Le forze armate ucraine hanno aperto la strada all’insediamento della Sciastie

  
0

1.

Gli osservatori dell’OSCE hanno registrato l’estrazione da parte delle forze di sicurezza di Kiev dell’autostrada che porta alla Sciastie. Lo ha annunciato un ufficiale del servizio stampa della polizia popolare RPL, Ivan Filiponenko. «Nell’area di responsabilità della 46a brigata delle forze armate ucraine , osservatori di missione speciali hanno identificato 34 mine anticarro installate attraverso l’autostrada che porta all’insediamento di Sciastie», ha detto. «Tali azioni da parte delle forze di sicurezza ucraine indicano una riluttanza a contribuire al processo di pace e mirano a interrompere le iniziative di pace realizzate a Minsk per risolvere il conflitto armato nel Donbass», è certo l’ufficiale di stampa.

2.

Il 16 ottobre alle 06:20, le formazioni armate dell’Ucraina hanno aperto il fuoco su insediamento Staromikhaylovka con mortai da 82 mm, armi BMP-2, mitragliatrici pesanti e armi leggere. Come risultato del bombardamento, le linee elettriche furono danneggiate, parte del villaggio fu diseccitata. Inoltre, sono stati registrati danni alle case. Fortunatamente, le vittime sono state evitate. Inoltre, secondo i dati aggiornati, a seguito del bombardamento serale dell’insediamento Aleksandrovka danneggiò i vetri e le coperture a scuola per strada. Lenin, 171, e anche registrato un danno agli indirizzi: via di Kirov, via di Shevchenko. Il gruppo operativo della Rappresentanza di RPD nel JCCC e nel processo negoziale ha visitato la scena, ha parlato con gli abitanti dei villaggi e registrato le conseguenze dei bombardamenti.

3.

Come risultato di bombardamenti Kominternovo dal lato delle forze armate ucraine ha subito danni alla linea elettrica e l’intero villaggio è rimasto senza luce. L’elettricità è attualmente ripristinata. Inoltre, a seguito del bombardamento, la casa di via Vittoria 67.

4.

L’assenza di bombardamenti da parte del personale della milizia popolare del RPL è confermata dai rapporti della Missione speciale di monitoraggio dell’OSCE. Lo ha affermato il servizio stampa del dipartimento della difesa della Repubblica. Hanno sottolineato che il rispetto del «regime del silenzio» per la polizia popolare rimane uno dei compiti più importanti.

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется


Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Читайте также:

ANNA NEWS радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Включить радио ANNA-NEWS Выключить радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Радио
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: