Proteste in Bielorussia

  
0

1.

Bielorussia

In Bielorussia continuano le proteste, iniziate dopo le elezioni presidenziali. L’agenzia di stampa TASS ha riferito che dopo sette ore di confronto con i manifestanti, la polizia è riuscita a cacciarli dalle strade di Minsk. La polizia ha usato gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti vicino alla stazione della metropolitana Pushkinskaya. Nel centro di Minsk sono state udite esplosioni di granate stordenti. L’addetto stampa del ministero degli affari interni della Bielorussia Olga Chemodanova ha detto che un manifestante a Minsk è stato ucciso in scontri con le forze speciali. «Durante lo scontro con le forze speciali, arrivate per sbloccare la piazza, uno dei manifestanti ha cercato di lanciare un ordigno esplosivo non identificato verso le forze dell’ordine. È esploso nella sua mano, l’uomo ha ricevuto ferite incompatibili con la vita», ha detto nel suo canale Telegram. Ha anche sottolineato che ci sono detenuti, il loro numero non è riportato. In precedenza, il Comitato investigativo della Bielorussia ha aperto 21 procedimenti penali in relazione alle rivolte a Minsk e in altre città del paese dopo le elezioni presidenziali. L’indagine è condotta ai sensi degli articoli del codice penale del paese «Rivolte», «Resistenza a un dipendente degli organi per gli affari interni, associata all’uso della violenza o alla minaccia del suo uso», «Violenza o minaccia di violenza contro un dipendente degli organi per gli affari interni», «Teppismo», «Organizzazione e preparazione di azioni che violano gravemente l’ordine pubblico o partecipazione attiva ad esse «. Le sanzioni ai sensi di alcuni articoli prevedono pene fino a 15 anni di carcere, ha osservato il comitato investigativo della Bielorussia.

2.

Bielorussia

Il ministero degli Affari interni della Bielorussia ha affermato che nell’ultimo giorno sono state arrestate più di 2mila persone. È stato riferito che la notte dell’11 agosto sono state registrate manifestazioni in diverse città, «le più massicce a Minsk, Brest, Mogilev e Novopolotsk». «A seguito di azioni illegali, 21 dipendenti degli organi di affari interni e un militare delle truppe interne sono rimasti feriti, cinque di loro sono stati ricoverati», ha detto il ministero in un comunicato. Il ministero dell’Interno ha aggiunto che il ministero della Salute riferirà inoltre informazioni sul numero di persone che si sono rivolte alle istituzioni mediche del paese e sono state ricoverate in ospedale.

3.

Libano

Le proteste sono riprese nel centro di Beirut. Sky News Arabia ha riferito di scontri tra polizia e manifestanti. È stato riferito che i manifestanti, riuniti fuori dal palazzo del parlamento, hanno colpito le guardie con pietre. La polizia ha risposto con gas lacrimogeni. Le autorità libanesi hanno inviato importanti forze armate e di polizia nel centro della capitale per riportare la calma nelle strade. Secondo la Сroce Rossa Libanese, a seguito di scontri tra funzionari della sicurezza e manifestanti, almeno 45 persone sono rimaste ferite, sette delle quali sono state ricoverate in ospedale. I manifestanti hanno nuovamente tentato di irrompere in Place Etoile per impossessarsi del palazzo parlamentare. Dopo l’annuncio delle dimissioni di un gabinetto guidato dal primo ministro Hassan Diab, i leader dell’opposizione chiedono lo scioglimento della legislatura e elezioni generali anticipate, nonché un’indagine internazionale sull’esplosione del porto di Beirut.

4.

Pakistan-India

Il Times of India ha riferito che lunedì sera le truppe pakistane hanno sparato con armi leggere e colpi di mortaio su un certo numero di aree nel settore di Punch sulla linea di controllo, violando nuovamente il cessate il fuoco in Kashmir. Il fuoco di risposta è stato sparato dal lato indiano. In precedenza, il 9 agosto, anche i militari pakistani hanno sparato sul settore Punch. Il direttore generale della polizia del territorio alleato di Jammu e Kashmir, Dilbag Singh, ha detto che i bombardamenti da parte di personale militare pakistano trasporterebbero gruppi terroristici in India dai campi nel Kashmir controllato dal Pakistan. Secondo i dati indiani, ospitano circa 300 estremisti che si preparano a infiltrarsi in India.

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется


Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Читайте также:

ANNA NEWS радио
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: