Missione delle Nazioni Unite al campo di Er-Rukban in Siria

  
0

1. Siria

In una dichiarazione congiunta del quartier generale del coordinamento tra agenzie della Federazione Russa e della Siria, è stato riferito che il Ministero degli Esteri siriano aveva inviato una richiesta ufficiale alle Nazioni Unite per condurre una missione medica di valutazione nel campo di Er-Rukban. È stato riferito che «questa iniziativa della parte siriana da parte delle Nazioni Unite è stata sostenuta». «Allo stesso tempo, il piano proposto per l’implementazione da parte dei rappresentanti dell’organizzazione mondiale solleva interrogativi», afferma la dichiarazione. Secondo il quartier generale, il documento prevede l’inclusione di convogli di 23 camion con forniture umanitarie nel convoglio interdipartimentale, tuttavia non sono previsti distributori mirati e controllati tra i siriani bisognosi a Rukban. Inoltre, «contrariamente alla natura medica inizialmente dichiarata della missione, il personale delle Nazioni Unite non ha fornito ai medici un piano per alcun esame dei residenti di Er-Rukban». La dichiarazione sottolinea che gli Stati Uniti cercano di fornire militanti sotto il suo controllo nel campo profughi di Er-Rukban in Siria attraverso forniture umanitarie dell’ONU. La dichiarazione congiunta sottolinea che l’unica soluzione al problema umanitario del campo di Er-Rukban è il suo scioglimento finale e l’evacuazione dei residenti.

2. Iran

Il Corpo della Guardia rivoluzionaria islamica ha dichiarato che l’Iran ha lanciato in orbita il suo primo satellite militare, Noor. Mehr riferisce che il satellite è stato messo in orbita, a un’altitudine di 425 km, usando un veicolo di lancio Qased. Altri dettagli non sono ancora stati forniti. In precedenza, il 9 febbraio, l’Iran ha lanciato un veicolo di lancio con un satellite di sua produzione Zafar. Tuttavia, non è stato possibile mettere in orbita questo satellite.

3. Venezuela

Il leader dell’opposizione venezuelana Juan Guaido ha affermato che l’opposizione non sta negoziando con le autorità. Lo ha annunciato sul suo Twitter. Guaido ha affermato che i principali partiti di opposizione aderiscono a un’unica posizione. «C’è solo un’opzione per un possibile accordo per salvare il Venezuela: la formazione di un governo di emergenza senza una mafia della droga nella sua composizione. Un governo che sarà in grado di accedere all’assistenza internazionale di cui abbiamo bisogno», ha affermato l’opposizione. In precedenza, secondo Reuters, citando fonti, i rappresentanti del Partito socialista unificato del Venezuela, il cui leader è Nicolas Maduro, e i sostenitori del leader dell’opposizione Juan Guaido, hanno avviato i negoziati a causa della pandemia di coronavirus.

4.Cina-USA

Il portavoce del ministero degli Esteri, Gen Shuang, ha commentato una causa intentata nello stato americano del Missouri contro le autorità cinesi durante un briefing di mercoledì, presumibilmente nascondendo informazioni sulla diffusione del nuovo coronavirus. Geng Shuang ha affermato che «queste cosiddette accuse non hanno basi fattuali o reali». Il governo cinese ha fornito informazioni complete agli Stati Uniti, ad altri paesi e all’Organizzazione mondiale della sanità in merito ai progressi dell’epidemia e alla lotta contro la diffusione del virus. Geng Shuang ha anche sottolineato che le azioni del governo cinese durante la pandemia non rientrano nella giurisdizione dei tribunali degli Stati Uniti, la causa è una presa in giro maliziosa di procedimenti legali, che non contribuisce a combattere l’epidemia negli Stati Uniti e contraddice anche la cooperazione internazionale.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Terroristische Provokationen in Idlib Александра Донцова Konteradmiral Alexander Grinkewitsch, stellvertretender Leiter des russischen Zentrums für die Versöhnung der Kriegsparteien in Syrien, gab bekannt, dass Kämpfer der in der Russischen Föderation verbotenen Terroristengruppe […] Provocazioni militanti a Idlib Александра Донцова Il contrammiraglio Alexander Grinkevich, vice capo del Centro russo per la riconciliazione delle parti in conflitto in Siria, ha annunciato che i militanti del gruppo terroristico Hayat Tahrir al-Sham, bandito nella […] Las provocaciones de los rebeldes en Idlib Александра Донцова Alexander Grinkevich, el subjefe del Centro de Reconciliación de las partes en conflicto en Siria ruso, informó que los rebeldes de “Hayat Tahrir al-Sham” (la organización terrorista que que está prohibida en la Federación de […] Terrorist provocations in Idlib Александра Донцова The deputy head of the Russian Center for the Reconciliation of the Warring Parties in Syria, Rear-Admiral Alexander Grinkevich, reported about a preparation of provocations, with the use of poisonous substances, in the south […] Итоги недели 26 сентября 2020 года Влад Николаев Заместитель руководителя российского Центра по примирению враждующих сторон в Сирии контр-адмирал Александр Гринкевич сообщил о подготовке боевиками запрещенной в РФ террористической группировки «Хайат Тахрир […] Crash d’avion dans le nord de l’Iran Александра Донцова 1.Etats-Unis S’exprimant lors du débat politique général de la 75e session de l’Assemblée générale des Nations Unies, le chef du gouvernement d’accord national libyen Fayez el-Sarraj a déclaré que les parties au […]
Наверх Наверх