Prova di un falso attacco chimico in Siria

  
0

1. ONU

Nel corso di una riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, la Russia ha presentato prove della falsificazione dell’uso di armi chimiche nella Duma siriana nel 2018. L’incontro è stato affrontato dal direttore della Fondazione per lo studio della democrazia, Maxim Grigoriev. Ha presentato ai membri del Consiglio di sicurezza le testimonianze dei residenti della Duma e ha anche affermato che i rappresentanti delle sue ONG erano in Siria più di 10 volte e hanno intervistato diverse centinaia di testimoni oculari di vari eventi. «Le testimonianze di questi testimoni sono prove indiscutibili che l’attacco chimico alla Duma è stato falsificato», ha detto Grigoryev. È stato anche mostrato un videomessaggio dell’ex esperto di missione OPCW Ian Henderson, che lavorava alla Duma. «Le conclusioni del rapporto finale erano contraddittorie o completamente opposte a quelle che il gruppo ha scoperto durante e dopo il viaggio alla Duma. Quando il rapporto intermedio è stato rilasciato nel luglio 2018, abbiamo capito che avevamo seri dubbi sul fatto che un simile attacco chimico si fosse verificato,» — cita le parole di un ex esperto OPCW RIA Novosti. Nonostante le prove, diversi paesi continuano ad accusare la Siria di usare armi chimiche. Il rappresentante permanente del Regno Unito presso l’ONU Karen Pierce ha accusato la Russia di aver tentato di «screditare l’OPCW rispettato e il suo staff».

2. Iran

Nel secondo rapporto preliminare dell’Organizzazione per l’aviazione civile iraniana sull’incidente dell’aereo dell’Ucraina International Airlines, è stato riferito che l’aereo di linea è stato abbattuto da due missili terra-aria a corto raggio dal sistema di difesa aerea Top-M1, i missili sono stati lanciati da nord. Il documento è pubblicato sul sito web del dipartimento iraniano. L’Ucraina International Airlines in volo da Teheran a Kiev si è schiantata dopo aver lasciato l’aeroporto di Teheran all’inizio di mercoledì 8 gennaio. Tutti a bordo sono morte 176 persone.

3. Iran

Il canale televisivo Al Arabiya, citando l’Organizzazione iraniana per l’aviazione civile, riferisce che le autorità iraniane hanno richiesto attrezzature dagli Stati Uniti e dalla Francia per decrittografare le scatole nere degli aerei Boeing 737 dell’International Airlines dell’Ucraina. L’Iran non ha la tecnologia necessaria per decrittografare i dati dal modello di scatole nere installate sui rivestimenti del Boeing 737. Il rapporto afferma che la Francia e gli Stati Uniti non hanno ancora dato una risposta positiva alla richiesta dell’Iran.

4. Turchia

Il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu su NTV ha dichiarato in diretta che la posizione del comandante del feldmaresciallo dell’esercito nazionale libico Khalifa Haftar indica che desidera una soluzione militare al conflitto in Libia. “Haftar deve arrivare a un accordo politico. Tutti i nostri sforzi, nella persona della Turchia, sono diretti proprio a questo «, ha detto Cavusoglu.

5. Russia

La portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha commentato le dichiarazioni del segretario di Stato americano Michael Pompeo secondo cui l’obiettivo di Washington è un cambio di potere in Venezuela. Le parole di Pompeo hanno confermato che gli Stati Uniti «non hanno mai abbandonato la tattica di interferire negli affari degli Stati indipendenti e la politica di cambio di regime», ha detto Zakharova. Lunedì prima, Pompeo, in un’intervista con la stazione televisiva colombiana di Caracol, ha dichiarato che l’obiettivo della missione americana era costringere il presidente venezuelano Nicolas Maduro a lasciare.

6. Ucraina

Vice segretario del Consiglio di sicurezza e difesa nazionale ucraino Sergey Krivonos in un’intervista al progetto Donbass di Radio Liberty. Realia «ha dichiarato che l’esercito ucraino dovrebbe essere pronto per la forte» liberazione «del Donbass, questa opzione non è esclusa. Krivonos ha anche sottolineato che le forze armate dovrebbero essere pronte per l’attuazione dello scenario croato. Il politologo ucraino Sergey Kutsenko, commentando questa affermazione, ha sottolineato che questa versione dello sviluppo degli eventi nel Donbass non è attualmente rilevante. Le parole di Kutsenko cita il canale «360».

главное за суткиновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Attacco sull’Arabia Saudita Александра Донцова Il colonnello Turki al-Maliki, portavoce della coalizione araba guidata da Riyadh, ha detto che i sistemi di difesa aerea dell’Arabia Saudita hanno intercettato e distrutto missili balistici lanciati dai sostenitori del […] El ataque contra Arabia Saudita Александра Донцова Turki al-Maliki, el coronel y el portavoz de la coalición árabe liderada por Riad, declaró que los sistemas de defensa aérea de Arabia Saudita habían interceptado y habían destruido los misiles balísticos lanzados por los […] Les Frappes contre l’Arabie saoudite Александра Донцова Le colonel Turki al-Maliki, porte-parole de la coalition dirigée par l’Arabie saoudite, a déclaré que les systèmes de défense aérienne saoudiens avaient intercepté et détruit des missiles balistiques tirés par des […] Strike upon Saudi Arabia Александра Донцова Colonel Turki al-Maliki, the official representative of the Arabian coalition, led by Riyadh, announced that the Saudi Arabian air defense systems intercepted and destroyed ballistic missiles, launched in the direction of […] Angriff auf Saudi-Arabien Александра Донцова Oberst Turki al-Maliki, Sprecher der von Riad geführten arabischen Koalition, sagte, saudi-arabische Luftverteidigungssysteme hätten ballistische Raketen abgefangen und zerstört, die von Anhängern der jemenitischen […] Les forces aérospatiales russes frappent des radicaux à Idlib Александра Донцова 1. Syrie Le Centre russe pour la réconciliation des parties belligérantes en Syrie a déclaré qu’à la demande du commandement syrien des chasseurs Su-24 des Forces aérospatiales russes avaient attaqué des terroristes […] Russische Luft- und Raumfahrtkräfte griffen Rebellen in Idlib an Александра Донцова 1. Syrien Das Zentrum für die Versöhnung der Kriegsparteien in Syrien berichtete, dass Su-24-Flugzeuge der russischen Luft- und Raumfahrtkräfte auf Ersuchen des syrischen Kommandos Terroristen in der Deeskalationszone in […] Le forze aerospaziali russe hanno colpito i militanti a Idlib Александра Донцова 1. 8:00 Siria Il Centro per la riconciliazione delle parti in guerra in Siria ha riferito che le forze aviotrasportate russe Su-24, su richiesta del comando siriano, hanno attaccato i terroristi nella zona di de-escalation di […] La Fuerza Aeroespacial de Rusia atacó a los rebeldes en Idlib Александра Донцова 1.8:00 Siria El Centro de Reconciliación de las partes en conflicto en Siria ruso informó que, a petición del mando sirio, los aviones Su-24 de la Fuerza Aeroespacial de Rusia habían atacado a los terroristas en la zona de […]
Наверх Наверх