Prova di un falso attacco chimico in Siria

  
0

1. ONU

Nel corso di una riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, la Russia ha presentato prove della falsificazione dell’uso di armi chimiche nella Duma siriana nel 2018. L’incontro è stato affrontato dal direttore della Fondazione per lo studio della democrazia, Maxim Grigoriev. Ha presentato ai membri del Consiglio di sicurezza le testimonianze dei residenti della Duma e ha anche affermato che i rappresentanti delle sue ONG erano in Siria più di 10 volte e hanno intervistato diverse centinaia di testimoni oculari di vari eventi. «Le testimonianze di questi testimoni sono prove indiscutibili che l’attacco chimico alla Duma è stato falsificato», ha detto Grigoryev. È stato anche mostrato un videomessaggio dell’ex esperto di missione OPCW Ian Henderson, che lavorava alla Duma. «Le conclusioni del rapporto finale erano contraddittorie o completamente opposte a quelle che il gruppo ha scoperto durante e dopo il viaggio alla Duma. Quando il rapporto intermedio è stato rilasciato nel luglio 2018, abbiamo capito che avevamo seri dubbi sul fatto che un simile attacco chimico si fosse verificato,» — cita le parole di un ex esperto OPCW RIA Novosti. Nonostante le prove, diversi paesi continuano ad accusare la Siria di usare armi chimiche. Il rappresentante permanente del Regno Unito presso l’ONU Karen Pierce ha accusato la Russia di aver tentato di «screditare l’OPCW rispettato e il suo staff».

2. Iran

Nel secondo rapporto preliminare dell’Organizzazione per l’aviazione civile iraniana sull’incidente dell’aereo dell’Ucraina International Airlines, è stato riferito che l’aereo di linea è stato abbattuto da due missili terra-aria a corto raggio dal sistema di difesa aerea Top-M1, i missili sono stati lanciati da nord. Il documento è pubblicato sul sito web del dipartimento iraniano. L’Ucraina International Airlines in volo da Teheran a Kiev si è schiantata dopo aver lasciato l’aeroporto di Teheran all’inizio di mercoledì 8 gennaio. Tutti a bordo sono morte 176 persone.

3. Iran

Il canale televisivo Al Arabiya, citando l’Organizzazione iraniana per l’aviazione civile, riferisce che le autorità iraniane hanno richiesto attrezzature dagli Stati Uniti e dalla Francia per decrittografare le scatole nere degli aerei Boeing 737 dell’International Airlines dell’Ucraina. L’Iran non ha la tecnologia necessaria per decrittografare i dati dal modello di scatole nere installate sui rivestimenti del Boeing 737. Il rapporto afferma che la Francia e gli Stati Uniti non hanno ancora dato una risposta positiva alla richiesta dell’Iran.

4. Turchia

Il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu su NTV ha dichiarato in diretta che la posizione del comandante del feldmaresciallo dell’esercito nazionale libico Khalifa Haftar indica che desidera una soluzione militare al conflitto in Libia. “Haftar deve arrivare a un accordo politico. Tutti i nostri sforzi, nella persona della Turchia, sono diretti proprio a questo «, ha detto Cavusoglu.

5. Russia

La portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha commentato le dichiarazioni del segretario di Stato americano Michael Pompeo secondo cui l’obiettivo di Washington è un cambio di potere in Venezuela. Le parole di Pompeo hanno confermato che gli Stati Uniti «non hanno mai abbandonato la tattica di interferire negli affari degli Stati indipendenti e la politica di cambio di regime», ha detto Zakharova. Lunedì prima, Pompeo, in un’intervista con la stazione televisiva colombiana di Caracol, ha dichiarato che l’obiettivo della missione americana era costringere il presidente venezuelano Nicolas Maduro a lasciare.

6. Ucraina

Vice segretario del Consiglio di sicurezza e difesa nazionale ucraino Sergey Krivonos in un’intervista al progetto Donbass di Radio Liberty. Realia «ha dichiarato che l’esercito ucraino dovrebbe essere pronto per la forte» liberazione «del Donbass, questa opzione non è esclusa. Krivonos ha anche sottolineato che le forze armate dovrebbero essere pronte per l’attuazione dello scenario croato. Il politologo ucraino Sergey Kutsenko, commentando questa affermazione, ha sottolineato che questa versione dello sviluppo degli eventi nel Donbass non è attualmente rilevante. Le parole di Kutsenko cita il canale «360».

главное за суткиновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

La explosión de la columna turca en Idlib Александра Донцова 1.Siria. Oleg Zhuravlev, el Jefe del Centro de Reconciliación de las partes en conflicto en Siria ruso, informó que los rebeldes de “Al-Islamad-Turquestani” (la agrupación que está prohibida en la Federación de Rusia) habían […] L’explosion d’un dispositif contre un convoi à Idlib. Александра Донцова 1.Syrie Le contre-amiral Oleg Zhuravlev, chef du Centre russe pour la réconciliation des parties belligérantes en Syrie, a déclaré que des radicaux du groupe Al-Islamad-Turkestani (interdit en Russie) ont effectué le 27 mai […] Die Explosion der türkischen Kolonne in Idlib Александра Донцова 1. Syrien Konteradmiral Oleg Shurawljow, Leiter des russischen Zentrums für die Versöhnung der Kriegsparteien in Syrien, sagte, dass die Explosion einer unkonventionellen Sprengvorrichtung in Idlib von Kämpfern der […] L’esplosione della colonna turca a Idlib Александра Донцова 1. Siria Il contrammiraglio Oleg Zhuravlev, capo del Centro russo per la riconciliazione dei partiti in guerra in Siria, ha affermato che i militanti del gruppo Al-Islamad-Turkestani (bandito nella Federazione Russa) hanno […] An attack on a Turkish convoy in Idlib Александра Донцова 1 Syria The head of the Russian Center for the Reconciliation of the warring parties in Syria, Rear Admiral Oleg Zhuravlev, announced that the terrorist group ‘Al-Islamad-Turkestani’ made an explosion with an […] Syrie. Une attaque contre les militaires américains Александра Донцова 1 Syrie L’agence syrienne d’Etat SANA citant des sources locales informe que les Etats-Unis ont envoyé le matériel militaire additionnel au nord-est du gouvernorat d’Hassaké. Le matériel sera utilisé pour renforcer les bases […] Syrien. Angriff auf US-Militär Александра Донцова 1. Syrien Die staatliche syrische Nachrichtenagentur SANA berichtete unter Berufung auf lokale Quellen, dass die Vereinigten Staaten zusätzliche militärische Ausrüstung in den Nordosten der Provinz Hasek geschickt hätten. […] Siria. Attacco a militari di USA Александра Донцова 1. Siria L’agenzia governativa siriana SANA, citando fonti locali, ha riferito che gli Stati Uniti hanno inviato ulteriori attrezzature militari nel nord-est della provincia di Hasek. Questa tecnica verrà utilizzata per […] Syria. An attack on the US forces Александра Донцова 1 Syria The Syrian state-run news agency ‘SANA’ reports, while citing the local sources, that the USA sent additional military equipment to the north-east of the province of Hasakah. The military equipment will be […]
Наверх Наверх