Negoziati in Libia

  
0

1. Siria.

L’esercito americano ha cercato di bloccare il percorso della pattuglia militare russa nella provincia siriana di Hasek. Lo ha riferito il nostro corrispondente di guerra Alexander Kharchenko. È stato riferito che un tentativo di bloccare l’auto del personale militare della Federazione Russa è avvenuto nel villaggio di Abra, che si trova a 50 chilometri da Hasek. Si noti che al momento della manovra, il suono fuoriesce da sotto il cofano della MRAP americana M1235, che era caratteristica per una svolta del tubo del sistema di raffreddamento del motore, quindi è iniziato il fumo e la macchina si è fermata. La pattuglia russa senza ostacoli lungo il percorso. Il Pentagono non ha ancora commentato l’accaduto.

2. Siria.

SANA ha riferito che mercoledì i residenti delle province meridionali della Siria hanno protestato contro le sanzioni statunitensi, che sono usate per fare pressione su Damasco. Una manifestazione di massa si è tenuta su piazza Sultan Atrash nella città di Essaouida, nell’omonima provincia e nella vicina provincia di El Quneitra. I manifestanti hanno espresso il loro sostegno al governo siriano e al presidente Bashar al-Assad. SANA, in un commento dell’8 giugno, ha incolpato gli Stati Uniti per il deterioramento della situazione economica e finanziaria della Siria. Secondo l’agenzia, l’inviato speciale degli Stati Uniti per la Siria James Jeffrey ha ammesso apertamente il 7 giugno in una riunione con l’opposizione che il crollo della sterlina siriana e un aumento senza precedenti dei prezzi delle materie prime sono stati il ​​risultato della pressione americana su Damasco. «Gli Stati Uniti stanno privando i siriani di un pezzo di pane con le loro sanzioni disumane», ha sottolineato l’agenzia. In precedenza, il 3 giugno, il ministero degli Esteri siriano ha condannato fermamente il nuovo pacchetto di sanzioni contro Damasco, che entrerà in vigore il 17 giugno. La dichiarazione affermava che il documento «si basa su prove false fabbricate da parti ostili al popolo siriano».

3. Libia.

La Missione di sostegno delle Nazioni Unite in Libia ha riferito che le delegazioni del capo del governo dell’Accordo nazionale Faiz Sarraj e il comandante dell’esercito nazionale libico, Khalifa Haftar, stanno prendendo parte al terzo round di colloqui sulla Libia nel formato di una riunione congiunta del comitato militare 5 + 5. La missione ha incontrato la delegazione LNA il 3 giugno e un incontro con la delegazione PNS il 9 giugno, secondo un comunicato stampa pubblicato sul sito web della missione. Durante i negoziati, che si sono svolti online, i rappresentanti delle delegazioni libiche hanno espresso le loro opinioni sul progetto di cessate il fuoco che i diplomatici delle Nazioni Unite hanno presentato loro il 23 febbraio 2020. La missione di sostegno delle Nazioni Unite in Libia ha accolto con favore il desiderio di dialogo delle parti e ha espresso preoccupazione per l’escalation nella città strategicamente significativa di Sirte. In precedenza, il 2 giugno, la Missione delle Nazioni Unite in Libia ha annunciato l’accordo del PNS e dell’LNA per riprendere i negoziati su un cessate il fuoco nel territorio libico.

4. Turchia.

Il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu su NTV ha invitato gli Stati Uniti a svolgere un ruolo più attivo nella risoluzione della crisi libica. «I presidenti di Turchia e Stati Uniti hanno discusso della situazione in Libia. Washington fa dichiarazioni sulla Libia, ma non sono sul campo. Gli Stati Uniti devono svolgere un ruolo più attivo in Libia. Ne abbiamo parlato. Lavoreremo su questo argomento a livello di presidenti, capitoli Il ministero degli Affari esteri e il ministero della Difesa di entrambi i paesi. Dobbiamo compiere passi più rapidi «, ha affermato Cavusoglu. In precedenza, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha affermato che durante una conversazione telefonica con il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, la Turchia e gli Stati Uniti hanno raggiunto un accordo sulla Libia. Erdogan ha anche discusso della crisi libica con il presidente russo Vladimir Putin. Il servizio stampa del Cremlino ha sottolineato che i leader dei due paesi hanno espresso profonda preoccupazione per gli scontri su larga scala in corso in Libia.

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

главное за суткиитоги дняновости
Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Новые обстрелы в Израиле и секторе Газа || Итоги дня 13.05.2021 Влад Николаев Новые сообщения приходят из сектора Газа. Движение ХАМАС объявило о запуске ракеты в направлении израильского аэропорта Рамон на юге страны. Так же более 100 ракет было выпущено в направлении израильских городов. Отмечается, […] Обстановка на линии фронта за сутки: версии сторон Александра Донцова Донецкая Народная Республика Войска Украины за минувшие сутки два раза обстреляла территорию ДНР. Об этом сегодня сообщило представительство Республики в Совместном центре контроля и координации режима прекращения огня […] Israel y Palestina. Ataques con misiles Александра Донцова 1.Siria. El representante de la agrupación de las fuerzas rusas en Siria declaró que a partir del 23 de abril, el ejército sirio, con el apoyo de las Fuerzas Aeroespaciales rusas, había eliminado a 338 terroristas y había […] Israel and Palestine. Rocket strikes Александра Донцова 1 Syria «Starting 23rd of April, the Syrian military, together with the Russian Air Forces, have destroyed 338 terrorists, and more than 80 terrorist facilities and hideouts» — said the spokesman of the […] Израиль и Палестина. Ракетные удары. || Итоги дня 12.05.2021 Влад Николаев Сирийские военные при поддержке ВКС России с 23 апреля ликвидировали 338 террористов и уничтожили свыше 80 объектов и укрытий террористов. Об этом сообщил представитель российской группировки войск в Сирии. Отмечается, что […] Обстановка на линии фронта за сутки: версии сторон Александра Донцова Донецкая Народная Республика Войска Киева за сутки два раза обстреляли ДНР. Об этом сегодня сообщило представительство Республики в Совместном центре контроля и координации режима прекращения огня (СЦКК). «Под удары попали […]
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: