La Russia e gli Stati Uniti estendono il Trattato New START

  
0

1.Russia-USA

Durante una conversazione telefonica martedì, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il presidente russo Vladimir Putin hanno espresso soddisfazione per lo «scambio di note diplomatiche sul raggiungimento di un accordo sull’estensione del Trattato sulle armi strategiche». Lo riferisce il servizio stampa del Cremlino. Si rileva che «nei prossimi giorni le parti completeranno tutte le procedure necessarie per garantire l’ulteriore funzionamento di questo importante meccanismo legale internazionale per la limitazione reciproca degli arsenali missilistici nucleari». Martedì il presidente russo ha presentato alla Duma di Stato per la ratifica un accordo sull’estensione del Trattato tra Russia e Stati Uniti sulle misure per ridurre ulteriormente e limitare le armi strategiche offensive per cinque anni senza condizioni aggiuntive. Mercoledì, in una riunione, la Duma di Stato valuterà la ratifica dell’accordo. Inoltre, durante la conversazione tra Putin e Biden, il ritiro unilaterale degli Stati Uniti dal Trattato sui cieli aperti, il problema di preservare il Piano d’azione globale congiunto sul programma nucleare iraniano, la soluzione interna ucraina, nonché l’iniziativa russa. Si è discusso di tenere un vertice dei membri permanenti del Consiglio di sicurezza dell’ONU. La portavoce della Casa Bianca Jen Psaki ha detto che la conversazione è stata avviata dal presidente degli Stati Uniti.

2. Russia — USA

Il vice ministro degli Esteri russo Sergei Ryabkov ha affermato che la Russia e gli Stati Uniti hanno deciso di estendere il trattato sulle misure per ridurre ulteriormente e limitare le armi offensive strategiche senza precondizioni. Come ha sottolineato Ryabkov, l’accordo sarà prorogato «per cinque anni senza precondizioni, senza aggiunte, senza» appendici «, come ha insistito Mosca. Ryabkov ha detto di aver scambiato note con l’ambasciatore americano a Mosca John Sullivan il giorno prima che fissano l’accordo sulla proroga del Trattato New START per cinque anni. ”Ha anche sottolineato che la decisione presa è stata reciprocamente vantaggiosa e l’unica corretta.

3. Russia

In una riunione, il Consiglio della Federazione ha ratificato all’unanimità un accordo sulla proroga fino al 5 febbraio 2026 del Trattato tra la Federazione Russa e gli Stati Uniti sulle misure per ridurre ulteriormente e limitare le armi strategiche offensive. 148 membri del Consiglio della Federazione hanno votato a favore. Konstantin Kosachev, capo del comitato per gli affari internazionali del Consiglio della Federazione, ha osservato che il trattato «garantisce in modo completo la sicurezza nazionale della Russia». Il capo del Comitato per la difesa e la sicurezza del Consiglio della Federazione, Viktor Bondarev, ha espresso la speranza che l’estensione del Trattato New START «servirà a ridurre la tensione internazionale e normalizzare sia le relazioni russo-americane che la situazione generale».

4. USA

Il Senato del Congresso degli Stati Uniti ha adottato una risoluzione sulle regole per lo svolgimento delle procedure preliminari nel quadro dell’impeachment dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, durante la quale l’accusa e la difesa presenteranno le loro argomentazioni per iscritto. Il processo di impeachment contro Trump riprenderà il 9 febbraio. Ottantatre senatori hanno votato a favore della risoluzione, 17 si sono opposti. La trasmissione della riunione del Senato del Congresso degli Stati Uniti è stata trasmessa dalle compagnie televisive americane. Dopo l’adozione della risoluzione, il leader della maggioranza democratica al Senato, Chuck Schumer, ha proposto, in conformità con le disposizioni di questo documento, di riprendere il processo di impeachment di Trump il 9 febbraio. La proposta è stata adottata all’unanimità.

5. Armenia

Il ministro degli Esteri armeno Ara Ayvazyan ha affermato in un incontro con il presidente iraniano Mohammad Javad Zarif che i risultati della guerra in Nagorno-Karabakh non possono creare le basi per una pace duratura nella regione. «Attualmente, la nostra regione sta affrontando nuovi seri problemi creati dal pericoloso tentativo dell’Azerbaigian di risolvere il conflitto del Nagorno-Karabakh con la forza. L’Armenia non crede che i risultati dell’uso della forza a seguito dell’aggressione dell’Azerbaigian contro l’Artsakh possano creare una base per pace duratura o essere visto come un’opportunità per la cooperazione regionale «, — ha detto Ayvazyan.

6. USA

Il Wall Street Journal, citando fonti del Dipartimento della Difesa statunitense, ha riferito che le autorità statunitensi potrebbero riconsiderare la decisione della precedente amministrazione di ridurre il numero delle truppe statunitensi in Afghanistan e Iraq. La pubblicazione rileva che la decisione dell’ex presidente Donald Trump di ridurre il contingente militare americano a 2,5mila combattenti in Afghanistan e Iraq, pone l’amministrazione dell’attuale presidente degli Stati Uniti Joe Biden di fronte alla necessità di «valutare il ruolo strategico del Stati Uniti in due conflitti». La pubblicazione rileva inoltre che il nuovo capo del Pentagono Lloyd Austin prevede di rivedere la decisione di ritirare le truppe.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.


Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется


Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!
ANNA NEWS радио
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: