. Ha anche affermato che, secondo Teheran, i ribelli ussiti del movimento Ansar Allah Yemeni stanno prendendo provvedimenti contro l’Arabia Saudita in conformità con il diritto legale del popolo dello Yemen a difendersi. «Le azioni del popolo dello Yemen contro l’Arabia Saudita sono il diritto legale del paese a rispondere alle aggressioni», ha detto il diplomatico.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

L’intervention de l’armée américaine à Idlib Александра Донцова 1 Irak-Syrie Une colonne de 50 véhicules militaires de l’armée américaine est parti d’Irak pour la Syrie, en dépit des déclarations du conseiller du président des Etats-Unis à la sécurité nationale Robert O’Brien que les […] Intervention der US-Armee in Idlib Александра Донцова 1. Irak – Syrien Ein Konvoi von US-Militärausrüstung, bestehend aus 50 Einheiten, fuhr vom Irak nach Syrien, obwohl der stellvertretende US-Präsident für nationale Sicherheit, Robert O’Brien, erklärte, die Vereinigten […] Intervento dell’esercito americano a Idlib Александра Донцова 1. Iraq-Siria Un convoglio di equipaggiamento militare americano, composto da 50 unità di equipaggiamento militare, è andato dall’Iraq alla Siria nonostante le dichiarazioni del vicepresidente della sicurezza nazionale […] La injerencia del ejército americano en Idlib Александра Донцова 1. Iraq y Siria El canal de televisión Sky News Arabia informa que Robert O’Brien, el asistente del presidente americano sobre asuntos de seguridad nacional, declaró que America no tenía intenciones de intervenir en la […] An Intervention of the US Army in Idlib Александра Донцова 1 Iraq — Syria An American army convoy of 50 armored vehicles headed from Iraq to Syria, despite the statements of the Assistant to the US President on the National Security, Robert O’Brien, according to which […] Donbass está aplicando los acuerdos de Minsk Александра Донцова 1. La oficina de representación de la República Popular de Lugansk en el Centro Conjunto de Supervisión y Coordinación del régimen del cese del fuego informa que el 12 de febrero, las fuerzas de seguridad de Kiev dispararon […] Le Donbass respecte les accords de Minsk Александра Донцова 1. Le 12 février les forces de Kiev ont pilonné le village Donetskii en causant des dégâts à une ligne électrique, informe la représentance de la RPL au Centre conjoint de contrôle et de coordination du cessez-le-feu. « Huit […] Donbass hält sich an die Minsker Vereinbarungen Александра Донцова 1. Am 12. Februar feuerten Kiewer Sicherheitskräfte auf eine Siedlung städtischen Typs Donezkij, es wurde eine Stromleitung beschädigt. Dies wurde von Vertretern der Volksrepublik Lugansk im Gemeinsamen Zentrum für die […] Donbass aderisce agli accordi di Minsk Александра Донцова 1. Il 12 febbraio, le forze di sicurezza di Kiev hanno sparato su un insediamento di tipo urbano di Donetsk e una linea elettrica (linea elettrica) è stata danneggiata. Lo ha riferito nell’ufficio di rappresentanza […]
Наверх Наверх