Nagorno-Karabakh. La tregua attesa

  
0

L’11 novembre, il capo della Direzione principale delle operazioni dello Stato maggiore delle forze armate della Federazione Russa, Sergei Rudskoy, ha affermato che Armenia e Azerbaigian avevano cessato le ostilità nella zona del conflitto del Nagorno-Karabakh, le unità delle forze armate dei due paesi sono state fermate nelle loro posizioni. Ha anche detto che «un contingente di pacificatori della Federazione Russa sta entrando nel territorio del Nagorno-Karabakh e nel corridoio di Lachin. «Rudskoy ha anche sottolineato che le forze di pace russe «hanno preso il controllo del corridoio Lachin e della sezione della strada Lachin — fattoria statale Lysogorsky con posti di osservazione temporanei «.

Il ministero della Difesa russo ha riferito mercoledì che a seguito dei negoziati tra il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu e il ministro della Difesa turco Hulusi Akar, è stato firmato un memorandum sulla creazione di un centro congiunto russo-turco per controllare il cessate il fuoco in Nagorno-Karabakh. Il documento definisce i compiti e i principi dell’Osservatorio comune. Secondo Shoigu, «la decisione di istituire un centro di monitoraggio congiunto consentirà un controllo affidabile sulla conformità delle parti al regime di cessazione delle ostilità e costituirà una solida base per risolvere il conflitto di lunga data». Il centro di controllo del cessate il fuoco congiunto sarà situato nel territorio dell’Azerbaigian. Il Centro raccoglierà, sintetizzerà e verificherà le informazioni sul rispetto delle parti al cessate il fuoco e altre azioni che violano gli accordi raggiunti. Il centro registrerà le violazioni utilizzando la sorveglianza visiva, veicoli aerei senza pilota e valuterà i dati provenienti da altre fonti. Il Centro comune di controllo del cessate il fuoco diventerà un organo incaricato di trattare eventuali problemi, reclami e questioni relative a violazioni di accordi precedentemente raggiunti.

Il maggiore generale Igor Konashenkov, un rappresentante ufficiale del ministero della Difesa russo, ha detto che le forze di pace russe erano entrate nella città di Stepanakert. «10 postazioni di osservazione sono state dispiegate lungo la linea di contatto in Nagorno-Karabakh e nel corridoio di Lachin», ha detto Konashenkov. Ha anche detto che le unità del contingente di mantenimento della pace, raggiunte la città di Shushi, “hanno iniziato a schierare quattro posti di osservazione nella zona di responsabilità di Yug. Konashenkov ha anche aggiunto che le forze di pace russe, arrivate in Armenia, stanno marciando verso la città di Goris. Konashenkov ha notato che l’interazione con lo stato maggiore delle forze armate di Azerbaigian e Armenia attraverso canali di comunicazione diretti è stata stabilita per prevenire possibili incidenti e garantire la sicurezza delle forze di pace russe.

Il ministero della Difesa russo ha riferito lunedì che un elicottero russo Mi-24 è stato abbattuto da un sistema missilistico antiaereo portatile sopra l’Armenia vicino al confine con l’Azerbaigian, due membri dell’equipaggio sono stati uccisi e un altro ferito. Successivamente, il ministero degli Esteri azero ha riferito che l’elicottero russo è stato abbattuto per errore dalle forze armate azere. Baku si è scusato e ha annunciato la sua disponibilità a pagare un risarcimento alla Federazione Russa. Il ministero degli Esteri russo ha valutato positivamente il fatto che «Baku ha immediatamente ammesso la sua colpevolezza» e ha preso atto delle «assicurazioni della parte azera che sarà condotta un’indagine operativa su questo incidente e gli autori saranno puniti». L’ufficio del procuratore generale dell’Azerbaigian ha annunciato l’avvio di un’indagine sulla distruzione dell’elicottero russo Mi-24 nei cieli dell’Armenia. Il presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev, in una conversazione con il leader russo Vladimir Putin, si è scusato e il ministro della Difesa della Repubblica Zakir Hasanov ha espresso le condoglianze al suo omologo russo Sergei Shoigu. Il segretario stampa del ministero della Difesa armeno Shushan Stepanyan ha affermato che l’Armenia è pronta ad assistere la Russia nel chiarire le circostanze della caduta dell’elicottero russo Mi-24.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется


Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Читайте также:

ANNA NEWS радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Включить радио ANNA-NEWS Выключить радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Радио
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: