Le truppe turche avanzano in profondità in Siria

  
0

Mercoledì mattina unità militari turche hanno attraversato il confine con la Siria nella regione, dove Ankara prevede di condurre un’operazione per creare una zona di sicurezza, secondo quanto riferito da Bloomberg. «Le truppe turche hanno iniziato ad attraversare il confine nel nord-est della Siria per costringere i combattenti curdi appoggiati dagli USA ad allontanarsi dal confine», ha detto la fonte dell’agenzia.

Le truppe turche intendono andare in profondità in Siria per almeno 30 chilometri, ha dichiarato il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu. “Nella prima fase, prevediamo di creare una zona di sicurezza lunga 120 km, quindi 400 km. La larghezza è di circa 30 km, non prevediamo di ridurla ”, riferisce RIA Novosti. Mercoledì scorso, la Turchia ha annunciato il lancio dell’Operazione “Fonte di pace” nel nord della Siria, che è diretta contro i curdi e mira a creare una zona di sicurezza al confine turco-siriano.

L’esercito turco ha effettuato il bombardamento delle posizioni dei combattenti della milizia curda e delle forze democratiche siriane nel nord della Siria, riferisce Interfax citando i media ufficiali siriani. Le milizie curde e le forze di opposizione democratiche siriane, la cui principale parte sorprendente sono le unità di autodifesa del popolo curdo, sono diventate il bersaglio di attacchi in una zona della città di Al-Malikiya, provincia di Hasaka. Ricordiamo che sabato scorso, il presidente turco Erdogan ha annunciato la sua intenzione nei prossimi giorni di condurre un’operazione militare nelle regioni frontaliere della Siria. Lunedì gli Stati Uniti si sono ritirati dal confine tra Siria e Turchia, rifiutando di sostenere l’operazione della Turchia nel nord della Siria. Allo stesso tempo, il presidente degli Stati Uniti Trump ha minacciato di «distruggere l’economia turca» se Ankara fa qualcosa di «inaccettabile». La senatrice del Partito Democratico degli Stati Uniti Lindsey Graham ha affermato che se la Turchia avvierà un’operazione militare in Siria, il Congresso prenderà in considerazione un disegno di legge sulle sanzioni contro Ankara e insisterà anche sulla sua sospensione nella NATO.

Il rappresentante del Dipartimento di Stato americano ha dichiarato che Washington imporrà sanzioni contro la Turchia in caso di pulizia etnica e attacchi indiscriminati alla popolazione civile nel nord della Siria, ma finora nessun esempio di tale comportamento è stato registrato da Ankara, riferisce TASS. Il Dipartimento di Stato ha sottolineato che gli Stati Uniti «non hanno dato verde, ma luce rossa» all’operazione turca. Washington considera «l’errore» di Ankara e «farà tutto» in suo potere per porre fine a questa operazione. Si noti che la Turchia ha chiesto aiuto agli Stati Uniti, ma è stata rifiutata.

Il servizio stampa del ministero degli Esteri iraniano ha rilasciato una dichiarazione in cui le autorità iraniane chiedono la fine dell’operazione militare turca in Siria e il ritiro delle truppe dal paese arabo. «Data la grave minaccia umanitaria e i rischi per i civili nella regione, il ministero degli Esteri iraniano insiste sull’immediata cessazione degli attacchi e sul ritiro delle forze armate turche dalla Siria», afferma la nota. Si noti che «la parte iraniana è preoccupata per le azioni di Ankara». Secondo il ministero degli Esteri iraniano, «le operazioni militari non solo non gioveranno alla sicurezza della Turchia, ma porteranno anche a perdite materiali e perdite». «Teheran è convinto che la tensione possa essere eliminata solo con azioni pacifiche, rispettando la sovranità e l’integrità territoriale della Siria», ha affermato il ministero.

Per la terza volta, le forze di sicurezza ucraine hanno contrastato il ritiro delle forze e dei beni nell’area dell’insediamento di Zolotoye nel Donbass, ha affermato Mikhail Filiponenko, capo dell’ufficio di rappresentanza di RPL presso il Centro comune per il monitoraggio e il coordinamento del regime del cessate il fuoco. Ha precisato che RPL ha fatto tre tentativi di riproduzione nella suddetta area, ma non ha aspettato una risposta dalla parte ucraina, che, secondo Filiponenko, è stata confermata dagli osservatori dell’OSCE SMM. In precedenza, i rappresentanti della milizia di RPD hanno riferito di un’interruzione nel ritiro delle forze nella sezione della linea di contatto nella città di Petrovskoye. In conformità con gli accordi sul ritiro delle armi nelle zone pilota, sono stati assegnati tre giorni. Entro il 12 ottobre, le armi e le forze delle parti in guerra di Petrovsky e Zolotoy dovevano divorziare. Ricordiamo, l’allevamento di forze è una delle condizioni per il vertice dei Capi di Stato dei «Quattro Normanni».

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Главное на вечер 13 августа 2020 года Влад Николаев В среду вечером в спальных районах Минска возобновились акции протеста. Отмечается, что людей было значительно меньше, чем в предыдущие три дня. В некоторых районах города силовики применяли спецсредства против манифестантов, […] Новости на 16:00 13 августа 2020 года Влад Николаев Задержанных во время акций протеста в Белоруссии начали выпускать из изоляторов временного содержания. Об этом свидетельствуют списки, которые опубликовал правозащитный центр «Весна» в Telegram-канале. Сообщается, […] Новости на 12:00 13 августа 2020 года Влад Николаев В Минске рядом со станциями метро проходят акции солидарности с задержанными в ходе протестов против признания результатов президентских выборов в Белоруссии. Некоторые из участников держат в руках цветы, проезжающие мимо […] Главное на утро 13 августа 2020 года Влад Николаев В среду вечером в спальных районах Минска возобновились акции протеста. Отмечается, что людей было значительно меньше, чем в предыдущие три дня. В некоторых районах города силовики применяли спецсредства против манифестантов, […] Biélorussie. Les manifestations se poursuivent Александра Донцова 1. Biélorussie Les manifestations contre les résultats de la présidentielle se poursuivent en Biélorussie. Mardi soir, le centre de Minsk a été bloqué par les forces de l’ordre. Tard dans la soirée, des manifestants se sont […] Weißrussland. Proteste gehen weiter Александра Донцова 1. Weißrussland In Weißrussland gehen die Proteste weiter. Das Zentrum von Minsk wurde am Dienstagabend von der Sondereinheit OMON, internen Truppen und anderen Machtstrukturen blockiert. Am späten Dienstagabend zogen […]
Наверх Наверх