La Siria ha respinto l’attacco aereo

  
0

1.

Arabia Saudita

Il rappresentante ufficiale della coalizione guidata dall’Arabia Saudita, il colonnello Turki al-Maliki, ha annunciato l’intercettazione di un missile balistico lanciato nella direzione di Riyadh. È stato riferito che il lancio è stato commesso dai sostenitori del movimento ribelle yemenita Ansar Allah. Le parole di al-Maliki sono trasmesse dall’agenzia di stampa saudita. Il portavoce della coalizione ha anche affermato che durante il precedente bombardamento hussita del territorio saudita, avvenuto nella notte da lunedì a martedì, i ribelli hanno lanciato otto veicoli aerei senza pilota e tre missili. Secondo al-Maliki, tutte le strutture furono abbattute dalle forze di difesa aerea della coalizione. Il canale televisivo Sky News Arabia ha detto lunedì sera che la coalizione aveva annunciato l’intercettazione di numerosi droni lanciati in tutta l’Arabia Saudita. È stato riferito che i droni erano pieni di esplosivi e miravano a obiettivi civili sauditi.

2.

Siria

SANA ha riferito che i sistemi di difesa aerea siriani hanno respinto un attacco di veicoli aerei senza pilota nelle vicinanze di Latakia. Veicoli aerei senza equipaggio sono stati visti nel cielo sopra il villaggio di Jebl, che si trova vicino alla base dell’aeronautica russa a Khmeimim. L’attacco di droni armati di bande nelle regioni montuose del nord di Latakia è una violazione del cessate il fuoco, che è stata stabilita il 6 marzo nella zona di de-escalation nel nord-ovest della Siria.

3.

Iraq

Reuters ha riferito che un missile è caduto sul territorio dell’aeroporto internazionale di Baghdad. È stata rilasciata da un insediamento situato a ovest di Baghdad. Non sono stati segnalati danni significativi. Chi è dietro questo attacco non è noto.

4.

India-Cina

Il Times of India, citando fonti militari, ha affermato che nei colloqui con le forze armate cinesi, le forze armate indiane hanno richiesto che le truppe cinesi fossero ritirate dall’India nell’area di Pangong Tso e fermare l’accumulo dell’esercito popolare di liberazione della Cina nella valle di Galvan, nel Ladakh orientale. Se questi requisiti saranno soddisfatti, la situazione verrà ripristinata nella regione, che è rimasta fino a quando l’esercito cinese non ha invaso il territorio indiano alla fine di aprile. I negoziati si sono svolti nel villaggio di Moldo nel territorio cinese. «La riduzione dell’escalation nel Ladakh orientale non sarà facile. Ci vorrà del tempo. Speriamo per il meglio, ma siamo pronti per il peggio», ha dichiarato il giornale.

5. USA-Siria

Il rappresentante speciale degli Stati Uniti per la Siria James Jeffrey, durante un seminario online presso il Washington Institute of the Middle East, ha affermato che il governo degli Stati Uniti non sta cercando di limitare la presenza della Russia in Siria. Commentando l’entrata in vigore di nuove sanzioni statunitensi nel quadro della cosiddetta «Legge di Cesare», Jeffrey ha confermato che gli Stati Uniti non stanno prendendo in considerazione in questa fase la possibilità di ritirare le proprie truppe dalla Siria. Le forze statunitensi rimangono nel «nord-est» della Siria, nell’area di Al-Tanf, al confine con la Giordania. Secondo l’inviato speciale degli Stati Uniti, l’obiettivo dell’applicazione di nuove misure di restrizione è quello di «infliggere un vero dolore a chi si trova vicino ad Assad», per far capire alla Siria che queste misure restrittive «non vanno da nessuna parte» fino a quando le autorità di Damasco «cambieranno le loro politiche». Il rappresentante del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha anche affermato che le nuove sanzioni non mirano a limitare gli aiuti umanitari alla Siria. Allo stesso tempo, Jeffrey ha rifiutato di chiarire se l’amministrazione americana ha intenzione di imporre sanzioni contro la Russia ai sensi della «legge di Cesare».

6.

USA-Iran

L’agenzia di stampa TASS citando una fonte delle Nazioni Unite ha affermato che gli Stati Uniti hanno presentato al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite una risoluzione per estendere l’embargo sulle armi contro l’Iran, nonostante la Russia abbia proclamato argomenti contro questo. «Gli Stati Uniti hanno presentato il loro progetto di risoluzione al Consiglio di sicurezza. La riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sulla non proliferazione delle armi di distruzione di massa è prevista per il 30 giugno. Apparentemente, il progetto verrà discusso al riguardo, incluso, ma la data di voto non è stata ancora determinata», l’agenzia cita parole sorgente. In precedenza, il Ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha inviato una lettera indirizzata al Segretario Generale delle Nazioni Unite, nonché al Presidente del Consiglio di sicurezza, in cui si afferma la mancanza di motivi oggettivi per discutere un’estensione dell’embargo sulle armi contro l’Iran in seno al Consiglio.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

главное за суткиитоги дняновости
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

L’UE ne reconnaît pas la légitimité de Loukachenko Александра Донцова 1 Libye Le chef du groupe terroriste de Daech (interdit en Russie) en Afrique du Nord, Abu Abdullah al-Iraqi, a été éliminé par l’Armée nationale libyenne lors d’une opération spéciale le 15 septembre, a relate […] Die EU erkennt Lukaschenkas Legitimität nicht an Александра Донцова 1. Libyen Die Nachrichtenagentur TASS berichtete unter Berufung auf eine Quelle der libyschen Nationalarmee, Feldmarschall Chalifa Haftar, dass der Führer der Terroristengruppe Islamischer Staat (IS, in Russland verboten) in […] L’UE non riconosce la legittimità di Lukashenko Александра Донцова 1 Libia L’agenzia di stampa TASS, citando una fonte dell’esercito nazionale libico, il feldmaresciallo Khalifa Haftar, ha riferito che il leader del gruppo terroristico dello Stato islamico (ISIS, bandito in […] La UE no reconoce la legitimidad de Lukashenko. Александра Донцова 1 Libia TASS con referencia a la fuente en el Ejército Nacional de Libia encabezado por Khalifa Haftar, informó que Abu Abdullah al-Iraqui, el líder del “Estado Islámico” (la agrupación terrorista que está prohibida en la […] The EU does not recognize Lukashenko’s legitimacy Александра Донцова 1 Libya The TASS reported while citing a source in the Libyan National Army, headed by Field Marshal Khalifa Haftar, that according to a local investigation — the head of the ISIS in North Africa, Abu Abdullah al-Iraqi, […] Новости на 16:00 24 сентября 2020 года Влад Николаев Пресс-секретарь МВД Белоруссии Ольга Чемоданова сообщила, что в Белоруссии в среду было зафиксировано 59 протестных акций в которых участвовали около 5 тыс. человек. Сообщается, что сотрудники правоохранительных органов […]
Наверх Наверх