Nagorno Karabakh. Situazione

  
0

Il segretario stampa del ministero della Difesa armeno Shushan Stepanyan ha detto che la situazione martedì notte nell’area del conflitto del Nagorno Karabakh è «relativamente stabile». «Al mattino (13 ottobre), il nemico ha ripreso le ostilità nelle direzioni meridionale, settentrionale, nord-orientale e orientale, accompagnato da razzi attivi e fuoco di artiglieria. Il nemico è particolarmente attivo nella parte nord-orientale della linea del fronte. Unità dell’esercito di difesa per sopprimere il fuoco nemico e interromperlo i piani stanno prendendo misure adeguate in tutte le direzioni, mantenendo la situazione tattico-operativa sotto il loro controllo», ha affermato Stepanyan citando l’agenzia Armenpress.

Il ministero della Difesa azero ha riferito che la situazione su numerose linee del fronte nella zona di escalation del conflitto intorno al Nagorno Karabakh rimane tesa. «Nella notte tra il 12 e il 13 ottobre, la situazione generale sulle direzioni Agdera-Aghdam e Fizuli-Hadrut del fronte è rimasta tesa», dice il messaggio. Inoltre, il ministero della Difesa azero ha dichiarato che l’esercito armeno ha cercato di «attaccare in piccoli gruppi le posizioni dell’esercito azero in alcune direzioni». Il ministero ha segnalato la distruzione di un gran numero di attrezzature nemiche, tra cui tre sistemi di lancio multiplo BM-21 Grad, un sistema missilistico antiaereo Tor-M2KM, un cannone semovente antiaereo Shilka e tre droni. «L’esercito azero osserva il cessate il fuoco umanitario e mantiene un vantaggio operativo lungo l’intera linea del fronte», ha detto il ministero della Difesa.

Il ministero della Difesa armeno ha riferito che le forze armate azerbaigiane hanno sferrato un colpo alle attrezzature militari nel territorio dell’Armenia. «Il 14 ottobre, le forze armate azerbaigiane hanno colpito equipaggiamento militare … sul territorio dell’Armenia … solo supponendo che questa tecnica potesse colpire gli insediamenti dell’Azerbaigian. Le forze armate armene si riservano il diritto di colpire qualsiasi struttura militare in Azerbaigian. «, — ha detto nella dichiarazione del Ministero della Difesa. In precedenza, il ministero della Difesa azero ha riferito della distruzione di sistemi missilistici tattici-operativi con missili balistici dal lato armeno. Secondo il ministero della Difesa azero, i sistemi missilistici erano diretti «alla popolazione e alle infrastrutture civili di Ganja, Mingachevir e altre città». Il ministero della Difesa ha sottolineato che i complessi sono stati distrutti «da uno sciopero preventivo per garantire la sicurezza della popolazione civile».

Il contrammiraglio Alexander Grinkevich, vice capo del Centro russo per la riconciliazione delle parti belligeranti in Siria, ha detto che quattro militanti sono morti a seguito dell’esplosione di un magazzino con munizioni e cloro, che si stava preparando per la provocazione in Siria. Tra i morti ci sono cittadini europei e nordafricani. È stato riferito che «l’11 ottobre, nell’area del villaggio di Maaret al-Ikhuan (13 km a nord della città di Idlib), è stato fatto saltare in aria un deposito con munizioni e sostanze contenenti cloro preparato da terroristi per provocazioni chimiche». Alexander Grinkevich ha invitato i comandanti delle formazioni armate illegali ad abbandonare le provocazioni armate e ad intraprendere la via della soluzione pacifica della situazione nelle aree sotto il loro controllo.

Il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Said Khatibzade ha affermato che Teheran non tollererà ripetuti attacchi sul suo territorio da parte dei partecipanti al conflitto in Nagorno Karabakh. «L’Iran non rimarrà indifferente in caso di ripetizione di tali attacchi», ha detto il servizio stampa del ministero degli Esteri iraniano. Il diplomatico ha aggiunto che «garantire la sicurezza dei cittadini iraniani che abitano le zone di confine è una priorità per le forze armate del Paese». Giovedì scorso, la società di trasmissione IRIB ha riferito che otto razzi lanciati dalla zona di conflitto intorno al Nagorno Karabakh sono esplosi in Iran. I razzi hanno colpito il villaggio, a seguito del quale una persona è rimasta ferita e diverse case sono state danneggiate.

Il servizio stampa del presidente del Kirghizistan ha riferito che Sooronbai Jeenbekov ha annunciato le sue dimissioni. «Non mantengo il potere. Non voglio rimanere nella storia del Kirghizistan come il presidente che ha versato sangue e ha sparato ai suoi stessi cittadini. Pertanto, ho deciso di dimettermi», dice la dichiarazione pubblicata sul sito web del presidente. Jeenbekov ha anche invitato il nuovo primo ministro della repubblica, Sadir Japarov, e altri politici a ritirare i loro estranei da Bishkek e «restituire una vita pacifica».
Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Terrorists in Syria are planning provocations Александра Донцова 1 Syria The Russian Center for the Reconciliation of the Warring Parties in Syria reported that the terrorists of the ’Hayat Tahrir Al-Sham’ group are planning to fake a chemical attack in Idlib, and accuse the Syrian […] Los rebeldes tienen intenciones de realizar las provocaciones en Siria Александра Донцова 1.Siria. El Centro de Reconciliación de las partes en conflicto en Siria ruso informó que los rebeldes de “Hayat Tahrir Al-Sham”, (la agrupación terrorista que está prohibida en la Federación de Rusia), tenían intenciones de […] Боевики в Сирии планируют провокации || Итоги дня 16.06.2021 Влад Николаев В российском Центре по примирению враждующих сторон в Сирии сообщили, что боевики запрещенной в РФ террористической группировки «Хайят Тахрир Аш-Шам» планируют инсценировать химическую атаку в Идлибе и обвинить […] Обстановка на линии фронта за сутки: версии сторон Александра Донцова Донецкая Народная Республика Минувшие сутки прошли без обстрелов на линии соприкосновения между ДНР и Украиной. Об этом сегодня сообщили в Управлении Народной милиции Республики. «За прошедшие сутки нарушений режима […] Israel deployed the ’’Iron Dome’’ air defense systems across the country Александра Донцова 1 Syria The official representative of the Russian Foreign Ministry, Maria Zakharova, stated that a jihadist hotbed has formed in the north-east of Syria, next to a local American military base, from which the radicals are […] Israel desplegó los sistemas de defensa aérea llamados “Cúpula de Hierro” en todo el país Александра Донцова 1.Siria Maria Zakharova, la portavoz del Ministerio de Asuntos Exteriores de Rusia, declaró que se había formado un semillero yihadista en el noreste de Siria junto al contingente militar americano, del cual los radicales […]
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: