La Turchia riprenderà l`operazione nel nord della Siria

  
0

1. Germania

Il ministro della difesa tedesco Annegret Kramp-Karrenbauer ha chiesto la creazione di una zona di sicurezza internazionale in Siria. Un’iniziativa in tal senso sarà presentata alla NATO. Kramp-Karrenbauer ha notato di essere d’accordo con il cancelliere Angela Merkel. Sarà presentato agli alleati della NATO a margine della riunione dei ministri della Difesa dell’Alleanza il 24–25 ottobre. «La domanda su come potrebbe apparire questa soluzione è la creazione di una zona di sicurezza controllata a livello internazionale con il coinvolgimento di Turchia e Russia per ridurre la situazione», ha affermato.

2. Giappone

L’Imperatore del Giappone Naruhito annunciò la sua intronizzazione, riferì l’Associated Press. Martedì si è svolta la cerimonia di intronizzazione dell’imperatore. Confermò che Naruhito successe all’imperatore Akihito, che aveva precedentemente abdicato. Naruhito divenne il 126 ° monarca del Giappone. Alla cerimonia dell’adesione hanno partecipato circa duemila ospiti, compresi dignitari dall’estero. In onore di un evento significativo, l’imperatore ha graziato 550 mila persone condannate per reati minori, tra cui violazioni delle regole del traffico e delle leggi elettorali. Naruhito divenne il primo monarca giapponese nato dopo la seconda guerra mondiale.

3. USA-Siria

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump nel corso di una riunione del suo gabinetto alla Casa Bianca ha annunciato la cattura di giacimenti petroliferi nel nord della Siria «sotto la protezione» degli Stati Uniti. Commentando il destino dei giacimenti petroliferi nel nord della Siria dopo il ritiro delle truppe americane dalla regione e l’inizio dell’operazione militare turca, Trump ha dichiarato: «Abbiamo preso il petrolio sotto protezione», riferisce TASS. “Se ricordi, mi sono opposto all’invasione dell’Iraq. Ero un civile e non avevo autorità in questo settore. Tuttavia, mi sono sempre opposto all’invasione dell’Iraq. Questa non era la soluzione migliore. Ma ho sempre detto: «Se invadi, allora lasciati il ​​petrolio!» La stessa cosa è qui «, disse il capo dell’amministrazione americana. Allo stesso tempo, Trump non ha escluso che una grande azienda americana potesse impegnarsi nella produzione di petrolio nel nord della Siria.

4. Turchia-USA

La Turchia riprenderà le operazioni nel nord della Siria se gli Stati Uniti non raggiungessero un accordo con Ankara sul ritiro delle forze curde dalla zona di sicurezza ai sensi dell’accordo sul cessate il fuoco temporaneo nella regione, ha affermato il presidente Recep Tayyip Erdogan. Secondo Erdogan, gli Stati Uniti hanno 120 ore per mantenere queste promesse. Ricordiamo che giovedì gli Stati Uniti e la Turchia hanno dichiarato di aver deciso di sospendere l’operazione militare della Turchia per 120 ore e di ritirare le formazioni curde dalla zona cuscinetto di 30 chilometri al confine turco-siriano, che Ankara intende controllare in modo indipendente. Tuttavia, in seguito ci furono notizie di continui combattimenti.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Новости на 16:00 7 августа 2020 года Влад Николаев Президент Ливана Мишель Аун заявил, что следствие в Ливане рассматривает несколько версий по взрыву в порту Бейрута, «включая халатность, несчастный случай, а также внешнее воздействие». Слова президента Ливана […] Главное на утро 7 августа 2020 года Влад Николаев Руководитель Российского центра по примирению враждующих сторон контр-адмирал Александр Щербицкий заявил, что командование группировкой РФ в Сирии оставляет за собой право ответить на атаки боевиков, которые угрожают военным […] Le Liban. Les effets de l’explosion à Beyrouth. Александра Донцова 1 Liban Le nombre de victimes suite à l’explosion à Beyrouth a augmenté à 137, celui de blessés – à 5 mille, des dizaines sont disparus, relate Al Jazeera citant la Santé libanaise. Le chef de l’Intérieur du pays Mohammed […] Libanon. Folgen der Explosion in Beirut Александра Донцова 1. Libanon Die Zahl der Todesopfer bei der Explosion in Beirut sei auf 137 Menschen gestiegen, 5.000 Personen seien verletzt worden. Dutzende Menschen würden als vermisst gemeldet. Dies berichtete der Fernsehsender Al Jazeera […] Libano. Conseguenze dell’esplosione a Beirut Александра Донцова 1.Libano Il bilancio delle vittime dell’esplosione a Beirut è salito a 137 persone, il numero delle vittime è aumentato a 5mila, decine di persone risultano disperse. Lo riporta il canale televisivo Al Jazeera con […] Líbano. Las consecuencias de la explosión en Beirut Александра Донцова 1. Líbano. Al Jazeera con referencia al Ministerio de Salud libanés, informó que como resultado de la explosión en Beirut, 137 personas habían muerto y 5 mil personas fueron heridas. Decenas de personas están desaparecidas. […]
Наверх Наверх