Protesta di massa nel centro di Baghdad

  
0

1.

Iraq

Il canale di Al-Sumaria riferisce di una manifestazione nella capitale irachena contro la presenza americana. Secondo il canale, una grande manifestazione è iniziata venerdì mattina nel distretto di Al-Jadriah, nel centro di Baghdad. I manifestanti portano bandiere irachene e gridano slogan patriottici. Il canale riferisce anche che un politico sciita e leader religioso precedentemente influente, Muktad al-Sadr, che è uno dei leader del blocco Sairun nel parlamento iracheno, ha invitato le persone a uscire per una manifestazione pacifica che chiedesse la fine della presenza delle forze statunitensi nel paese.

2.

Iran

Il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Abbas Mousavi ha commentato le parole del rappresentante speciale degli Stati Uniti per l’Iran, Brian Hook, secondo cui il nuovo comandante delle forze speciali del Qud della Guardia rivoluzionaria islamica Esmail Qaani dovrà affrontare il destino del suo predecessore, il generale Kasem Suleimani, se ucciderà gli americani. Mousavi ha chiamato le parole del rappresentante speciale degli Stati Uniti per l’Iran «conferma e divulgazione del terrorismo statale mirato degli Stati Uniti». Mousavi ha sottolineato che in questo modo gli Stati Uniti confermano che il loro stato e le forze armate hanno commesso atti terroristici e continueranno ad agire in questo modo in futuro. Mousavi ha invitato la comunità internazionale a condannare le azioni statunitensi.

3.

Filippine

Il presidente filippino Rodrigo Duterte ha minacciato di annullare un accordo con gli Stati Uniti sullo spiegamento di truppe americane e attrezzature militari nel paese per condurre esercitazioni in relazione alla privazione del visto americano del senatore filippino Ronald Rose, secondo l’ABS-CBN. L’accordo, chiamato Accordo sulle forze di visita (VFA), è entrato in vigore nel 1999. Secondo Reuters, ha concesso lo status legale a migliaia di soldati americani che sono stati inviati nelle Filippine per condurre esercitazioni militari e operazioni umanitarie.

4.

Palestina

Il portavoce della leadership palestinese Nabil Abu Rudeyna ha dichiarato che le autorità palestinesi respingerebbero il piano americano per un accordo in Medio Oriente, noto anche come «accordo del secolo», in caso di violazione del diritto internazionale. Le parole del rappresentante della leadership palestinese guidano l’agenzia VAFA. Giovedì prima, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato la sua intenzione di annunciare il piano di insediamento degli Stati Uniti in Medio Oriente prima della visita del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu a Washington il 28 gennaio.

5.

Russia

Il presidente russo Vladimir Putin ha firmato i decreti sulla nomina dell’ex capo del Ministero dello sviluppo economico Maxim Oreshkin e dell’ex capo del Ministero della cultura Vladimir Medinsky come aiutante del presidente della Russia. L’ex vice primo ministro Dmitry Kozak è stato nominato vicedirettore dell’ufficio esecutivo presidenziale. I documenti sono stati pubblicati venerdì sul portale Internet ufficiale di informazioni legali. Tutti i decreti entrano in vigore dalla data della firma.

6.

Cina

La provincia cinese di Hubei ha annunciato il più alto livello di risposta alle emergenze di salute pubblica a causa di un grave scoppio di un nuovo tipo di coronavirus. Lo afferma una dichiarazione del governo provinciale. Il più alto livello di risposta alle emergenze legate alla salute pubblica è stato annunciato a Pechino. Attualmente, secondo il portale informativo di Wanyi, il numero di casi confermati di polmonite in Cina causati da un nuovo tipo di coronavirus è aumentato a 876 persone, 26 persone sono morte a causa della malattia.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

La Turquie a attaqué l’armée syrienne Александра Донцова 1.Syrie La ville syrienne de Jablé, qui se trouve à proximité du port maritime de Lattaquié, a été attaquée, rapporte la chaîne de télévision gouvernementale Surya. Les systèmes de défense aérienne de la Syrie ont repoussé […] Türkei griff syrische Armee an Александра Донцова 1. Syrien Die syrische Stadt Dschabla, die sich in der Nähe des Hafens von Latakia befindet, wurde angegriffen. Es wird vom staatlichen Fernsehsender Surya berichtet. Syriens Luftverteidigungssysteme wehrten die Angriffe auf […] La Turchia ha attaccato l’esercito siriano Александра Донцова 1. Siria La città siriana di Jeble, che si trova nelle vicinanze del porto marittimo di Latakia, è stata attaccata. Lo riporta il canale televisivo governativo Surya. I sistemi di difesa aerea della Siria hanno respinto gli […] Turquía atacó al ejército sirio Александра Донцова 1.Siria El canal de televisión Surya informa que la ciudad siria de Jabla, que se encuentra cerca del puerto marítimo de Latakia y la base aérea rusa de Khmeimim, fue atacaфda. Los sistemas de defensa aérea de Siria […] Turkey attacked the Syrian army Александра Донцова 1 Syria The Syrian city of Jebla, located near the seaport of Latakia, was attacked — the government TV channel «Surya» reports. The Syrian air defense systems repelled attacks around the city. Jebla is […] Armes américaines en Syrie. Une nouvelle opération turque Александра Донцова 1. Syrie. Armes américaines en Syrie Les armes transférées par les forces américaines étaient utilisées par des radicaux contre l’armée turque en Syrie, a déclaré le contre-amiral Oleg Zhouravlev, chef du Centre russe […] US-Waffen in Syrien. Neue Operation der Türkei Александра Донцова 1. Syrien Konteradmiral Oleg Shurawlew, Leiter des russischen Zentrums für die Versöhnung der Kriegsparteien in Syrien, sagte, dass von US-Streitkräften übertragene Waffen von Rebellen gegen das türkische Militär in Syrien […] Armi statunitensi in Siria. La nuova operazione di Turchia Александра Донцова 1. Siria. Armi statunitensi in Siria Il contrammiraglio Oleg Zhuravlev, capo del Centro russo per la riconciliazione delle parti in guerra in Siria, ha affermato che le armi trasferite dalle forze statunitensi sono state […] Las armas americanas en Siria. Nueva operación de Turquía Александра Донцова 1. Siria. Las armas americanas en Siria. TASS con referencia a Oleg Zhuravlev, el jefe del Centro de Reconciliación de las partes en conflicto en Siria ruso, informa que las armas que fueron transferidas por las fuerzas […]
Наверх Наверх