Protesta di massa nel centro di Baghdad

  
0

1.

Iraq

Il canale di Al-Sumaria riferisce di una manifestazione nella capitale irachena contro la presenza americana. Secondo il canale, una grande manifestazione è iniziata venerdì mattina nel distretto di Al-Jadriah, nel centro di Baghdad. I manifestanti portano bandiere irachene e gridano slogan patriottici. Il canale riferisce anche che un politico sciita e leader religioso precedentemente influente, Muktad al-Sadr, che è uno dei leader del blocco Sairun nel parlamento iracheno, ha invitato le persone a uscire per una manifestazione pacifica che chiedesse la fine della presenza delle forze statunitensi nel paese.

2.

Iran

Il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Abbas Mousavi ha commentato le parole del rappresentante speciale degli Stati Uniti per l’Iran, Brian Hook, secondo cui il nuovo comandante delle forze speciali del Qud della Guardia rivoluzionaria islamica Esmail Qaani dovrà affrontare il destino del suo predecessore, il generale Kasem Suleimani, se ucciderà gli americani. Mousavi ha chiamato le parole del rappresentante speciale degli Stati Uniti per l’Iran «conferma e divulgazione del terrorismo statale mirato degli Stati Uniti». Mousavi ha sottolineato che in questo modo gli Stati Uniti confermano che il loro stato e le forze armate hanno commesso atti terroristici e continueranno ad agire in questo modo in futuro. Mousavi ha invitato la comunità internazionale a condannare le azioni statunitensi.

3.

Filippine

Il presidente filippino Rodrigo Duterte ha minacciato di annullare un accordo con gli Stati Uniti sullo spiegamento di truppe americane e attrezzature militari nel paese per condurre esercitazioni in relazione alla privazione del visto americano del senatore filippino Ronald Rose, secondo l’ABS-CBN. L’accordo, chiamato Accordo sulle forze di visita (VFA), è entrato in vigore nel 1999. Secondo Reuters, ha concesso lo status legale a migliaia di soldati americani che sono stati inviati nelle Filippine per condurre esercitazioni militari e operazioni umanitarie.

4.

Palestina

Il portavoce della leadership palestinese Nabil Abu Rudeyna ha dichiarato che le autorità palestinesi respingerebbero il piano americano per un accordo in Medio Oriente, noto anche come «accordo del secolo», in caso di violazione del diritto internazionale. Le parole del rappresentante della leadership palestinese guidano l’agenzia VAFA. Giovedì prima, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato la sua intenzione di annunciare il piano di insediamento degli Stati Uniti in Medio Oriente prima della visita del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu a Washington il 28 gennaio.

5.

Russia

Il presidente russo Vladimir Putin ha firmato i decreti sulla nomina dell’ex capo del Ministero dello sviluppo economico Maxim Oreshkin e dell’ex capo del Ministero della cultura Vladimir Medinsky come aiutante del presidente della Russia. L’ex vice primo ministro Dmitry Kozak è stato nominato vicedirettore dell’ufficio esecutivo presidenziale. I documenti sono stati pubblicati venerdì sul portale Internet ufficiale di informazioni legali. Tutti i decreti entrano in vigore dalla data della firma.

6.

Cina

La provincia cinese di Hubei ha annunciato il più alto livello di risposta alle emergenze di salute pubblica a causa di un grave scoppio di un nuovo tipo di coronavirus. Lo afferma una dichiarazione del governo provinciale. Il più alto livello di risposta alle emergenze legate alla salute pubblica è stato annunciato a Pechino. Attualmente, secondo il portale informativo di Wanyi, il numero di casi confermati di polmonite in Cina causati da un nuovo tipo di coronavirus è aumentato a 876 persone, 26 persone sono morte a causa della malattia.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

L’UE ne reconnaît pas la légitimité de Loukachenko Александра Донцова 1 Libye Le chef du groupe terroriste de Daech (interdit en Russie) en Afrique du Nord, Abu Abdullah al-Iraqi, a été éliminé par l’Armée nationale libyenne lors d’une opération spéciale le 15 septembre, a relate […] Die EU erkennt Lukaschenkas Legitimität nicht an Александра Донцова 1. Libyen Die Nachrichtenagentur TASS berichtete unter Berufung auf eine Quelle der libyschen Nationalarmee, Feldmarschall Chalifa Haftar, dass der Führer der Terroristengruppe Islamischer Staat (IS, in Russland verboten) in […] L’UE non riconosce la legittimità di Lukashenko Александра Донцова 1 Libia L’agenzia di stampa TASS, citando una fonte dell’esercito nazionale libico, il feldmaresciallo Khalifa Haftar, ha riferito che il leader del gruppo terroristico dello Stato islamico (ISIS, bandito in […] La UE no reconoce la legitimidad de Lukashenko. Александра Донцова 1 Libia TASS con referencia a la fuente en el Ejército Nacional de Libia encabezado por Khalifa Haftar, informó que Abu Abdullah al-Iraqui, el líder del “Estado Islámico” (la agrupación terrorista que está prohibida en la […] The EU does not recognize Lukashenko’s legitimacy Александра Донцова 1 Libya The TASS reported while citing a source in the Libyan National Army, headed by Field Marshal Khalifa Haftar, that according to a local investigation — the head of the ISIS in North Africa, Abu Abdullah al-Iraqi, […] Новости на 16:00 24 сентября 2020 года Влад Николаев Пресс-секретарь МВД Белоруссии Ольга Чемоданова сообщила, что в Белоруссии в среду было зафиксировано 59 протестных акций в которых участвовали около 5 тыс. человек. Сообщается, что сотрудники правоохранительных органов […]
Наверх Наверх