Prova di un falso attacco chimico in Siria

  
0

1. ONU

Nel corso di una riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, la Russia ha presentato prove della falsificazione dell’uso di armi chimiche nella Duma siriana nel 2018. L’incontro è stato affrontato dal direttore della Fondazione per lo studio della democrazia, Maxim Grigoriev. Ha presentato ai membri del Consiglio di sicurezza le testimonianze dei residenti della Duma e ha anche affermato che i rappresentanti delle sue ONG erano in Siria più di 10 volte e hanno intervistato diverse centinaia di testimoni oculari di vari eventi. «Le testimonianze di questi testimoni sono prove indiscutibili che l’attacco chimico alla Duma è stato falsificato», ha detto Grigoryev. È stato anche mostrato un videomessaggio dell’ex esperto di missione OPCW Ian Henderson, che lavorava alla Duma. «Le conclusioni del rapporto finale erano contraddittorie o completamente opposte a quelle che il gruppo ha scoperto durante e dopo il viaggio alla Duma. Quando il rapporto intermedio è stato rilasciato nel luglio 2018, abbiamo capito che avevamo seri dubbi sul fatto che un simile attacco chimico si fosse verificato,» — cita le parole di un ex esperto OPCW RIA Novosti. Nonostante le prove, diversi paesi continuano ad accusare la Siria di usare armi chimiche. Il rappresentante permanente del Regno Unito presso l’ONU Karen Pierce ha accusato la Russia di aver tentato di «screditare l’OPCW rispettato e il suo staff».

2. Iran

Nel secondo rapporto preliminare dell’Organizzazione per l’aviazione civile iraniana sull’incidente dell’aereo dell’Ucraina International Airlines, è stato riferito che l’aereo di linea è stato abbattuto da due missili terra-aria a corto raggio dal sistema di difesa aerea Top-M1, i missili sono stati lanciati da nord. Il documento è pubblicato sul sito web del dipartimento iraniano. L’Ucraina International Airlines in volo da Teheran a Kiev si è schiantata dopo aver lasciato l’aeroporto di Teheran all’inizio di mercoledì 8 gennaio. Tutti a bordo sono morte 176 persone.

3. Iran

Il canale televisivo Al Arabiya, citando l’Organizzazione iraniana per l’aviazione civile, riferisce che le autorità iraniane hanno richiesto attrezzature dagli Stati Uniti e dalla Francia per decrittografare le scatole nere degli aerei Boeing 737 dell’International Airlines dell’Ucraina. L’Iran non ha la tecnologia necessaria per decrittografare i dati dal modello di scatole nere installate sui rivestimenti del Boeing 737. Il rapporto afferma che la Francia e gli Stati Uniti non hanno ancora dato una risposta positiva alla richiesta dell’Iran.

4. Turchia

Il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu su NTV ha dichiarato in diretta che la posizione del comandante del feldmaresciallo dell’esercito nazionale libico Khalifa Haftar indica che desidera una soluzione militare al conflitto in Libia. “Haftar deve arrivare a un accordo politico. Tutti i nostri sforzi, nella persona della Turchia, sono diretti proprio a questo «, ha detto Cavusoglu.

5. Russia

La portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha commentato le dichiarazioni del segretario di Stato americano Michael Pompeo secondo cui l’obiettivo di Washington è un cambio di potere in Venezuela. Le parole di Pompeo hanno confermato che gli Stati Uniti «non hanno mai abbandonato la tattica di interferire negli affari degli Stati indipendenti e la politica di cambio di regime», ha detto Zakharova. Lunedì prima, Pompeo, in un’intervista con la stazione televisiva colombiana di Caracol, ha dichiarato che l’obiettivo della missione americana era costringere il presidente venezuelano Nicolas Maduro a lasciare.

6. Ucraina

Vice segretario del Consiglio di sicurezza e difesa nazionale ucraino Sergey Krivonos in un’intervista al progetto Donbass di Radio Liberty. Realia «ha dichiarato che l’esercito ucraino dovrebbe essere pronto per la forte» liberazione «del Donbass, questa opzione non è esclusa. Krivonos ha anche sottolineato che le forze armate dovrebbero essere pronte per l’attuazione dello scenario croato. Il politologo ucraino Sergey Kutsenko, commentando questa affermazione, ha sottolineato che questa versione dello sviluppo degli eventi nel Donbass non è attualmente rilevante. Le parole di Kutsenko cita il canale «360».

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

главное за суткиновостисобытия дня
Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Обстановка на линии фронта за сутки: версии сторон Александра Донцова Донецкая Народная Республика За прошедшие сутки со стороны украинских силовиков зафиксировано одно нарушение второго пункта Комплекса дополнительных мер по контролю за соблюдением режима прекращения огня. Об этом сообщили в […] Turquía acordó controlar el aeropuerto de Kabul || Спецвыпуск 29.08.2021 Александра Донцова 1.Buenos días, en el aire estoy yo, Svetlana Borónina, voy a presentarles noticas especiales de ANNA News. 2.El canal de televisión Al Jazeera informa que Turquía apoyó la propuesta de “Talibán” (el movimiento radical que […] Turkey agreed to control Kabul airport || Спецвыпуск 29.08.2021 Александра Донцова This is a special program from the ’ANNA NEWS’. I am Constantine Reztsov. Turkey agreed on the Taliban’s proposal to take control of the airport in the capital of Afghanistan — the ’Al Jazeera’ TV reported while citing […] Теракт в Кабуле || Итоги недели 28.08.2021 Влад Николаев В результате взрывов у международного аэропорта Кабула погибло уже по меньшей мере 170 человек, сообщили в Минздраве Афганистана. Большинство погибших — афганцы. Известно о гибели 13 американских военнослужащих и как минимум […] El acto terrorista en Kabul Александра Донцова El Ministerio de Salud afgano informó que como resultado de las explosiones que se habían producido en el aeropuerto internacional de Kabul, al menos a 170 personas habían muerto. La mayoría de los muertos son afganos. Se […] A terrorist attack in Kabul Александра Донцова The explosions at the Kabul international airport have already killed at least 170 people — the Afghan Ministry of Health reported. Most of the victims are Afghans. It was reported that 13 US servicemen and at least 28 […]
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: